Cronache Pongistiche Sardegna dell’11 Aprile 2019

Cronache Pongistiche Sardegna dell’11 Aprile 2019

COPPA DELLE REGIONI IN PUGLIA: OBIETTIVO TABELLONE

E’ giunta all’ora di pranzo di oggi a Molfetta (BA) la delegazione sarda che parteciperà all’edizione numero 39 della Coppa delle Regioni. Con il tecnico Francesca Saiu fanno parte della spedizione le giocatrici Serena Anedda (Muravera TT), Rossana Ferciug (TT Quattro Mori Cagliari) e i maschietti Elia Licciardi (Sporting Lanusei) e Manuel Broccia (TT Guspini). Parteciperanno in tutto venti squadre. “Considerato che il nuovo regolamento della manifestazione – dice Francesca Saiu – ha previsto il reinserimento dei nati nel 2004, ci siamo ritrovati con la stessa identica situazione dell’anno scorso. Serena Anedda però, seppur convocata, non poté partecipare all’ultimo momento, ma quest’anno avrà l’occasione di dare il meglio di sé. L’unico vero cambiamento si è avuto con una staffetta all’interno dello Sporting Lanusei dove Elia Licciardi è stato preferito ad Emanuele Cuboni. Cercheremo per quanto ci sarà possibile di superare la prima fase a gironi o in alternativa essere ripescati tra le migliori terze in modo da poter fare comunque il tabellone”. La formula prevede due singolari maschili, uno femminile, un doppio maschile e un doppio misto. Sarà una tre giorni serrata che si concluderà domenica.

Elia Licciardi (Foto Pasquale Piroddi)
Manuel Broccia (Foto Pasquale Piroddi)
Serena Anedda (Foto Pasquale Piroddi)
Rossana Ferciug (Foto Pasquale Piroddi)

CAMPIONATI REGIONALI INDIVIDUALI A GUSPINI SI RITROVANO BEN TRE CATEGORIE

Tornano di nuovo i Campionati regionali. Dopo aver fatto indossare le maglie scudettate ai pongisti militanti nelle categorie Assoluti, Terza e Paralimpici, ora c’è da consacrare i più bravi nella Quarta, Quinta e Sesta, maschili e femminili. L’appuntamento è per sabato 13 aprile e domenica 14 aprile 2019 presso il palazzetto dello Sport n. 2 di Guspini, con la società locale che coordinerà il tutto in collaborazione, come sempre, con la FITET Sardegna. Si comincia nel primo pomeriggio, alle 15:30, con i Sesta e l’indomani, dalle 10:00, sarà il turno dei Quinta maschili; due ore dopo cominciano quelli femminili. A partire dalle 15:00 via ai Quarta maschili e femminili.

La palestra di Guspini

DAGLI ORGANIZZATORI TANTO IMPEGNO E ALTRETTANTA PASSIONE

(a cura di Michele Lai)

Il trittico di campionati sardi 6a 5a e 4a previsto per il fine settimana di sabato e domenica 13 e 14 aprile rappresenta un carico gravoso per la nostra società. A memoria non credo che nel passato prossimo ci siamo mai cimentati nell’accogliere circa un centinaio di atleti condensati in un arco di tempo così breve e ciò a me personalmente da un lato incute timore e dall’altro entusiasmo, nella speranza di allestire un evento che venga accolto con piacere dalla maggior parte dei partecipanti. Mi auguro che perlomeno il clima vada incontro a un miglioramento e che non ci giochi brutti scherzi visto che il nostro palazzetto purtroppo per noi non è esente da infiltrazioni d’acqua in caso di temporali massivi. A parte queste problematiche strutturali non facilmente gestibili, vorrei che perlomeno la parte organizzativa fili liscia senza grossi intoppi, in particolare la domenica in cui non credo sarà così semplice rispettare alla lettera i tempi previsti vista la mole di atleti iscritti ai 5a e la successiva gara dei 4a.

La palestra di Guspini popolata (Foto Eleonora Piras)

La nostra società partecipa con praticamente tutti gli atleti a disposizione fatta eccezione per Manuel Broccia che sarà impegnato con la coppa delle regioni a Molfetta e speriamo di ottenere buoni risultati. Un elemento positivo è sicuramente rappresentato dal fatto che nei 6a circa un terzo degli iscritti sia costituito da atleti giovanili e ciò fa ben sperare per il futuro del pongismo isolano. La 5a categoria si riconferma come sempre la classe regina per numero di adesioni e forse perché regna l’incertezza e può permettere a tutti di divertirsi e perché no ambire alla vittoria finale. La 4a categoria si preannuncia una gara tosta con circa quindici massimo venti iscritti in cui ognuno potrà dire la sua in quanto nessuno parte sconfitto o vincitore in partenza. Detto ciò speriamo in due belle giornate di sport e che vinca il migliore!

FINALI REGIONALI GIOCHI STUDENTESCHI NEL GUILCER

C’E’ ANCHE IL TENNISTAVOLO

Martedì prossimo (16 aprile 2019) Norbello e Ghilarza diventano le capitali degli sport studenteschi regionali visto che nel Guilcer si riverseranno atleti provenienti da Istituti scolastici di tutta la Sardegna che hanno vinto le fasi provinciali. Sono quattro le discipline coinvolte: Tennistavolo, Calcio a 5, Pallavolo e Basket. Gli scolari appassionati di racchette e palline si sfideranno, solo nella mattinata, nella palestra di via Azuni, luogo in cui normalmente si possono ammirare le performance del Tennistavolo Norbello. Si comincia alle ore 10:00, sotto l’egida del MIUR e della Fitet Sardegna, a riprova di un sempre più stretto connubio con le istituzioni scolastiche: le squadre vincenti, maschili e femminili, avranno l’opportunità di partecipare alla fase nazionale. E’ previsto anche un torneo promozionale riservato ad alunni con disabilità. Per la zona sarà un’ottima vetrina di richiamo e ci si augura che la popolazione possa rispondere con partecipazione ad una tipologia di evento non contemplata in passato.

La palestra di Norbello ospita le finali studentesche di tennistavolo (Foto Stefania Serra)

SERIE A1: NON C’E’ PIU’ SARDEGNA IN A1 MASCHILE

TENNISTAVOLO NORBELLO FEMMINILE SCONFITTA IN GARA 1 SEMIFINALE PLAY OFF

In cinque giorni è successo veramente di tutto nelle parti basse della classifica di A1 maschile. I fuochi d’artificio sono cominciati venerdì quando la Marcozzi Cagliari è riuscita a cogliere la prima vittoria stagionale battendo il Lomellino e riaccendendo le proprie speranze di salvezza e anche quelle del Tennistavolo Norbello che dal team di Vigevano distava tre lunghezze. E l’indomani nel piccolo borgo del Guilcer il club giallo blu ha compiuto il piccolo miracolo riuscendo a sua volta nell’intento di mettere k.o i tre rappresentanti del sodalizio lombardo. In contemporanea, al Palatennistavolo di Cagliari, si assiste ad un altro acuto marcozziano che coglie un altro successo contro il Verzuolo.

