Cronache Pongistiche Sardegna del 21 Febbraio 2019

Cronache Pongistiche Sardegna del 21 Febbraio 2019

A OREBRO TRE TESSERATI IN SARDEGNA

Si sta giocando ad Orebro l’Open giovanile di Svezia che vede come protagonisti gli azzurri marcozziani Carlo Rossi e Johnny Oyebode, mentre a titolo personale partecipa anche l’atleta del Tennistavolo Norbello Comuni del Guilcer Gaia Smargiassi, accompagnata dal tecnico Eliseo Litterio. L’impegno internazionale si protrarrà fino al 24 febbraio.

COPPA EUROPEA TT INTERCUP: ELIMINATE MARCOZZI CAGLIARI E TENNISTAVOLO NORBELLO

Entrambe erano approdate ai quarti di finale delle rispettive “costole” in cui si è ramificato lo scenario della competizione europea TT Intercup 2018 – 19. Marcozzi e Tennistavolo Norbello abbandonano le atmosfere continentali con avversarie della stessa nazione (Austria) e identici risultati (4-3).

La compagine Guilcerina impegnata nel girone più importante “Elite League” era ospite del TTC Raiffeisen Kuchl. Per problemi di calendario non ha potuto schierare la formazione migliore ma nonostante tutto Maxim Kuznetsov, Catalin Negrila e Ana Brzan hanno dato filo da torcere sino alla fine.

Catalin Negrila (Foto Stefania Serra)

Al Palatennistavolo di Cagliari invece si giocava il match valevole per l’approdo alle semifinali del raggruppamento “Dr. Josef Simecek-Trophy” e i padroni di casa si sono presentati con Massimo Ferrero, Marco Poma e Giuseppe Lepori. Vince però la squadra ATUS Gumpoldskirchen che si trovava sotto 3-1.

I protagonisti della gara di TT Intercup disputata a Cagliari

A1 MASCHILE: PERDONO TUTTE

Ennesima tornata di magra per le compagini isolane maschili impegnate nella massima serie. La Marcozzi, ultima in classifica, si arrende ai campioni d’Italia in carica dell’Apuania Carrara ma con un Gabriele Piciulin autore di una doppietta. Ancora più gravoso l’impegno casalingo del Tennistavolo Norbello Comuni del Guilcer, opposto alla capolista Milano. I locali addirittura sbloccano il risultato con Omotayo Olajide, ma è un fuoco di paglia perché il team allenato da Yang Min vince le successive quattro sfide.

Olajide e Piciulin (Foto Stefania Serra)

Sabato prossimo altro appuntamento casalingo per il team del centro Sardegna che ha a disposizione le ultime cartucce per tentare la corsa verso la salvezza. In via Azuni (h.18:30) si presenta il Verzuolo.

SERIE A2: LA MARCOZZI PERDE TERRENO

IL QUATTRO MORI AI PLAY OFF

Non è certo da incorniciare questo girone di ritorno da parte della Marcozzi. Due pareggi in altrettante gare lo fanno allontanare dalla vetta che dista quattro lunghezze. Questa volta è la King Pong Roma a imporre il pari dando dispiaceri a Stefano Tomasi e Marco Poma, mentre si salva il nigeriano Shola Oyetayo autore di due punti.

Tra i protagonisti della sfida capitolina c’era l’ex Luigi Rocca: “Otteniamo un punto fondamentale per la zona salvezza ed io sono particolarmente soddisfatto perché per la prima volta in vita mia sono riuscito a sconfiggere Stefano Tomasi in una gara combattuta fino al quinto set. Riesco a rispettare il pronostico anche nella gara che mi ha visto opposto a Marco Poma, superato dopo una sfida abbastanza semplice. Ora siamo lontani di due lunghezze dalla zona retrocessione sperando di conservarli fino alla fine del campionato. Arrivati a questo punto secondo me la Marcozzi non ce la fa più a raggiungere la promozione in A1”.

Luigi Rocca (Foto Luciano Marzulli)

Le buone notizie per i sodalizi concentrati in via Crespellani arrivano dalla A2 femminile. A due giornate dal termine il Quattro Mori ottiene il pass per partecipare ai play off promozione. Nel concentramento di Torino Marina Conciauro, Wei Jan e la balcanica Andelija Ratic ottengono due facili successi contro il Tennis Tavolo Torino e Alfiere di Romagna.

II Quattro Mori farà i play off per la A1

SERIE B1/M: STOP PER LA MARCOZZI

Come già accadde nel girone d’andata la capolista Città di Siracusa ha la meglio sulla Marcozzi che attualmente condivide la penultima posizione con la Sportenjoy.

Senz’altro è stata una gara bella e combattuta – puntualizza il siciliano Salvatore Ganci – nonostante agli ospiti mancasse Stefano Curcio. La prima partita è stata tra Puglisi e Massimo Ferrero: molto combattuta con il successo del mio compagno per tre a due. Accorcia le distanze Marco Sarigu su Lo Presti. Il mio primo contributo alla causa lo do imponendomi facilmente su Giuseppe Lepori. Un Sarigu veramente in forma si ripete contro Puglisi, ma dopo una partita combattutissima riesco a spuntarla su Ferrero per 12-10 al quinto set. Lo Presti batte poi Lepori e infine ottengo la mia tripletta personale superando Marco Sarigu”.