Isiaka kazeem (Foto Stefania Serra)

A quel punto la situazione era la seguente: Lomellino 7 punti, con ancora due gare da disputare entro i tre giorni successivi, Tennistavolo Norbello 6 e Marcozzi 5, con le due sarde che si dovranno sfidare sabato sera a Mulino Becciu con inizio alle 19:30. Derby purtroppo inutile ai fini della salvezza perché nel frattempo il Lomellino si è superato spartendo la posta in palio prima contro il Carrara e successivamente con Milano, le due dominatrici incontrastate del campionato. Se non ci dovessero essere mutazioni straordinarie, l’anno prossimo la Marcozzi giocherà con 2 formazioni in A2 presumibilmente in due gironi diversi: e in uno di questi ci sarà anche il Tennistavolo Norbello.

Ntaniel Tsiokas del Tennistavolo Norbello (Foto Stefania Serra)

Tutto secondo pronostico a Norbello con il Castel Goffredo che battendo per 4-2 le guilcerine ha messo una serie ipoteca sull’accesso alla finale scudetto. Ritorno venerdì 12 aprile 2019 in Lombardia con inizio alle 18:00.

Magda Sikorska del Tennistavolo Norbello (Foto Stefania Serra)

SERIE A2: MARCOZZI DI NUOVO SECONDA, PLAY OFF PER I QUATTRO MORI CAGLIARI

Secondo successo consecutivo per la Marcozzi che riguadagna la posizione d’onore grazie all’importante successo colto con il Campomaggiore Terni che aveva il suo stesso ruolino di marcia. Si registrano le doppiette di Marco Poma e Stefano Tomasi.

“Sono molto contento perché questi due punti ci proiettano verso il secondo posto – conferma il tecnico Alessandro Poma – anche se in realtà i giochi sono fatti perché il Prato, meritatamente, ha guadagnato l’accesso in serie A1 con due giornate di anticipo. Inoltre sono giulivo perché era da tempo ormai che non riuscivo ad azzeccare la formazione. Gli incroci desiderati si sono quindi materializzati. Il loro cinese, che è una brutta gatta da pelare, l’ho voluto dare in pasto a Stefano Tomasi che dopo un primo set in cui sbaglia troppo, prende le misure innalzando la qualità nella risposta al servizio, a cui si aggiungono altre due varianti tattiche che gli permettono di dominare la partita. Dopo l’impennata di Carrara Marco Poma si è confermato, realizzando un’altra doppietta. La maturità acquisita a furia di giocare in questo campionato gli ha permesso di mettere in pratica per filo e per segno le tattiche che avevamo concordato per battere sia Marco Antonio Cappuccio, sia il nigeriano Babatunbe con il quale all’andata ci aveva perso. Ci attende la sfida con la neopromossa Prato che non regalerà niente e che affronteremo con ancora l’amaro in bocca della gara d’andata quando per un soffio rischiammo di vincere; se così fosse stato la corsa per il primato sarebbe stata più accesa. E poi concluderemo a Torre del Greco con un clima presumibilmente infuocato se i campani saranno ancora in piena lotta per non retrocedere. Gare molto utili per la crescita di Marco che ormai è diventato a tutti gli effetti giocatore di A2”.

Nell’ultimo concentramento del girone C di serie A2, che si è tenuto a Spadafora, il Quattro Mori Cagliari ha chiuso il girone in testa alla classifica con 9 vittorie ed una sconfitta. Al team di via Crespellani manca un solo tassello per completare l’ascesa in A1: vincere i play off a Terni previsti nel mese di maggio.

Il tecnico Sandro Poma con la sua A2 maschile Marcozzi

SERIE B1: MARCOZZI PIU’ TRANQUILLA

Altro bel balzo in classifica per il team marcozziano che raggiunge il centro classifica anche se il discorso salvezza è ancora apertissimo, considerata la classifica corta. Grande soddisfazione è stata espressa da Massimo Ferrero che nella gara vinta con la Sportenjoy Rosanero ha colto la prima e l’ultima vittoria della gara conclusasi per 5-0. Gli altri punti portano la firma di Marco Sarigu (2 punti) e Stefano Curcio.

SERIE B2/M: SANTA TECLA NULVI VITTORIOSA SU IL CANCELLO ALGHERO

PERDONO LE ALTRE SARDE

Sconfitta di misura per il Muravera TT in quel di Mugnano. “Purtroppo eravamo privi di Stefano Macis – narra Nicola Pisanu – e il nostro compagno di squadra occasionale Salvatore Di Marino non ha giocato i suoi incontri. Dunque io e Simone Boi abbiamo perso questo incontro per 5-4 con 2 punti suoi e 2 punti miei. Nonostante fosse esattamente dal 10 Marzo senza toccare racchetta, Boi ha comunque espresso un buon gioco riuscendo a portare a casa il match contro Ferdinando Coletta per 3-1 e contro Oreste Coletta per 3-0. Purtroppo contro Alessio Bocciardo ha perso 3-0 con poche chance di entrare in partita. Anche io ho portato i miei due punti contro Ferdinando Coletta sempre 3-1, con rischio di andare al quinto set, e contro Oreste Coletta per 3-0. Contro Alessio Bocciardo ho perso 3-1 giocando discretamente per un set e mezzo ma per il resto il mio avversario è stato davvero bravo”.

Nicola Pisanu (Foto Tomaso Fenu)

Derby vibrante in quel di Nulvi. “La vittoria di sabato contro Il Cancello Alghero – commenta Francesco Ara – ci permette di riavvicinarci alla zona salvezza, che resta però un miraggio in quanto gli scontri diretti e il calendario delle due ultime giornate non sono dalla nostra parte. Ad aprire l’incontro è stato il match tra Basiru Oladimeji e Maurizio Muzzu. Sfida all’ultimo sangue terminata 15-13 al quinto in favore di Muzzu. Incontro molto nervoso, caratterizzato da diverbi piuttosto accesi tra i due giocatori e l’arbitro, che si è trovato a dover dirigere, alla sua prima esperienza, un incontro molto importante e delicato. Queste tensioni hanno un po’ rovinato quel clima di amicizia e divertimento che non dovrebbe mai venir meno in una competizione sportiva. Dopo essere riusciti a placare gli animi si parte con la seconda sfida che vede di fronte me e Marco Tiloca. L’incontro vero e proprio inizia solo nel terzo set, dato che nei primi due c’è un solo giocatore in campo. Dopo essere riuscito finalmente ad entrare in partita a livello mentale mi aggiudico il terzo set ma perdo poi il quarto e quindi l’incontro. La situazione si fa subito critica, ci troviamo sotto 2-0. A dimezzare lo svantaggio ci pensa Giancarlo Carta, che per la prima volta in questa stagione riesce a battere Carlo Fois. Pareggio i conti io grazie alla vittoria per 3-0 su Muzzu: match vinto senza grandi colpi da parte mia, ma con pochissimi errori commessi. Inaspettatamente riusciamo a ribaltare il risultare ed effettuare prima il sorpasso con la vittoria di Basiru su Fois (3-1) e l’allungo con la vittoria di Carta su Tiloca (3-0). Quando l’incontro sembra ormai nelle nostre mani Il Cancello si rifà sotto riuscendo a recuperare lo svantaggio e portare la sfida al nono e decisivo match. La partita tra me e Fois è una pura formalità: lui non sbaglia una singola palla e io non riesco a trovare nessun mezzo per contrastarlo; 3-0 per lui. L’incontro tra Carta e Muzzu è stato invece caratterizzato da un capovolgimento di fronte dopo l’altro. Dopo essersi portato sul 2-0 Carta si è trovato in vantaggio di almeno quattro punti o più in tutti e tre i set successivi senza però mai riuscire a capitalizzare e subendo sempre la rimonta dell’avversario che finisce con l’aggiudicarsi incredibilmente la partita. Sul 4-4 fortunatamente non c’è storia: 3-0 per Basiru su Tiloca. Al di là del risultato, né vincitori e né vinti tornano a casa particolarmente felici proprio a causa del brutto clima che ha contraddistinto gran parte dell’incontro, nonostante si sia comunque riusciti a chiarire e a risolvere a fine partita. Noi ritroviamo una vittoria che mancava proprio dalla partita di andata con Alghero. Vittoria che fa morale e soprattutto ci evita la condanna prematura alla retrocessione, lasciandoci ancora qualcosa per cui combattere nelle ultime due giornate che si disputeranno nel mese di maggio”.