Città di Siracusa e Marcozzi

SERIE B2/M: QUATTRO SARDE NELLE ULTIME CINQUE POSIZIONI

Tra i team isolani presenti in questo girone, solo il Muravera può ritenersi momentaneamente tranquillo. Gioca due match in 48 ore ottenendo una vittoria e una sconfitta nel derby di Alghero. Sulla gara vinta con il Libertas Capua interviene Nicola Pisanu: “E’ stata una partita subito in salita con i primi due incontri a favore dei campani grazie alle vittorie di Cascella su Stefano Macis per 3-1 e di Stellato su Simone Boi per 3-0. Io riesco a vincere abbastanza agevolmente 3-0 su Menna e da lì in poi iniziano le partite importanti. Sul 2-1 a favore del Capua entra in campo Stefano che vince 3-1 contro Stellato riscattandosi dell’incontro al girone di andata che perse 3-0. La quinta partita vede me di fronte a un Cascella galvanizzato dal risultato su Stefano in precedenza e parte abbastanza forte vincendo il primo set. Riesco a portarmi sul 2-1 ma al quarto set il campano ritorna prepotentemente e complice un mio calo mentale fa suo il set per 11-4. Al quinto mi trovo sotto 6-3 e dopo un time out continuo abbastanza concentrato e con 3-4 bei punti mi porto in vantaggio 7-6. Il mio avversario si chiama un time out ma riesco comunque a vincere il set 11-7 portando la mia squadra sul 3-2. Simo entra in campo contro Menna ma parte male perdendo i primi 2 set. Al terzo va sotto 4-0 e anche qui un time out diventa fondamentale. Infatti non molla, lotta e risale fino a vincere 11-9 al terzo set. Il quarto e il quinto set è pura lotta, punto su punto, ma il mio compagno va sempre migliorando fini ad arrivare al suo successo personale(11-7 il quarto e 11-4 il quinto). Scendo in campo per provare a chiudere qualsiasi discorso ma sono molto altalenante, nonostante mi sia ritrovato in vantaggio 2-1, non riesco nell’intento. Il campano vince quarto e quinto set accorciando le distanze per 4-3. Il punto vittoria, alle 22:30, lo confeziona Stefano abbastanza agevolmente contro Menna per 3-0. L’obbiettivo stagionale apparentemente sembra sempre più vicino poiché 10 punti è un ottimo risultato ma finché la matematica non ci darà ragione non potremo festeggiare. Intanto ci godiamo questa posizione “tranquilla” in classifica pensando già al prossimo incontro di campionato e cercando di chiudere al più presto il discorso salvezza. Un ringraziamento speciale per tutti coloro che erano presenti a farci tifo sugli spalti, dal coach Francesca Saiu al presidente Luciano passando per i genitori degli atleti e gli/le atleti/e stessi a tifarci in ogni momento positivo o negativo del match. Ma questo è un aspetto che ci ha sempre contraddistinto: tutta la nostra società fondamentalmente è un’unica squadra”.

Nicola Pisanu (Foto Luciano Marzulli)

Sesta sconfitta consecutiva per la Muraverese: “Stavolta cediamo contro una diretta concorrente per la salvezza – dichiara mestamente Riccardo Lisci – e per di più giunta in Sardegna in formazione rimaneggiata. Noi certamente non stiamo attraversando un buon momento. Io per vari motivi non riesco ad allenarmi mai, Riccardo Dessì tra l’altro ha giocato con l’influenza, e Marcello Porcu pur esprimendosi bene, spesso non riesce a vincere con avversari decisamente alla sua portata. Un 5-3 (2 io e 1 Riccardo Dessì) che ci relega all’ultimo posto in classifica seppur in compagnia di Santa Tecla Nulvi e Il Cancello Alghero. E’ una situazione insolita, alla quale non sono abituato, sembra quasi che non abbiamo gli stimoli per voler vincere. Ora il cammino verso la salvezza si sta complicando. Già sabato prossimo abbiamo la delicata trasferta a Nulvi. Dobbiamo assolutamente dare una decisa sterzata per venir fuori da questa situazione che ci sta facendo sprofondare”.

Riccardo Lisci (Foto Luciano Marzulli)

Importante vittoria de Il Cancello Alghero che supera il Muravera TT. “Sicuramente gli ospiti appaiono un po’sotto tono e non al massimo della forma – illustra Maurizio Muzzu – e subiscono la pressione degli algheresi che si dimostrano cinici e con più voglia di vincere la gara confermando anche un buon periodo di forma della squadra. Vanno infatti a punteggio tutti e tre i giocatori con Carlo Fois in gran spolvero (3 punti), Marco Tiloca e Muzzu che mettono a segno un pesantissimo punto a testa! Nota di merito agli sportivissimi Pisanu, Macis e Boi, quest’ultimo autore di un gesto che non si vede spesso in campo; infatti su un punto importantissimo e set ball dell’avversario dopo un servizio segnalava all’arbitro di aver toccato la pallina col corpo dando cosi il punto ed il set all’avversario: chapeau! Ora Il Cancello dovrà continuare a lottare tutte le partite per cercare di non retrocedere ma in ogni caso sta producendo il massimo sforzo e questo lascia ben sperare per il proseguo del campionato”.

Maurizio Muzzu (Foto Luciano Marzulli)

Sconfitta prevedibile a Roma per il Santa Tecla Nulvi contro i giovani della King Pong affiancati dal loro tecnico Luisiano Perez. La racconta Francesco Ara: “Perdiamo 5-2 contro la capolista, stavolta senza troppi rimpianti, anche se Giancarlo Carta e il nigeriano Basiru Taiwo non hanno sfigurato. Quest’ultimo realizza due punti su altrettante partite giocate battendo prima Caldarola 3-1 e poi Mascoli ai vantaggi del quinto. Carta gioca bene e mette in seria difficoltà entrambi i suoi avversari ma purtroppo cede al quinto set contro Mascoli e con Perez perde 3-1 fallendo tante possibilità di arrivare al set decisivo. Io invece gioco molto male e perdo 3-0 tutte e tre le partite. Ora ci aspettano solo sfide decisive in chiave salvezza, a partire da quella di sabato in casa contro la Muraverese. Salvarsi non sarà per niente facile ma sicuramente ci proveremo fino alla fine. Le ultime prestazioni, nonostante le sconfitte, hanno dato segnali positivi”.

Francesco Ara (Foto Luciano Marzulli)

SERIE B FEMMINILE: TENNISTAVOLO NORBELLO E MURAVERA TT AI PLAY OFF PROMOZIONE

Solo sarde nelle prime due posizioni che con un concentramento ancora da disputare guadagnano l’accesso ai play off per la salita in A2. In casa Tennistavolo Norbello va tutto a gonfie vele con le giallo blu Marialucia Di Meo, Ana Brzan e Gohar Atoyan che veleggiano a punteggio pieno. “Siamo molto felici di come sia andato questo terzo concentramento – esordisce Marialucia Di Meo – perché eravamo abbastanza tranquille, consapevoli di avere una squadra compatta ed omogenea. Di sicuro l’avere compagne di una certa esperienza che si conoscono molto bene ci fa affrontare ogni partita con maggior tranquillità. I due 4-0 della giornata hanno visto in campo tutto questo. Personalmente sono molto contenta di come ho giocato nonostante il poco tempo che riesco a dedicare ai miei allenamenti. Ora pensiamo al prossimo concentramento che proprio nell’ultima partita deciderà la vincitrice del girone”.