Francesco Ara (Foto Tomaso Fenu)

Troppo forte la King Pong Roma per la Muraverese. La disamina del pongista sarrabese Riccardo Dessì: “Affrontiamo la capolista che per l’occasione porta i tre più forti della sua rosa. Sappiamo che vincere la partita sarà difficile ma proviamo ad impensierirli. Marcello Porcu, con Luisiano Perez, parte strappando un po’ i colpi, poi riesce a giocare alla pari vincendo il terzo set. Nel quarto continua giocando bene ma non basta e la prima finisce 3-1. Io con Levati perdo il primo facile poi faccio partita pari: nonostante abbia l’opportunità di vincere sia il secondo, sia il terzo set, non riesco a ribaltare le sorti. Al contrario vengo punito prima dalla sua forza e dopo da uno spigolo e una retina: perdo 3-0. Riccardo Lisci con Mascoli non riesce mai a trovare le giuste contromisure e nonostante due set finiscano ai vantaggi perde senza avere troppe possibilità. Cosi anche Marcello con Levati. Quindi Lisci-Perez sembra una partita senza storia dove Riccardo è in pieno controllo dell’avversario. Sul 2-0 c’è un calo, però sul 2-1 10-9, quando tutto sembra finito, uno spigolo in risposta al servizio permette al romano di rientrare in partita. Sul 2-2 9-9 un altro spigolo di Perez taglia le gambe al povero Lisci che deve soccombere. Partita difficile dove la fortuna non ha aiutato: ora ci prepariamo per le prossime due partite per noi importantissime perché la lotta salvezza è in pieno equilibrio e solo l’ultima giornata decreterà chi delle tre sarde non retrocederà”.

Riccardo Dessì (Foto Gianluca Piu)

SERIE B FEMMINILE: TENNISTAVOLO NORBELLO E MURAVERA TT PENSANO AI PLAY OFF

Due compagini isolane saranno di scena a Terni, nel mese di maggio, per i play off promozione. Favoritissima di sicuro è il Tennistavolo Norbello che durante la regular season ha sempre vinto con le sue invincibili Gohar Atoyan, Anna Brzan e la capitana Marialucia Di Meo. Ma anche le giovani atlete del Muravera TT daranno il massimo per tentare la scalata.

Di seguito alcuni commenti dal concentramento di Roma.

Marialucia Di Meo (Tennistavolo Norbello): “Siamo molto felici del risultato dell’ultimo concentramento. Confermare il primato in classifica era importantissimo in vista dei play off. Anche se siamo sempre state considerate le favorite questo sport mi ha insegnato che mai nulla è scontato, ma il 4-0 contro Roma e il 4-0 contro la diretta inseguitrice Muravera ha confermato la nostra forza. Dopo i festeggiamenti la nostra testa si è spostata immediatamente ai Play off. Vogliamo questa promozione per noi, per la squadra e daremo come sempre il massimo per fare questo regalo al presidente Simone Carrucciu”.

Marialucia Di Meo (Foto Gianluca Piu)

Francesca Saiu (Muravera TT): “Con la qualificazione ai play off già in tasca abbiamo affrontato le altre due compagini sarde che compongono il girone. Nella vittoria conseguita sul Quattro Mori Cagliari tutti i pronostici sono stati rispettati. Sara Congiu cede l’unico punto a Silvia Deligia in quanto la pongista cagliaritana esprime un gioco che alla mia atleta non va proprio a genio ma a mio avviso non si è neppure espressa al massimo delle sue potenzialità. Contro il Tennistavolo Norbello all’andata perdemmo 4-1 con partite comunque tirate, ma in questa circostanza, a parte il match tra Aurora Piras e Gohar Atoyan terminato ai vantaggi del quinto set, tutte le altre partite non hanno avuto storia. A maggio la mia società sarà coinvolta sia con i Play off di B, sia con quelli di C femminile con le giocatrici Francesca Seu e Alessandra Stori”.

Aurora Piras (Foto Marta Moratti)

Silvia Deligia (Quattro Mori Cagliari): “Due partite toste ma non impossibili se si fosse usata la testa e parlo per me, in primis. Primo match delle ore 10 contro la squadra sarda del Muravera TT composta da Mattana, Piras e Congiu e seguita dal tecnico Saiu. Perdiamo 4-1, non con facilità, le partite ce le siamo giocate. L’unico nostro punto Io faccio io con un’ottima Sara Congiu che negli ultimi punti perde la pazienza e la testa concedendomi così la vittoria. Aurora Piras vince due partite su Ferciug, facile 3-0,e con Beatrice Mozzi 3-2. La partita più sentita e probabilmente anche quella che ha messo più tensioni in campo, è stata quella di Rossana contro Congiu: Rossana ha giocato molto bene tanto è vero che pensavo ai precedenti con Sara e mi sembrava di ricordare che non le avesse neanche mai preso un set. Quindi una partita conclusasi 12-10 al quinto set, era già un gran risultato. La nostra tattica di gioco era molto chiara: tirare piano con qualità, quello che Rossana doveva evitare era accelerare i ritmi. Sara è bravissima nelle palle veloci, schiaccia tutto, ed ho potuto constatare lo stesso nella mia partita. Mi sono resa conto che se aprivo io o acceleravo un po’, lei aveva già il punto in tasca. Alla fine è Sara ad avere la meglio. E infine Beatrice perde 3-1 con Alice Mattana. Cediamo cosi la vittoria al Muravera per 4-1. Neanche il tempo di rimettersi la giacca per un piccolo break che gli arbitri ci richiamano subito per fare sorteggi e iniziare la partita successiva. Per questo match, sono sincera, ho molto rammarico: i risultati delle mie partite contro Giacobelli e Fontanella sono netti: 3-1 e 3-0 per le avversarie. Ma ogni set era combattuto sempre ai vantaggi e questo mi fa un po’ di rabbia perché mi sveglio sempre a metà partita quando ormai è troppo tardi. Beatrice ha giocato molto bene con Fontanella, sono molto soddisfatta, mi piace la sua attenzione nei consigli che le do e la sua dedizione a metterli in atto. Quindi secondo me se avesse un po’ più di fiducia in sé stessa le partite sarebbero un po’ diverse. Lei ha bisogno di essere sostenuta e io sarò sempre lì a farlo. E infine Rossana nulla può contro una grande giocatrice come Mauriello. Non mi sono piaciuta in questo concentramento, ho fatto un terzo di quello che erano le mie possibilità. Mettendo da parte la partita con Congiu, erano le altre due con giocate con il Mugnano che mi interessavano. Probabilmente se avessi messo la testa in campo, evitando di fare l’attaccante che non sono, avrei vinto, ne sono proprio certa. Ma va bene così, ora mi lascio alle spalle la B e penso a questo fine settimana quando giocherò i Quarta a Guspini”.

Silvia Deligia (Foto Omaso Fenu)

SERIE C1/M: TENNISTAVOLO SASSARI E MURAVERESE SEMPRE SECONDE

Entrambe continuano ad inseguire la capolista Roma 12. Tennistavolo Sassari e Muraverese hanno ancora due giornate a disposizione per sperare.

La prima espugna il campo di Tennistavolo Norbello ormai retrocesso: “Ci presentiamo al completo – illustra il dirigente sassarese Mario Santona – con Tonino Pinna, Luca Baraccani e Maurizio Ledda, decisi a proseguire la serie positiva e coltivare il sogno promozione. In effetti viene fuori una partita quasi a senso unico che riusciamo a portare a casa con il risultato di 5 a 2. Mattatore dell’incontro Tonino Pinna autore di tre punti coadiuvato alla grande da un inossidabile Luca Baraccani che realizza una doppietta. Il solo Maurizio Ledda ha giocato al di sotto dei suoi livelli. Proprio su Maurizio puntiamo e speriamo che possa fare un ulteriore salto di qualità. Ora ci prepareremo per la sfida a Roma, vero e proprio spareggio promozione”.

Tonino Pinna (Foto Luciano Marzulli)

Il team sarrabese ottiene il successo casalingo contro le l’ITC Enrico Fermi Iglesias. “Le Tigri sulcitane – espone Alberto Mattana – si presentano senza Giovanni Siddu, ma comunque con una formazione di tutto rispetto (Bruno Pinna, Gabriele Melis e Roberto Pili). Nella prima partita Andrea Piras riesce a strappare la vittoria su Pili per 3-2, non giocando al suo meglio ma dimostrando anche nella difficoltà di saper gestire la partita. La mia con Pinna è una formalità: nonostante fossi sempre in vantaggio, non vinco un set e lui chiude 3-0. La sorpresa accade nell’ultima partita della prima serie di incontri quando un agguerrito Gabriele Melis vince ai vantaggi del quinto set contro un Francesco Lai sceso in campo troppo molle e non capace di chiudere la partita sull’8-4 a suo favore al quinto set. Ci ritroviamo 3-1 per loro quando Bruno Pinna, sbagliando poco e nulla, vince contro Andrea Piras per 3-1. Un Piras in difficoltà fino a questa partita. Scende in campo Francesco che, già scottato dalla partita precedente, liquida abbastanza agevolmente Roberto Pili per 3-0. Consapevole del fatto che la mia partita sarebbe potuta essere decisiva, scendo in campo contro Gabriele Melis con un pizzico di grinta in più e riesco a portare a casa il punto con un 3-1 combattuto. Rientra Francesco che non sottovaluta Bruno Pinna e con la mentalità giusta vince comodamente per 3-0 senza mai mettere in discussione la partita. Ribaltato il risultato a nostro favore, spetta ad Andrea chiudere il conto. Si impone per 3-1 (sempre in sofferenza) su un Gabriele Melis acciaccato che probabilmente aveva dato troppo nelle prime due partite. Rimaniamo in corsa consapevoli di essere la squadra meno attrezzata per la promozione, ma sperare non costa nulla”.

Alberto Mattana (Foto Davide Saiu)

SERIE C2/M: IL TT GUSPINI SALE IN C1

La vittoria per 4-2 sul campo del Decimomannu certifica la promozione in C1 del TT Guspini con due giornate di anticipo. Le considerazioni di Michele Lai: “ Sono contento perché ho potuto constatare, forse per la prima volta da quando gioco con Massimo e Francesco Broccia, che la compattezza di squadra è presente e valida e i miei compagni hanno saputo sopperire (alla grande), alla mia personale débâcle regalandosi e regalandoci una meritata ascesa di campionato. La mia giornata no inizia con una sconfitta per 3-2 patita ai danni di Riccardo Rossi, bravo a sfruttare i suoi servizi, le variazioni con la puntinata e la mia scarsa reattività sia fisica, sia mentale. Francesco riporta in parità l’incontro superando per 3-1 un ottimo Gianfranco Soi che all’inizio mette in difficoltà il mio giovane compagno; “Broccino” però non si scompone e con tranquillità poi ha la meglio. Massimo disputa una partita sublime opposto a Mariano Zucca e con una condotta tattica eccellente vince agevolmente per 3-0. Rientra quindi in campo Francesco che grazie alla sua freschezza atletica e a colpi sempre più efficaci scardina l’esperienza del veterano Rossi per 3-0. Contro Mariano Zucca ho il demerito di non tenere mentalmente la concentrazione per tutto il match, cosicché dopo i primi due set da me aggiudicati il mio avversario rientra alla grande e mi imbriglia tatticamente meritandosi di vincere per 3-2. Il punto finale della vittoria per noi lo porta in saccoccia Massimo che quasi annichilisce per 3-0 un Soi comunque caparbio e mai domo. Il giudizio finale del nostro campionato fino ad ora non può che essere positivo e ha evidenziato soprattutto la crescita e i miglioramenti di Francesco che ora merita di confrontarsi con un livello superiore di competitività agonistica. Non so cosa ci riserverà il futuro per il prossimo anno perché io non voglio e non posso affrontare come titolare un campionato con trasferte oltre Tirreno sia per motivi di lavoro, sia di carenza di allenamenti. Allo stesso modo non conosco le possibilità economiche della società e se a tutto ciò si aggiunge che gli altri atleti guspinesi di livello giocano per altre società non so cosa ne potrà venir fuori. Il mio attuale desiderio è che crescano alle spalle di Francesco i suoi cuginetti Luca e Manuel così come gli altri bambini del vivaio nell’ottica di un ricambio generazionale che mi auguro avvenga il più rapidamente possibile. Per gli altri il divertimento credo che non mancherà nelle varie competizioni regionali”.