Marialucia Di Meo (Foto Pierluigi Roncallo)

Missione compiuta anche per l’Ad Muravera TT. La disamina del tecnico Francesca Saiu: “Ci attendevano le gare più impegnative del campionato che avrebbero definito la nostra posizione in classifica. Soprattutto quella con il Mugnano dove le ragazze erano chiamate a difendere il 4-1 dell’andata sapendo che dall’altra parte della retina avrebbero trovato delle avversarie toste come la Mauriello di cui conosciamo le indiscusse capacità. Con lei altre due atlete che in classifica stanno abbastanza in alto come Fontanella e Giacobelli. La nostra vittoria non era facile da prevedere e tanto meno era scontato che potessimo fare di meglio. Il 4-0 finale non inganni perché si è assistito ad una gara molto combattuta. Sono contenta perché le atlete hanno dato prova di essere una squadra, tutte hanno contribuito al successo e si sono incoraggiate nei momenti più difficili. Aurora Piras è riuscita a prendersi la rivincita sulla Mauriello. Anche Sara ha avuto padronanza della situazione nella sua sfida con Giacobelli. Chi ha faticato di più è stata Serena Anedda che ha comunque portato a casa soffrendo (perdeva 2-0), la vittoria con la Fontanella, più avanti in classifica e già battuta anche all’andata. Infine chiude qualsiasi discorso Aurora che si impone sulla Fontanella. Prima di questo importante successo ci siamo misurate con la King Pong delle esperte Rojas e Condorelli. Anche in questo caso non abbiamo incontrato eccessivi problemi a parte Serena che anche in questa circostanza è dovuta ricorrere al quinto set per avere ragione di Condorelli, anche lei più avanti in classifica, dopo una partita molto intensa. Aurora ha agevolmente sconfitto la Rojas, confermando i valori in campo. Come pure Sara Congiu opposta alla Varveri. Prima del successo di Piras su Condorelli abbiamo fatto registrare l’unica sconfitta della giornata ad opera di Sara che non è riuscita ad esprimere le sue potenzialità nonostante in tutte e quattro le frazioni stesse conducendo lei il gioco e le siano mancate occasioni favorevoli per ribaltare la situazione. Sono contenta del nostro rendimento che ci ha permesso di raccogliere il seminato di questi mesi. Ringrazio Floriana Franchi che quando giochiamo a Roma ci sostiene e dà consigli utili. Nella fattispecie nei confronti di Serena, perché è riuscita a risollevarla moralmente, conducendola alla vittoria. Ci rimane un altro concentramento dove cercheremo di confermarci con il Quattro Mori,e provando ad osare con la regina incontrastata del girone qual è il Tennistavolo Norbello per toglierci qualche soddisfazione”.

Serena Anedda (Foto Pasquale Piroddi)

Le sensazioni di Silvia Deligia sono dedicate alla sua squadra, il Quattro Mori Cagliari: “Come avevo già detto in un altro commento, questo campionato è un pochino strano: un numero basso di squadre e in più quelle che vi partecipano sono di un livello sicuramente più alto, non di serie B. Mi riferisco al Tennistavolo Norbello, troppo forte rispetto alle altre e a noi. La squadra composta da Di Meo, Brzan e Atoyan ci sconfigge in un attimo, senza concederci un punto, anche se in una partita, la mia, è stata ben combattuta perdendo però ai vantaggi al quinto set. Per questo match c’è poco da dire perché la palla l’abbiamo vista poco e nulla. Punto perso di Rossana Ferciug da Atoyan e Beatrice Mozzi nulla può con Brzan. Entro in campo io contro Atoyan, come dicevo, è stata una bella partita da parte di entrambe, purtroppo non sono riuscita a portare a casa la vittoria ma sono comunque soddisfatta della prestazione. Poi perdo il mio successivo incontro con la Di Meo. Secondo match giocato con il King Pong Roma che ci permette di conquistare un pareggio. Schiero Rossana come X che vince 3-1 con la giovane Varveri Giulia. È stata molto brava perché è rimasta concentrata e ha ascoltato tutti i miei suggerimenti dalla panchina. Seconda partita di Bea contro Condorelli: sono molto soddisfatta di lei perché ha giocato bene ma una volta che si arriva al quinto set, inizia sempre a farsi prendere dalla fretta e a voler chiudere la partita immediatamente e questo atteggiamento ha fatto sì che perdesse la partita 12-10 al quinto. L’unico rammarico è per questo punto perché conquistandolo saremo riuscite a ottenere una vittoria ma sono comunque soddisfatta delle ragazze. Gioco contro Rojas che mi batte in un attimo. Successiva partita di Rossana che affronta Condorelli riuscendo a vincere con il punteggio di 3-1. Giulia Varveri non sembra darmi grandi problemi e vinco 3-0. Stava a Bea con l’ultima partita decidere la nostra sorte, e cosi cediamo l’ultimo punto a Rojas che la batte per 3-0. Voglio ringraziare il mio fidanzato Enzo, una persona molto importante che mi sostiene e a poco a poco mi sta facendo riallacciare un po’ il mio rapporto con questo sport facendomi credere sempre nelle mie capacità. Speriamo al prossimo concentramento di fare meglio”.

Il Quattro Mori di B femminile

SERIE C1/M: QUATTRO COMPAGINI IN DUE PUNTI: DIETRO LA CAPOLISTA MURAVERESE SEGUE IL TENNISTAVOLO SASSARI

Vincono sia Muraverese, sia il Tennistavolo Sassari che animano i vertici di una classifica molto incerta. Il club sarrabese si impone in scioltezza. “Poco da dire sulla partita di questo week end – conferma Francesco Lai – che ci ha visto opposti alla King Pong Roma. Gli avversari si sono presentati in formazione super rimaneggiata e il match si è concluso con un rapido 5-0 in nostro favore. Con questa vittoria manteniamo la vetta della classifica in coabitazione con Roma12, che si è imposta nello scontro di vertice contro l’altra squadra romana del TT Maccheroni. L’obiettivo stagionale che è sempre stato la salvezza, lo abbiamo raggiunto con largo anticipo, ma continueremo ad approcciare le partite che rimangono con lo stesso spirito battagliero di sempre. Siamo consapevoli di essere un cliente fastidioso per le altre formazioni di alta classifica, che partivano fin da inizio anno con obiettivi diversi dai nostri e che possono contare su organici più competitivi. Attualmente nessuna squadra è ancora riuscita a staccare le altre, per cui l’esito finale rimane ancora apertissimo, con 4 squadre racchiuse in due punti e le formazioni in lotta per la salvezza che hanno recuperato elementi importanti per questo finale di stagione. Tutte le partite si prospettano molto equilibrate, si vedrà solo alla fine chi riuscirà a spuntarla”.