Il Tennistavolo Guspini promosso in C1

Inutile tentativo del Monserrato per avvicinarsi alla neopromossa. La vittoria sul Tennistavolo Norbello gli consente però di consolidare la seconda piazza “Avevamo ben poco ben poco da chiedere – afferma Marco Saiu – al cospetto della formazione di casa che si presenta con una squadra rimaneggiata, due terzi dei quali rappresentanti del gentil sesso: la ex monserratina Eleonora Trudu e la beniamina di casa Martina Mura; completa il terzetto il buon Andrea Franceschi. La squadra ospite, invece, in formazione tipo, con il fortissimo Marco Pisu, giocatore eclettico, appassionato di Topolino ed ex seconda categoria, ed i giovani Alberto Puzzoni e Marco Saiu, prossimi al diventare veterani. Per la cronaca Pisu e Saiu vincono facilmente i loro incontri contro Franceschi/Mura e Trudu/Franceschi, mentre Puzzoni, scarico dalla vittoria della precedente partita, dopo aver regolato Mura, perde contro una sempre fortissima Trudu. Probabilmente ritroveremo gli amici di Norbello anche il prossimo anno in serie C2 in quanto vicino purtroppo anche alla retrocessione dalla C1, ma non possiamo che augurare una prossima promozione”.

Marco Saiu (Foto Tomaso Fenu)

Con il successo sull’Azzurra Cagliari, La Saetta Quartu scavalca il Decimomannu e guadagna la terza piazza. “Altra sconfitta per noi e speranze di salvezza che si assottigliano ulteriormente – ammette un deluso Maurizio Piano – visto che il Tennistavolo Sassari ci ha ora raggiunto al terz’ultimo posto e un arrivo finale a pari punti favorirebbe loro in virtù degli scontri diretti. Contro La Saetta sapevamo sarebbe stata una gara molto difficile, nonostante la nostra vittoria nella gara del girone d’andata, e tale si è rivelata. Noi siamo scesi in campo con la formazione titolare formata dal sottoscritto, Roberto Murgiano e Alessandro Polese, mentre i nostri avversari hanno dovuto rinunciare per infortunio a Michela Mura (tanti auguri di buona e pronta guarigione) e hanno schierato Lorenzo Piras, Mauro Locci e Christian Ferro. Ad aprire i giochi siamo stati io e Piras, col mio avversario a partire meglio e far suo il primo set; poi ho cominciato ad ingranare meglio io e a fatica (13-11) sono riuscito a vincere il secondo parziale. Mentre io ho proseguito nel trend positivo, però, Lorenzo si è disunito, subendo il mio gioco senza riuscire a reagire ed ho così fatto miei i successivi due set. La seconda partita fra Locci e Murgiano aveva sulla carta poco da dire visto che quello saettino è atleta di livello ben superiore a tutti noi della C2 e la vittoria non gli è infatti mancata, anche se il giocare troppo rilassato gli ha fruttato la sconfitta nel secondo set. La terza partita ha visto protagonisti Polese e Ferro, col mio compagno di squadra che ha conteso all’avversario i primi due set punto su punto, mancando però nei momenti finali, perdendo entrambi i set ai vantaggi e infine per 3-0 il match. Sono quindi tornato in campo io affrontando, per la prima volta nella mia lunga carriera, Locci: sono sceso in campo determinato a fare qualche punto di mio e non per grazia ricevuta di suoi eventuali errori, giocando senza snaturare il mio gioco d’attacco e ben sapendo che la vittoria del mio avversario non sarebbe stata comunque in discussione se solo lui avesse giocato con un minimo di concentrazione. Così infatti è stato e il 3-0 finale ne è testimonianza. Sul 3-0 per i nostri avversari è stato Polese a scendere in campo per mantenere vive le nostre speranze di conquistare almeno un pareggio: contro Piras ci ha provato, combattendo in tutti i set, ma alla fine ha dovuto cedere per 3-1. A risultato ormai acquisito, poi, Murgiano e Ferro hanno dato vita a una partita giocata senza nulla da perdere e si sono dati battaglia set dopo set, col mio compagno di squadra che è poi riuscito a spuntarla per 3-2 in rimonta, vincendo 13-11 e 11-9 gli ultimi due set. Ora ci attendono tre settimane di pausa prima delle ultime due gare di campionato: contro il Monserrato ci giocheremo le nostre residue chance di salvezza e speriamo di arrivare a quella partita tutti nelle migliori condizioni così da giocarcela fino in fondo, perché anche un pareggio con tutta probabilità non basterebbe per evitare la retrocessione”.

Maurizio Piano (Foto Tomaso Fenu)

Anche il Tennistavolo Sassari continua a sperare: “Vittoria di cuore per 5-1 sull’Alghero – rivela Luca Pinna – in un gara che non dovevamo assolutamente perdere per non inguaiarci in fondo alla classifica. Per questo motivo abbiamo affrontato tutte le gare con molta concentrazione. La prima ha visto come protagonisti me e Emilio Albero; dopo i primi quattro set combattutissimi siamo andati al quinto dove sono riuscito a vincerlo facilmente. Benché Marcello Cilloco ce l’abbia messa tutta nell’affrontare Carmine Niolu, ci perde ai vantaggi del quinto set, anche perché il catalano è un osso durissimo. Marcello Adriano Pinna vince abbastanza agevolmente contro Efisio Pisano gestendo la gara con tranquillità. Si chiude al quinto set anche la contesa successiva tra me e Niolu, molto tirata e sudata. Per esempio, nel quarto set perdevo 10-5 e sono riuscito a recuperare e vincere ai vantaggi. E anche al quinto set è terminata ai vantaggi: è stata dura ma mi compiaccio per la prestazione fornita. Marcello Pinna si ripete in maniera tranquilla anche su Albero e a chiudere Marcello Cilloco realizza il quinto punto nostro su Pisano. Voglio sottolineare la determinazione messa in campo da tutti i miei compagni”.

Marcello Adriano Pinna (Foto Gianluca Piu)

SERIE D1/A: LA SAETTA ALLUNGA SUL MURAVERA TT

Il testa – coda del campionato ha visto primeggiare la capolista La Saetta sul Quattro Mori Cagliari. Nel frattempo il Muravera TT ha impattato con il Rosmarino consentendo al team quartese di portare a tre lunghezze il suo vantaggio in graduatoria.

Sul 3-3 di Carbonia ecco la cronaca sviluppata da Enrico Bianciardi: “Entrambe le formazioni si giocano qualcosa di importante: noi la salvezza, loro la promozione in C2. Le ragazze partono fortissimo, con Aurora Piras che ha la meglio su Pietro Pili con un secco 3-0. La seconda gara vede Angelo Serri contro Alice Mattana: questa volta è più combattuta, ma al quinto set la spunta Alice. Il terzo incontro si è disputato tra Enrico Bianciardi e Sara Congiu. Anche in questo caso ha avuto la meglio la giocatrice di Muravera per 3-0. Ormai sembrava tutto fatto per loro, ma a questo punto è iniziata la nostra inaspettata rimonta. Inizia Angelo che dopo una combattutissima gara riesce a vincere al quinto set. Dopo è la volta di Pietro che riesce ad avere la meglio su Sara al quarto set. Le sorti della gara sono nelle mani mie e di Alice. Ci siamo dati battaglia colpo su colpo ed alla fine sono riuscito a portare a casa il punto del nostro pareggio che, per come si erano messe le cose fin dall’inizio, sembrava impossibile. Concludendo: noi continuiamo il nostro cammino verso la salvezza; loro si sono complicate un pochino il cammino verso il salto di categoria, ma niente è perduto”.