Francesco Lai (Foto Tomaso Fenu)

Luca Baraccani racconta gli sviluppi del match che il Tennistavolo Sassari ha disputato e vinto con l’EOS Roma Zefiro. “Si parte verso le 10:00 con due match in contemporanea, Baraccani contro Riggi e Tonino Pinna contro D’Angelo. Vince per primo Tonino Pinna con la netta vittoria del sassarese per 3-0, mentre l’altro resta equilibrato, ma prevale alla fine Baraccani per 3-1. Tocca a Ledda contro Lupattelli e Pinna con Riggi. Anche in questo caso, dopo un po’ di studio, Tonino prende il largo vincendo velocemente per 3-0. Il nostro Maurizio combatte strenuamente, soccombendo alla fine 3-2 contro il suo esperto avversario romano. Rientra in campo Baraccani di fronte a Lupattelli e poi Ledda con D’Angelo, ma dopo l’amara sconfitta della settimana scorsa a Roma, la spinta della squadra di casa è tanta, anche grazie al pubblico. Vince prima Baraccani con un perentorio 3-0, poi chiude Ledda 3-1. Termina con Sassari 5 e Roma Zefiro 1”.

Luca Baraccani (Foto Luciano Marzulli)

In basso alla graduatoria si registra l’inaspettato risveglio dell’ITC Enrico Fermi Iglesias che ottiene il suo primo successo stagionale ai danni di un Tennistavolo Norbello sempre più in crisi.

“Questa vittoria, davvero inaspettata – testimonia Bruno Pinna – ci ripaga di tante sconfitte subite quest’anno. Le pesanti assenze di Giovanni Siddu (incidente automobilistico) e Gabriele Melis (impegni lavorativi) ci costringono a schierare Giancarlo Pili (reduce di un’operazione chirurgica alla schiena) che garantisce solo la presenza in campo consentendoci di disputare la gara regolarmente. Dicono che le bestie, quando sono ferite, sprigionino tutta la loro cattiveria. Così è stato per le tigri del Sulcis. Contro il Norbello che all’andata vinse nettamente per 5-0 sfoderiamo grinta e determinazione d’altri tempi: Roberto Pili, esprimendo finalmente tutte le potenzialità che possiede, riesce a battere sia Andrea Zuccato, sia Cesare Mozzi in due partite tiratissime fino al quinto set. Poi io riesco nell’impresa di sconfiggere tutti e tre gli avversari. Vinciamo 5-2 concedendo le sole due partite di Giancarlo che, come detto, ha potuto garantire solo la presenza. Questa zampata d’orgoglio ci dà la carica per il proseguo del campionato. Le speranze di salvezza sono ridotte al lumicino, ci rimangono però ampi spazi per toglierci qualche altra soddisfazione”.

Roberto Pili (Foto Luciano Marzulli)

SERIE C2/M: IL MONSERRATO E’ SECONDO, MA IN RITARDO DI SEI PUNTI DAL TT GUSPINI

Il Tennistavolo Guspini è ormai vicinissimo alla meta con sei lunghezze di vantaggio e cinque gare a disposizione. Nel testa coda del campionato rispetta in pieno il pronostico vincendo ad Alghero: “Continua la striscia negativa della nostra squadra anche in questo 2019 – sottolinea Salvatore Motzo – ma perdere contro la prima in classifica era prevedibile. In questa circostanza, così come contro il Decimomannu la scorsa settimana, abbiamo giocato bene e dato segni di ripresa. Marco Cassitta, in gran spolvero, ha avuto la meglio in quattro set su un Massimiliano Broccia mai in partita. Carmine Niolu, opposto a Michele Lai e Francesco Broccia, ha giocato molto bene perdendo quasi tutti i set di strettissima misura. Un plauso doveroso all’enorme Efisio Pisano, sempre in grado di mettere in difficoltà chiunque gli si pari davanti (stavolta la Broccia family) e di dare spettacolo. A risultato ormai scontato sono subentrato all’ottimo Marco e ho giocato un bell’incontro contro Lai. Guspini si conferma capolista e noi usciamo dallo scontro mantenendo purtroppo invariato il nostro punteggio. Stiamo però giocando bene e da qui alla fine del campionato cercheremo di fare del nostro meglio per muovere la classifica”.

Durante il match Alghero – Guspini (Foto Tore Motzo)

Più interessante è la lotta per la seconda piazza. Il Monserrato se l’accaparra nello scontro diretto con La Saetta Quartu. Mi è sembrato prima di tutto di notare una maggiore compattezza nel nostro spogliatoio – divaga Marco Pisu – legato ad una più ferma convinzione dei propri mezzi, elementi che non possono che favorirci. Soprattutto Marco Saiu, noto Pinello, mi appare molto più determinato e convinto dei propri mezzi rispetto a prima. Nello specifico l’andamento dell’incontro in termini di punteggio mi è apparso un poco severo verso i nostri validissimi avversari. Dopo la vittoria dell’esperto puzzoncino (Alberto Puzzoni) sull’acerbo Lorenzino Piras, la chiave di volta è stata la vittoria del sottoscritto su Mauretto Locci (schierato a sorpresa e pure come terzo uomo) seguita da quella di Supersaiu sulla giovane Michela Mura. A quel punto l’incontro si è nettamente complicato per gli avversari e complice una motivazione non certo al massimo (fondamentale nello sport) abbiamo potuto chiudere subito le sorti dell’incontro andando sul 4-0 a mio parere un poco bugiardo. nulla da dire per i restanti due incontri a giochi oramai conclusi. Rimarco sempre la bella giornata di sport appassionante e portata a termine in termini di correttezza da ambedue le parti grazie ai due presidenti, complimenti a tutti”.

Marco Pisu (Foto Tomaso Fenu)

Il Tennistavolo Norbello non vuole affondare prematuramente e a sorpresa riesce a bloccare sul pari il Decimomannu. Protagonista in maglia giallo blu è stata Eleonora Trudu: “E’ andata decisamente meglio rispetto alle altre volte. E soprattutto sono molto contenta di come ho giocato perché mi invoglia a migliorare. Abbiamo affrontato un Decimomannu privo di Carlo Orrù che è stato sostituito da Gianfranco Soi. Nella prima gara tra Andrea Franceschi e Riccardo Rossi il mio compagno gioca bene a sprazzi, ma purtroppo subisce dei cali improvvisi che ne hanno compromesso il risultato. Impressiona Antonello Ledda che da quando gioca con me ha sicuramente disputato una delle sue partite più belle: opposto a Mariano Zucca, si fa rimontare di due set, poi riesce a spuntarla alla quinta frazione. Grazie ad un gioco fluido riesco a battere Soi. Con noi in vantaggio segue la sfida tra Franceschi e Zucca. Nonostante Andrea abbia tutto il potenziale per vincere, perché so come si allena e quali sono i suoi colpi migliori, credo che sia incappato nella più classica delle giornate no; oppure ha avvertito una pressione più alta del dovuto visto che giocavamo di fronte al nostro amato pubblico. Fatto sta che alla fine prevale Mariano dopo quattro set, ma sicuramente il mio compagno si rifarà. Sono molto contenta di essere riuscita a battere Riccardo Rossi e fiera del recupero insolito attuato nel secondo set. La mia è stata una rivincita personale perché sognavo di superarlo da tempo. Ledda non si ripete nel match conclusivo con Soi: ha subito un calo notevole e l’avversario ne ha approfittato. Ringrazio pubblicamente per il supporto il nostro compagno infortunato Peppe Mele che sia come tifo, sia come contributo tecnico è stato fondamentale. A me fa piacere quando viene e dà consigli perché anche da dietro le transenne fa la differenza”.

Eleonora Trudu (Foto Tomaso Fenu)

Il Tennistavolo Sassari si allontana dalle zone critiche con una nitida vittoria. Parola al presidente turritano Marcello Cilloco: “Ospitiamo a Sassari gli amici dell’Azzurra che schierano Maurizio Piano, Alessandro Polese e Vincenzo Salustro. Prima partita che vede Luca Pinna contro Maurizio Piano; condotta perfetta di Luca che con grande determinazione vince per 3-0; Marcello batte per 3-0 Salustro la seconda ed io porto il risultato su tre a zero per superando Alessandro Polese per 3-1. Finalmente riesco a giocare un po’ meglio usando anche il dritto. Alla quarta partita Marcello perde con Piano che gioca molto bene e dimostra di avere colpi di altra categoria. Chiude la partita Luca Pinna su Polese per 3-, portando così il risultato sul 4-1. Nell’ultima partita incontro Salustro che parte bene sul 2-0, soffro il suo dritto mancino, ma riesco a recuperare e mi impongo per 3-2. Vinciamo contro una squadra ostica”.

Marcello Adriano Pinna

SERIE C FEMMINILE: LA SAETTA E MURAVERA TT AI PLAY OFF

Ultimo concentramento di serie C femminile e buone notizie per La saetta e Muravera TT che strappano i biglietti per la fase finale di maggio utile per tentare la scalata in serie B. Tutto sin troppo facile per La Saetta Quartu, dominatrice incontrastata del girone. Le impressioni di Michela Mura: “Obiettivamente devo dire che Io e Anna Podda non abbiamo riscontrato grandi difficoltà durante questo concentramento che ci ha visto contrapposte alle due squadre del Tennistavolo Sassari e quella del Tennistavolo Muraverese. Queste vittorie ci consentono di mantenere la testa della classifica a punteggio pieno e ci danno la possibilità di disputare ancora una volta i Playoff per l’accesso alla serie B. Inutile negare la soddisfazione di aver raggiunto il risultato; ora ci attende l’obbiettivo della serie B, ben più importante sia per noi atlete che per la Società. Ci tengo comunque a sottolineare il grande miglioramento soprattutto da parte delle atlete delle due compagini sassaresi alle quali facciamo i complimenti”.

Michela Mura (Foto Tomaso Fenu)

L’Ad Muravera TT ottiene ciò che si era prefissato. “Considerato che La Saetta è inarrivabile – sostiene Francesca Saiu – il nostro obiettivo rimaneva quello di centrare i play off con il secondo posto e sono contenta che questo sia accaduto. Alessandra Stori e Francesca Seu hanno dato prova di coesione specie nella gara più importante contro il Tennistavolo Sassari A, vinta 4-1 e poi anche nel 5-0 inflitto alla formazione B. Ci troviamo in una fase cruciale della stagione dove sono attese un sacco di manifestazioni regionali e nazionali nelle quali dobbiamo mostrare i frutti del nostro duro lavoro. Francesca e Alessandra si stanno impegnando tanto e credono nel progetto che stiamo portando avanti: non si risparmiano, non si lamentano e reagiscono ai nostri input con grande entusiasmo. Il mio augurio è che possano togliersi tante soddisfazioni e che soprattutto questa esperienza di vita possa aiutarle in tutto il loro percorso”.

La C femminile del Muravera (Foto Luciano Saiu)

Nessun ribaltamento della classifica. Come all’andata, i match delle due compagini sassaresi si sono conclusi con il medesimo risultato. “Le atlete del Tennistavolo Sassari hanno provato a fare del loro meglio – chiosa Marcello Adriano Pinna – ma solo la formazione “A”, composta dalle allieve Martina Bonomo e Francesca Ganau, è riuscita a replicare il buon risultato ottenuto tempo addietro nei confronti dell’ Asd Muraverese Tennistavolo. Niente da fare invece per quanto riguarda i match disputati contro l’Ad Muravera TT e la capolista Asd TT La Saetta. Le avversarie hanno dimostrato di essere, al momento, superiori e dal punto di vista tecnico-tattico e nell’atteggiamento e nella gestione delle emozioni tipiche di una qualsiasi competizione. Stesso discorso per quanto riguarda la formazione “B” sassarese composta dalle atlete Laura Pinna e Maria Laura Mura (cat. giovanissimi). Al di là del risultato, le nostre ragazze hanno fatto intravedere segni di miglioramento che danno fiducia per il prossimo futuro. Continueremo a lavorare sodo affinché si possano colmare le lacune enunciate poc’anzi e raggiungere i traguardi prefissati”.

Alba Laura Pinna (Foto Pasquale Piroddi)

Il presidente della Muraverese Gianluca Mattana spiega l’andamento globale del suo collettivo: “Il nostro campionato è stato un aumentare il bagaglio tecnico-tattico delle nostre giovanissime Eva Mattana e Letizia Porcu (10 anni). A Sassari era quasi impossibile far bene, visto che il primo incontro ci poneva contro la fortissima La Saetta con le nostre bimbe che hanno fatto un buon allenamento non arrivando a guadagnare neppure un set; un rotondo 5-0 con due punti di Michela Mura, due di Anna Podda e il doppio sempre delle due avversarie.

Eva Mattana (Foto Pasquale Piroddi)

Secondo incontro più “leggero”, contro il Sassari A che schiera il duo Francesca Ganau e Martina Bonomo. Primo incontro con Eva contro Ganau, una partita piacevole che sorride alla nostra portacolori per tre a zero (8,9,3) ma Francesca deve recriminare per i troppi errori in fase d’attacco. Segue un monologo sassarese con Bonomo che liquida facilmente in tre set Letizia Porcu (2,2,2). Ganau-Bonomo si impongono facilmente anche nel doppio (4,7,6); Nel quarto incontro Eva prova ad impensierire Martina, le due danno vita ad una bella partita ma prevale sempre in tre set la Sassarese (7,6,4); chiude Francesca su Letizia ancora in tre set (4,7,4)”.