Un servizio di Enrico Bianciardi (Foto Tomaso Fenu)

La Muraverese si impone sul Monserrato: “Dopo la sconfitta contro la Saetta – descrive Michele Buccoli – era importante vincere per rimanere terzi e non calare ulteriormente di posizione. Il Monserrato è orfano del loro giocatore più forte, ovvero Fabrizio Carta. Per noi, in seguito al riscaldamento, dà forfait Mario Bordigoni, causa un problema fisico, di conseguenza parte titolare Gianluca Mattana al posto suo. Io vinco la prima su Dino Aresu. Marco Cocco parte bene con Riccardo Di Giovanni stravincendo il primo set, ma nei restanti tre disputa tutta un’altra partita, come se si fosse improvvisamente scordato come si giochi, perde i successivi tre e la partita si conclude appunto 3-1 per Di Giovanni. Gianluca gioca bene e vince contro Gian Paolo Manca 3-1. In seguito io e Gianluca chiudiamo la pratica vincendo rispettivamente con Di Giovanni e Aresu. L’ultimo match vede scontrarsi Cocco e Manca, anche questa volta il mio compagno gioca in modo pessimo e di fronte all’esperienza del suo avversario, non riesce a spuntarla perdendo 3 a 1. La partita si conclude 4-2 per noi”.

Michele Buccoli (Foto Gianluca Piu)

Sulla gara tra Torrellas Capoterra e Azzurra Cagliari intervengono sia Marco Sanna, sia Pierluigi Montalbano che l’ha vista così: “Scontro di centroclassifica nel quale ci presentiamo con una formazione che ha giocatori e riserve tutti nati nel 1960. Finisce in parità, 3-3, una gara equilibrata con gli ospiti che all’ultimo momento sono costretti a non schierare Massimo Atzeni alle prese con una fastidiosa lombalgia. Inizia subito Pierluigi Montalbano che riesce a mantenere la concentrazione e avere la meglio sul gioco difensivo di Marco Sanna. I locali reagiscono subito portandosi sul 2-1 con le vittorie di Celestino Pusceddu su Gianfranco Manca, dopo un avvio assai equilibrato, e di Licio Rasulo su Gianni Pomata, autori del match più bello e combattuto della serata. Gli ospiti pareggiano con Montalbano che, guarito completamente dal brutto infortunio al tendine d’Achille, ritorna ai livelli della scorsa stagione e vince 3-1 con Celestino Pusceddu. L’ultimo giro di formazione vede fronteggiarsi Marco Sanna contro Giovanni Pomata. Si va sul 2-0 per Sanna ma con un lento e costante recupero il giocatore dell’Azzurra si porta sul 2-2 e si va alla bella. Punto su punto i due giocatori arrivano al momento decisivo e Pomata riesce a chiudere la partita portando in vantaggio gli ospiti. Il definitivo 3-3 è conquistato da Licio Rasulo che ha la meglio su Gianfranco Manca nonostante un avvio stentato. Un punto a ciascuno e le due squadre si portano in una posizione di classifica rassicurante, in un campionato equilibrato che non ha ancora definito promozioni e retrocessioni”.

Pierluigi Montalbano (Foto Tomaso Fenu)

La visione di Marco Sanna: “Un pareggio importante che ci avvicina alla salvezza matematica a due giornate dalla fine. La vittoria non è arrivata per un soffio, peccato! Con Pomata vincevo 2-0, ma alla lunga non sono riuscito a tenere la giusta concentrazione e il mio avversario è stato bravo ad approfittarne: 2-3 per lui. In precedenza avevo perso 3-0 con Montalbano, senza riuscire mai ad entrare in partita. I miei compagni, per fortuna, non mi hanno imitato: Licio Rasulo ha sempre mantenuto il corretto atteggiamento mentale ed ha battuto prima Pomata in quattro set e poi Gianfranco Manca per 3-0 nella sesta partita. Celestino Pusceddu ha fatto il suo dovere, vincendo 3-0 con Manca e tenendo testa a Montalbano, ma perdendo 3-1. Ora aspettiamo le prossime giornate, con un occhio attento anche alla terzultima del girone B che si giocherà la permanenza in D1 con la terzultima del nostro girone. Si salverà la squadra con più punti in classifica (con eventuale differenza set e differenza punti da considerare). Non è chiaro perché non si cambi questa formula: in effetti, sarebbe meglio ricorrere ad uno spareggio tra le terzultime, visto che partecipano a due gironi diversi e, inevitabilmente, non omogenei”.

Marco Sanna (Foto Tomaso Fenu)

SERIE D1/B: SANTA TECLA AD UNPASSO DALLA PROMOZIONE

SORPASSO GHILARZA

Ancora due punti e il Santa Tecla Nulvi potrà festeggiare la promozione in C2. Sull’undicesima vittoria stagionale ai danni del TT Oristano Bianco Rosso, racconta tutto Roberto Caddeo: “Sono contento del successo dopo una partita non facile soprattutto per come si era messa. Sotto 2-0, siamo riusciti a ribaltarla. Parte Luca Pilo che perde la prima partita con Piergiorgio Mura. Tocca a me e perdo quasi senza scendere in campo con Nicola Cuccureddu per 3-0. Nella terza partita Davor Kvesic vince 3-0 con Carlo Maulu avvicinando il risultato sul 2-1. Stavolta Luca vince dopo una partita molto combattuta contro Cuccureddu. Passiamo in vantaggio nella partita successiva quando Davor vince senza troppi problemi con Mura. Infine faccio il punto decisivo su Pierpaolo Cubadde per 3-0. Testa alle prossime due partite con due avversari molto forti (Prima Guilcier Ghilarza, poi Tennistavolo Sassari), che saranno fondamentali per il primo posto in classifica”.

Roberto Caddeo (Foto Gianluca Piu)

E il Guilcier scavalca il Tennistavolo Sassari dopo lo scontro diretto disputatosi a Ghilarza.

L’analisi di Mario Marchi: “Briam Mele ha disputato due ottime partite, non ha dato nessuna chances agli avversari (Gian Felice Delogu e Alberto Ganau); è stato troppo superiore, erigendo un muro invalicabile: i suoi due punti sono stati importanti. Complimenti anche ad Alessandro Faedda autore di due ottime gare. Molto concentrato e deciso ha sbagliato poco risultando determinante sia con Pierpaolo Mura, sia con Delogu. L’unico punto l’ho perso io contro Ganau. E’ stato superiore mi ha attaccato sempre, senza darmi nessuna possibilità di entrare in partita. Infine ho giocato contro Sergio Idini: è stato un incontro divertente nel quale ci siamo affrontati senza timori reverenziali e infatti ne è scaturita una bella partita dove ci siamo pure divertiti. Ci attende la sfida di vertice contro Nulvi che ci precede di tre punti: ce la metteremo tutta, sperando di andare bene fino alla fine”.