Letizia Porcu (Foto Pasquale Piroddi)

SERIE D1/A: LA SAETTA SOLA IN ALTO

In attesa di conoscere gli esiti del recupero tra Muravera TT e Quattro Mori la compagine quartese de La Saetta batte il Torrellas Capoterra e si insedia sola in vetta. Per i saettini si segnala un doppio successo di Luca De Vita che non dà scampo prima a Celestino Pusceddu e poi a massimo Carta. Il risultato è stato invece sbloccato dal redivivo Davide Pusceddu su Licio Rasulo che a sua volta ha dato un dispiacere ad un Alessandro Mercenaro, di sicuro più concreto quando si è trattato di sgominare Carta. L’altro punto capoterrese porta la firma di Pusceddu.

La Muraverese è invece terza grazie al successo riportato sull’Azzurra Cagliari: “È stato un incontro combattuto contro avversari esperti – rimarca Mario Bordigoni – che senza qualche acciacco di troppo ci avrebbero dato ancor più filo da torcere. Sia io che Michele Buccoli abbiamo portato a casa i nostri incontri mentre Marco Cocco continua a non tradurre in partita i progressi che mostra in allenamento. Personalmente sono soddisfatto di aver colto qualche segnale di miglioramento e spero da qui alla fine del campionato di tornare a buoni livelli di  condizione”. Per gli azzurrini punti di Gianni Pomata e Massimo Atzeni.

Marco Cocco (Foto Tomaso Fenu)

In basso due punti importanti li coglie il San Orione Rosmarino contro il Monserrato. “La vittoria è stata inaspettata – descrive Angelo Serri – perché io uscivo da un’influenza di una settimana. Nella mia prima partita stavo sotto 2-1 9-5 contro Giampaolo Manca ma sono riuscito a rimontare. Poi ho chiuso al quinto riportando la partita sull’1-1 dopo che Pietro Pili aveva subito la sconfitta da Riccardo Di Giovanni nel match di apertura. Nel terzo incontro Enrico Bianciardi ha fatto un miracolo annullando 2 match point ad Alessandro Borea. Tra l’altro, dieci minuti prima di iniziare a giocare, il mio compagno si era dovuto allontanare in preda a vomiti e influenza, tanto è vero non voleva nemmeno scendere in campo. Pur di non perderla a tavolino ha fatto uno sforzo uscendo vittorioso dalla sfida. Io ho perso contro Di Giovanni che ha avuto la sua rivincita rispetto al match nel girone di andata. Opposto a Manca, Chicco Bianciardi ha fatto il secondo miracolo di giornata vincendo anche contro Manca al quinto match. Nel finale Pietro ha chiuso al quarto set contro Borea dopo un altro match combattuto”.

Angelo Serri (Foto Tomaso Fenu)

SERIE D1/B: SANTA TECLA NULVI SEMPRE PIU’ VICINO ALLA C2, MA SASSARI INSISTE

Nono risultato utile consecutivo per la capolista Santa Tecla Nulvi che ha ragione dell’Oristano Azzurri. “Mi ha impressionato il giocatore avversario Carlo Carta – rammenta il tecnico croato Davorin Kvesic, autore dell’unica doppietta anglonese – che è riuscito ad imporsi sia con Roberto Caddeo, sia con Luca Pilo. I due miei compagni non sono ancora nel pieno della forma ma penso che tra non molto riusciranno a scaldare i motori completamente per portare a termine il nostro salto di categoria. Attualmente il campionato è ancora apertissimo, proprio come recita un vecchio proverbio croato: “prima fai il salto e poi dici hop”. Nonostante le incertezze noi stiamo affrontando la giusta programmazione e nel momento di tirare fuori gli artigli sono sicuro che ci troveremo pronti. Non c’è un’avversaria che ci faccia paura in particolar modo, ma semplicemente dobbiamo riuscire a non perdere con nessuno, specie le nostre più immediate inseguitrici Tennistavolo Sassari e Ghilarza che peraltro all’andata abbiamo sconfitto in casa loro. Attendiamo il Neoneli con la giusta concentrazione, solo dopo il match saremo in grado di dir se è stato più o meno semplice”.

Luca Pilo (Foto Gianluca Piu)

Il Tennistavolo Sassari insegue in ritardo di due punti: “Siamo riusciti a far nostro il derby con il Libertas Ping Pong Monterosello – riferisce Alberto Ganau – pur iniziando male. Sergio Idini, al rientro dopo l’infortunio alla schiena, viene battuto da Samuel Paganotto. Fortunatamente io, contro Sandro Renna e Pierpaolo Mura contro Roberto Musio, riportiamo in vantaggio la nostra squadra senza concedere set. A quel punto arriva l’incontro più importante: gioco io contro Paganotto e mi impongo 3-1 pagando la tattica eccessivamente attendistica del primo set. In seguito il subentrante Gianfelice Delogu su Roberto Musio e Pierpaolo Mura contro il sempre ostico Gianni Palmas fissano il risultato sul 5-1. Siamo soddisfatti, abbiamo sempre due punti di distacco dal Nulvi ma continuiamo un passo alla volta a provare a dargli fastidio. Buon campionato a tutti”.

Alberto Ganau (Foto Gianluca Piu)

La palestra S’Angelu di Neoneli ospita il match che vede la squadra di casa confrontarsi con il Guilcer di Ghilarza, terza forza del campionato. “Il team ospite – chiarisce Agostino Campanello – domina l’incontro con un perentorio 5-1. I mattatori sono stati Briam Mele (che batte Ignazio Piras e poi Gianni Pintus) e Alex Faedda che detta legge prima su Luciano Meloni e poi su Piras. Il quinto punto per Ghilarza lo mette a referto Mario Marchi che supera Meloni. L’unico punto del Neoneli viene messo a referto da Gianni Pintus su Marchi. Riprendo a giocare la prossima contro Nulvi, anche se sono fermo per via di un intervento chirurgico e non devo esagerare con i movimenti bruschi. Dobbiamo fare corsa contro le rivali nella lotta per non retrocedere, dando il massimo contro le due avversarie di Oristano e Sassari, speriamo bene”.

La sfida Neoneli – Ghilarza

“Non potevamo sbagliare questa partita”. Così l’ogliastrino Fabrizio Licciardi nel suo intervento sulla sfida tra Sporting e Oristano Rosso composto da Nicola Cuccureddu, Piergiorgio Mura, Pierpaolo Cubadde e Carlo Maulu. “Sicuramente i nostri avversari non meritano questa classifica e infatti, vista la posta in palio in chiave salvezza, abbiamo deciso di non schierare i ragazzini da titolari, col fine di raggiungere il pareggio e quindi stare a tre lunghezze dagli avversari. Inizia Carlo Piroddi che se pur con pochi allenamenti, mette in seria difficoltà Nicola Cuccureddu, ma si deve arrendere al quinto set. Tocca a me contro Piergiorgio Mura che soffre visibilmente il mio servizio; riesco a spuntarla non facilmente per 3-1. Maurizio Cuboni ha la meglio su Pierpaolo Cubadde sempre al quinto set. Carlo vince facile contro Mura che non riesce quasi mai ad entrare in partita. Maurizio perde contro Cuccureddu 3-1 e quindi ad una gara dal termine ci troviamo in vantaggio. Risultato iniziale raggiunto ma la vittoria si può ancora acquisire. L’Oristano non effettua il cambio e Carlo Maulu preferisce guardare l’ultimo scontro dalla panchina. Noi decidiamo di dare questa responsabilità ad Elia Licciardi e c’è da dire che le parole di Mario Marchi hanno accompagnato Elia in tutti e tre gli allenamenti settimanali, infatti, più che sulla tecnica, abbiamo lavorato sulla testa. Elia parte bene e non sbaglia praticamente nessuno scambio di rovescio, alternando i top di dritto, al punto da non dare possibilità a Pierpaolo Cubadde di sfoderare il suo bel rovescio. Vince 3-0 e ci troviamo a più cinque dalla zona retrocessione. La lotta per la promozione è affidata al Nulvi, al Sassari (nostri prossimi avversari) ed al Ghilarza! Si deciderà nelle ultime partite di campionato. Per noi sarà importante far acquisire esperienza ai nostri giovani senza avere quasi il peso di una meta da raggiungere. Ciao a tutti”.

I protagonisti della sfida tra Sporting Lanusei e TT Oristano

SERIE D2/A: IL TANDEM DI TESTA RESISTE

Torma a vincere la capolista Alghero dopo il riposo della prima giornata. Dopo il 110 e lode del suo presidente Christian Mulas conseguito al termine del master universitario a Roma, la squadra si presenta carica per affrontare la formazione dell’ Olbia B. E lo stesso Christian Mulas che ne fa una disamina: “Il primo incontro tocca al nostro 110 e lode che strapazza il temerario Stefano Corda. Poi entra in campo Salvatore Zinchiri che contro il tenace Antonio Rossi cade con un 3-0 netto. Sull’ 1-1, motivato dal desiderio di vincere, l’Alghero schiera Massimiliano Salis che batte Stefano Gregu. Nel quarto incontro si scaldano i motori: Rossi determinato nel voler fare lo sgambetto al club catalano, con eleganza e determinazione sfida il 110 mulaspin con lode, a da subito con il suo puntino si prende il primo e terzo set. Ma il presidente non demorde, riscalda il braccio e con forza d’animo e il braccio di una terza categoria vince al quinto set. Onore a Rossi. Gli altri incontri vengono vinti da Salis e Zinchiri portando il risultato sul 5-1 per l’Alghero”.

Christian Mulas (Foto Gianluca Piu)

Anche l’Olbia A, che ha una gara in più ha vita facile sul Tennistavolo Sassari Bianco: “Antonio Trubbas e Marco Dessí non si lasciano intimorire dalle giovani giocatrici sassaresi riuscendo a vincere tutti gli incontri disputati e portando a casa la vittoria. Eleonora Piras, infortunata ma presente, non riesce invece ad avere la meglio contro le avversarie” (a cura di Marco Dessì).

Eleonora Piras

Terzo posto appannaggio del Santa Tecla Nulvi Blu che grazie alle prodezze di Antonio Murgia e Samuele Raggiu riesce ad avere ragione del Tennistavolo Sassari Rosso andato a segno con Simone Unali e Alexander Evans.

SERIE D2/B: IL SANTA TECLA NULVI ROSSA VICINO AL TRAGUARDO

Concentramento play off quasi ipotecato per il Santa Tecla Nulvi che esce indenne dalla sfida di vertice con il Tennistavolo Sassari Blu. “Gara molto combattuta – interviene Francesco Denegri – finita in pareggio con punti di Tore Piga contro Francesco Zentile con un tre a zero senza grossi problemi: poi Carlo Oggiano affronta Marcello Bianco che non ha lasciato neanche un set al nostro giocatore. Poi ho affrontato Massimo Posadinu in una tenzone molto combattuta ma purtroppo l’ esperienza del mio avversario ha avuto la meglio ed ho perso 3-1. mentre Piga/Bianco finisce tre a uno in favore del mio compagno e poi io domino su Zentile e Posadinu su Oggiano. Finisce in pareggio una bellissima partita che comunque non cambia le posizioni in classifica..peccato”.

Dopo la lunga pausa di metà campionato l’Oristano Arancio torna al successo contro gli amici del Paulilatino Blu. “Confortanti le vittorie di Lorenzo Salaris – spiega Adolfo Simbula – che riesce a vincere anche in una giornata in cui non mostra il suo gioco migliore. Sabato prossimo speriamo di continuare la nostra rincorsa per cercare di scalare la classifica”. Da segnalare oltre ai due punti di Simbula e Salaris anche quello di Luigi Santus.

Adolfo Simbula (Foto Eleonora Piras)

Ad Alessandro Bertarelli del Libertas Ping Ponng Monterosello il compito di commentare la sfida col Paulilatino Gialla: “Giornata positiva per noi, siamo riusciti ad imporci per 5-1 contro i giovanissimi paulesi che formano una squadra molto migliorata rispetto all’andata e mai arrendevole. Bravi noi a rimanere concentrati in tutti gli incontri, vittoria che ci dà morale per il proseguo del campionato”. Oltre allo scrivente sono andati a punti Giambattista Salinari e Paolo Perantoni. Il punto della bandiera, che sblocca il risultato lo ottiene Rocco Serra.

Il Monterosello di D2

SERIE D2/C: SOLO PAREGGI

In attesa che la capolista San Orione Rosmarino A recuperi il 23 febbraio contro le Note Sportive Sanluri, nel resto del girone non accade nulla di eclatante.

Pareggiano Rosmarino B e Decimomannu C, parola a Marco Podda: “ La partita inizia con l’incontro del sottoscritto opposto a Fara, difensore ostico con gomma puntinata. Conscio della mia “avversione” al puntino, parto concentratissimo facendo subito incetta di punti portando a casa il primo set. Il secondo lo cedo ai vantaggi perdendo sicurezza; il mio avversario ne approfitta vincendo per 3-1. Peccato. Pareggia il conto Daniele Pitzanti che contro Federico Ibba deve ricorrere a tutta la sua esperienza per avere ragione al quinto set del giovane e bravo avversario che ha messo in mostra la sua abilità negli scambi veloci. Il terzo incontro vede opposti Andrea Decroce e Marco Ibba. Partita strana per il mio compagno che non riesce ad ingranare col suo gioco tagliato di rimessa. Dopo essersi spartiti i primi set, Marco Ibba approfitta della giornata no di Andrea portando a casa terzo, quarto set e partita. Spetta ancora a Daniele rimettere in parità l’incontro, questa volta vincendo contro Fara in quella che è sicuramente la partita migliore della giornata. Pregevoli giocate da ambo le parti con ripetuti attacchi da parte di Daniele e l’ottima difesa del minerario. Bravi entrambi e risultato in bilico fino all’ultimo punto. Rientro in campo io ed incontro Stefano Pittau che già mi sconfisse all’andata in una partita per me abbastanza sfortunata. Questa volta va bene al sottoscritto; dopo aver perso i primi due set, recupero e porto a casa la partita al quinto set. Sul 3-2 per noi entra Fabio Ferrabue che ha il compito difficile di contrastare Il giovane Federico. Il primo set vola via veloce senza che Fabio riesca ad opporsi agli attacchi dell’avversario; negli altri due riesce a controbattere qualche giocata, ma nulla può fare per evitare la sconfitta. Finisce 0-3 ed il Rosmarino acciuffa un pareggio tutto sommato meritato. All’andata fu un disastro, con questo pareggio ci siamo, in parte… rifatti. Un saluto agli amici di Carbonia e complimenti a Federico. Il tennistavolo ha bisogno di giovani, meglio se bravi come lui”.

Daniele Pitzanti (Foto Tomaso Fenu)

Bella partita in D2 ad Arbus fra i padroni di casa e l’Atletica Serramanna terminata con un salomonico pareggio. Ecco come l’ha vista Gianni Capaccioli: “Il protagonista è stato sicuramente Fabiano Peddis che ha conquistato due punti battendo la sua “bestia nera ” Italo Fois e Gianni Capaccioli al termine di due incontri intensi ed equilibrati dove ha prevalso alla fine la sua miglior tecnica. Nulla ha potuto invece Giorgio Onnis, incappato in due ottime partite di Fois e Beniamino Pillitu. L’ago della bilancia è risultato quindi Raimondo Onnis che nel match di esordio è uscito sconfitto di stretta misura da Capaccioli in un incontro ben giocato da entrambi, ma si è riscattato nel match decisivo battendo meritatamente Pillitu. In definitiva un giusto pareggio che ribadisce il punteggio dell’andata a testimonianza dell’equilibrio esistente fra le due formazioni”.

Italo Fois (Foto Tomaso Fenu)

SERIE D2/D: SI STACCA IL CAGLIARI TT

A riposo il Torrellas Blu, il Cagliari TT si stacca temporaneamente per comandare la graduatoria. “Un’altra gara relativamente semplice quella con la “giovane” Saetta Verde – sottolinea Paolo Marinelli – presentatasi in campo in versione light, vista l’assenza di alcuni degli autori del pareggio della settimana prima col Decimomannu A. Sicuramente le assenze di Mattia Pala e Romano Monni ci hanno semplificato le cose, lasciando il sempre combattivo Simone Sebis un po’ troppo solo: Alessandra Mura poco aggressiva (peccato perché qualche bel tiro lo ha fatto, soprattutto giocando contro Stefano Sedda che le ha concesso un set) e Leonardo Pala, non ancora “attrezzato” per un campionato dove vince spesso “chi la rimanda di là” perché ha più esperienza (bravo comunque per la volontà)”. Per il Cagliari TT punti anche di Giancarlo Fasano e Aldo Puleo.

Paolo Marinelli (Foto Tomaso Fenu)

Il Tennistavolo Quartu supera il Decimomannu A con doppietta di Marco Atzeni e altri punti di Gianni Benevole ed Enrico Pettinau. Per il team decimese Mattia La Gaetana realizza gli altri due punti. Marco Atzeni: “Come può mancare in campionato uno scontro di pari livello per esperienza, conclusosi con la vittoria di Quartu? Quale migliore allenamento se non una partita del genere? Sinceramente punto di crescita e miglioramento per ambo le squadre”.

Marco Atzeni (Foto Tomaso Fenu)

Nella sfida baby della giornata il trio dei fratelli Lai (Dzintars, Zemgus, Varis), in forza alla Marcozzi sconfigge il terzetto proveniente dal nucleo familiare Pusceddu del Torrellas Capoterra (Oriano, Jacopo, Edoardo). Punto della bandiera per Jacopo.

Dzintars Lai (Foto Pasquale Piroddi)

SERIE D2/E: IL DECIMOMANNU B RAGGIUNGE LA SAETTA GIALLA

A riposo i più forti del torneo tesserati con La Saetta Gialla, il Decimomannu B rispetta il pronostico affiancando la capolista. “Sabato i nostri bambini della D2 hanno affrontato i veterani ex Suelli ora in forze al Decimomannu B – considera il tecnico sarrabese Alberto Mattana – e ne è scaturito un netto 6-0 senza colpi di scena in nessuna partita. Appuntamento più importante semmai per incominciare a mostrare ai bambini come si gioca con i puntini e provare a costruirci attorno un gioco. Si continuerà a lavorare in settimana per acquisire sempre più consapevolezza dei nostri mezzi e per affrontare le prossime partite con un po’ più di morale”. Solito il trio vincente composto da Paolo Soraggi, Efisio Sirigu e Salvatore Garau. Mentre la Muraverese Gialla si è rapportata con Alberto Piras, Simone Cocco e Samuele Camboni.

Alberto Piras (Foto Tomaso Fenu)

Sconfitta anche la Muraverese Rossa che patisce la supremazia de La Saetta Rossa. Il match sciorinato da Francesco Murtas: “La Muraverese si presenta in campo senza l’importante apporto di Antonio Agostinelli a causa della scomparsa del padre. A lui va tutto il nostro affetto ed un mio personale abbraccio. Al suo posto viene schierata Patrizia Ruani che affianca Francesco Marotta e Roberto Deiana. Da parte nostra ci proponiamo con Alessio Picciau, io e mio figlio Mattia. La partita più combattuta risulta essere proprio la mia con Marotta. Nonostante riesca a vincere al quinto di cinque set tiratissimi credo di aver giocato una delle mie partite più brutte del campionato. Non sono riuscito quasi mai a imprimere il mio tipo di gioco abituale probabilmente a causa delle precarie