Briam Mele (Foto Tomaso Fenu)

Pari e patta tra Sporting Lanusei e Libertas Ping Pong Monterosello come conferma Samuel Paganotto: “Schierando una formazione di fortuna, con Sandro Renna infortunato e Roberto Musio non in perfetta forma fisica, riusciamo a strappare un insperato pareggio contro gli amici del Lanusei. Due punti miei ed uno di Gianni Palmas ci portano sul 3-1, ma il miracolo non avviene grazie alla bravura dei soliti Carlo Piroddi e Maurizio Cuboni. A segno per il Lanusei anche il bravissimo Elia Licciardi, in costante miglioramento. Nessun punto per il nostro Roberto, così come per il bravo Emanuele Cuboni, al quale i puntini sulle gomme risultano ancora indigesti (ma ancora per poco…). Complimenti al Lanusei per lo sforzo profuso per la crescita tecnico/tattica dei loro giovani talenti, ma soprattutto per gli insegnamenti di educazione e sportività che stanno loro trasmettendo”.

Gianni Palmas e Maurizio Cuboni

Vittoria dell’Oristano Azzurri che batte con un secco 4-2 il Tennis Tavolo Neoneli. L’ha giocata pure Agostino Campanello: “Grandi prestazioni degli oristanesi Carlo Carta ed Emanuele Marras che portano a referto entrambi due vittorie a testa. Carta batte sia Agostino Campanello, sia Gianni Pintus, mentre Marras vince i suoi incontri contro Ignazio Piras e Campanello. Le due vittorie neonelesi son state messe a segno da Pintus e Piras entrambe su Mario Littarru. Con questa vittoria l’Oristano Azzurri conquista due punti importantissimi per la lotta alla retrocessione. Noi abbiamo giocato veramente male, Gianni non sta bene fisicamente, io ancora molto titubante negli spostamenti. Però Oristano ha meritato di vincere, sono stati più determinati e forti rispetto a noi. Son contento per Ignazio Piras che si sta allenando con continuità ed il suo gioco è salito d livello. Sta raccogliendo qualche meritata soddisfazione. Confidiamo in prestazioni migliori per le ultime due partite, la salvezza ce la dobbiamo sudare e conquistare con i nostri sacrifici, sicuramente ce la metteremo tutta”.

Agostino Campanello e Ignazio Piras (Foto Gianluca Piu)

SERIE D2/A: ALGHERO AI PLAY OFF

Con il riposo dell’Olbia A e il facile successo sul Tennistavolo Sassari Bianco, l’Alghero guadagna il diritto di partecipare ai play off di maggio.

Pareggio tra Nulvi Blu e Olbia B. Parola al presidente anglonese Francesco Maria Zentile: “Nel primo incontro si sono affrontati il nostro Antonio Murgia e Stefano Corda con vittoria netta del secondo. Di seguito match tra Jessica Rozzo e Matteo Fois con quest’ultimo che si infortuna alla caviglia e abbandona facilitandoci i compiti. Samuele Raggiu coglie la vittoria contro Stefano Gregu e ripete l’ottima prestazione anche contro Stefano Corda. Mi posso ritenere soddisfatto dell’andamento perché essendo una squadra giovane, stazionare a metà classifica non è davvero male come risultato”.

Il presidente del Santa Tecla Nulvi Francesco Zentile con la squadra Blu

La partita tra Sassari Tennis Tavolo Special e Tennistavolo Sassari Rosso si è conclusa come da pronostico con il successo dei rossi. Lo conferma il presidente della Libertas Ping Pong Monterosello Pierpaolo Idini: “Gli Special hanno giocato con Fadda Nicoletta, Pilo Roberto, Caddia Gian Mario e Sechi Francesco, mentre il TT Sassari Rosso ha giocato con Unali Simone, Devis Alex e Sabino Claudio. L’incontro non ha avuto storia vista la differenza fra le due squadre. Come detto altre volte semplicemente scendendo in campo la squadra Special vince ed è bello vedere l’impegno che questi ragazzi mettono in queste occasioni”.

La formazione del Tennistavolo Sassari Rosso

SERIE D2/B: NULVI ROSSA AI PLAY OFF

Arrivano altri due punti per la capolista che danno la certezza dei play off. “Abbiamo affrontato Paulilatino Blu con sicuri di poter agguantare la vittoria – disamina Francesco Maria Zentile – e già nella sfida tra presidenti ho avuto la meglio io su Pasqualino Putzolu, tra l’altro con più tranquillità rispetto all’andata visto che terminò al quinto set. Massimo Posadinu non ha avuto problemi né contro Giuseppe Mellai, né contro Putzolu. Mentre Marcello Bianco, dopo aver vinto su Giovanni Careddu, ha dovuto faticare un bel po’ contro Mellai in una gara terminata ai vantaggi del quinto set. Io ho confermato il bel gioco espresso nella prima gara avendo la meglio anche su Careddu con cui mi sono ritrovato sotto di due parziali; e tra l’altro all’andata ci avevo perso 3-0. Pur consapevoli di essere la squadra più debole che si presenterà ai play off promozione ce la giocheremo con tutte le nostre forze”.

Massimo Posadinu (Foto Tomaso Fenu)

Il pareggio tra Oristano Arancio e Libertas Ping Pong Monterosello è affare di Adolfo Simbula: “Gagliarda prestazione del team sassarese che senza la pressione di un obiettivo da raggiungere riesce a esprimere il suo gioco migliore mentre noi paghiamo eccessivamente l’improvvisa assenza di Lorenzo Salaris. Alla fine esce un pareggio che ci elimina dalla corsa ai playoff, peccato ci riproveremo l’anno prossimo. Ora pensiamo a chiudere bene il campionato e a prepararci per i prossimi tornei di fine stagione, a cominciare dai Campionati Sardi di Guspini”.

Adolfo Simbula

Il Sassari Blu è solo in seconda posizione: “Vinciamo sul Tennistavolo Norbello – rammenta Francesco Denegri – e sono proprio io ad iniziare contro Augusto Sau. Vado un po’ a rilento trovandomi sotto 10-3; con un po’ di concentrazione riesco a fare mio il set 11-13: Nei due set successivi controllo bene e vinco 3-0. Il resto delle partite sono finite tutte tre a zero solo Salvatore Biosa lascia un set a Francesco Sanna. Va a segno anche Carlo Oggiano”.

SERIE D2/C: SAN ORIONE VINCE ANCHE CON I PLAY OFF IN TASCA

Altri due punti per la capolista San Orione Rosmarino A. Gara descritta da Vito Moccia: “Affrontiamo la nostra ultima giornata di campionato contro gli amici del TT Arbus; con la giusta concentrazione, riusciamo a fare nostro l’incontro. Mi fa piacere riscontrare il netto miglioramento nel gioco del nostro chef Pino Contini che vince contro il giovane Raffaele Sanna e perde di misura al quinto set contro Giorgio Onnis. Doppietta per Marco Lai su Antonello e Raffaele Sanna. Ora concentriamo la preparazione per i campionati sardi di questa settimana e per i playoff promozione del prossimo mese”.

Vito Moccia (Foto Tomaso Fenu)

Sconfitta interna per il TT Guspini che cede le armi alla più esperta Atletica Serramanna, così come descritto dal veterano Gian Paolo Collu: “La formazione del Guspini è composta dal sottoscritto, fresco sessantacinquenne, dal dodicenne Manuel Broccia e dal fratellino di due anni più piccolo Luca, tutti al primo anno di esperienza in questo campionato a squadre. Nel mio caso, invece, dopo un’assenza di oltre quaranta anni. I “giovanotti del Serramanna sono invece di età compresa tra i 40 e 55 anni, e di conseguenza molto più esperti, bravi e scaltri nella tecnica. Rispondono ai nomi di Adriano Zucca (1 pt), Italo Fois (doppietta) e Marcello Mocci (1). Per la mia squadra un punto l’ho conquistato io e l’altro Manuel, mentre Luca, con comportamento splendido, ha impegnato duramente gli avversari ricevendone tanti bei complimenti. E’ stata proprio una bella gara con tanti progressi della mia squadra che non vede l’ora di giocare la prossima con ancora più entusiasmo”.

Gianpaolo Collu (Foto Tomaso Fenu)

Due punti li intasca anche il Decimomannu C: “E’ stata una partita facile contro la squadra Note Sportive – puntualizza Fabio Ferrabue – anche se in alcuni set c’è stato un buon equilibrio. Abbiamo cercato di esprimerci al meglio cercando di contrastare il gioco di rimessa e di effetto soprattutto di Ignazio Casta. Daniele Pitzanti ha confermato il suo buon momento ed è lui il trascinatore della squadra sin dall’inizio del campionato. Cercheremo di fare una buona partita anche col Guspini, cercando di chiudere il campionato con un altra vittoria. Per l’anno prossimo vedremo di rafforzare la squadra in vista di una stagione migliore nell’intento di farla salire in serie D1”.

Fabio Ferrabue (Foto Tomaso Fenu)

SERIE D2/D: CAGLIARI TT RIAGGANCIA TORRELLAS BLU

Tutto ancora da decidere ad una giornata dal termine, con Cagliari TT e Torrellas Blu appaiate in testa alla classifica e che si giocheranno il tutto per tutto nello scontro dell’ultima giornata. Sul pareggio tra Decimomannu A e Torrellas Capoterra Blu interviene il presidente Tomaso Fenu: “Abbiamo affrontato la partita contro gli amici del Torrellas Capoterra Blu consapevoli della loro forza per la presenza, nelle loro file, di due elementi di valore e di categoria superiore. Infatti il primo incontro che mi ha visto contrapposto a Gabriele Aresu non ha avuto storia e ha prevalso Gabriele con un netto tre a zero. Il secondo incontro, invece, tra Aldo Franceschi e Luigi Congiu, dopo i primi due set sembrava incanalarsi verso una facile vittoria di Luigi ma Aldo è riuscito a recuperare lo svantaggio e portare il suo avversario al quinto set che poi si è aggiudicato il giocatore di marca capoterrese. Il terzo incontro tra Mattia La Gaetana e Marco Schirru se lo aggiudica senza fatica il primo con un perentorio tre a zero. Segue vittoria scontata di Luigi Congiu sul sottoscritto per tre a uno. Sul tre a uno per gli ospiti, Mattia si contrappone a Gabriele, e si rivela da subito un incontro spettacolare con preziosismi da ambo le parti e set conquistati punto per punto con frequenti capovolgimenti di risultato. Nessuno dei due ci sta a perdere. Riesce ad avere la meglio Mattia al quinto set con una bella prova convincente. Il sesto incontro che decide le sorti della partita vede prevalere Aldo Franceschi su Antonio Cingolani per tre a zero con una partita accorta e priva di rischi. Concludendo, un pareggio che per noi è abbastanza soddisfacente, considerato che incontravamo la prima in classifica del girone”.

Tomaso Fenu

Il Cagliari TT si ritrova piacevolmente in vetta dopo il successo con il Capoterra Gialla: “La gara poteva nascondere delle insidie – rimarca Stefano Sedda – se non affrontata con il giusto piglio poiché i giovani pongisti capoterresi crescono a vista d’occhio. La gara si è chiusa con un 6/0 che complice il pareggio tra Decimomannu e Torrellas Blu ci vede appaiati in testa alla classifica con una sfida finale che determinerà chi andrà agli spareggi per l’accesso alla D1. Ma tornando alla gara, l’abbiamo portata a destinazione con gran concentrazione da parte mia, da Paolo Marinelli e Alberto Puddu; siamo riusciti ad avere la meglio sui giovani Pusceddu e Rasulo che comunque hanno mostrato notevoli miglioramenti rispetto alla gara di andata e in futuro potranno sicuramente raggiungere importanti traguardi”.

Stefano Sedda (Foto Tomaso Fenu)

TT.Quartu-TT.Marcozzi 5-1. “Un incontro con il risultato scontato – dice il quartese Marco Atzeni ma molto divertente soprattutto vedendo giocare il piccolo Zemgus Lai che migliora di volta in volta e che ha lottato sino all’ultimo contro Catalin Maris perdendo solo al quinto set. Che dire altro se non che il più grande dei fratelli Lai, Dzintars, ha vinto contro Marco Ancis rifacendosi della sconfitta subita al girone d’andata. Doppietta per Enrico Pettinau”.

SERIE D2/E: TUTTO NELLA NORMA

Troppo forte La Saetta Gialla per le giovani promesse del Muravera TT: “La partita si è conclusa con una vittoria 4-2 da parte della squadra di Quartu – precisa Rita Franzo’ – ma non è stata semplice in quanto gli atleti del Muravera (Alessandra Stori, io e Stefano Macis) hanno saputo giocarsela a dovere”. Per i vincitori doppiette di Mariano Cosellu e Anna Podda; Macis e Franzo’ per il team del Sarrabus.

Rita Franzo’ (Foto Pasquale Piroddi)

Due punti per La Saetta Rossa che batte i piccoli della Muraverese Gialla. Tra i vincenti vanno a segno Francesco Murtas e Alessio Picciau. Di Alberto Piras e Simone Cocco i punti  di marca muraverese.

Antonio Agostinelli (Foto Tomaso Fenu)

Finalmente una vittoria per la Muraverese e pure in trasferta a Lanusei. La descrive Antonio Agostinelli: “Incomincio io con Carlo Cuboni che non è in giornata e risulta essere molto falloso; vinco 3-0. Stessa sorte anche contro Francesco Marotta che domina con identico risultato. Tanti complimenti a Giammarco Mereu che ha messo in difficoltà sia Roberto Deiana, sia Francesco Marotta, perdendo 3-2 con entrambi, davvero tirati sino all’ultimo, bravo davvero Gianmarco. Niente da fare contro l’atletico ed esperto Ubaldo Franceschi che vince su di me e su Deiana per 3-0. Ci siamo divertiti e quando si vince è ancor più piacevole. Alla prossima ragazzi”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: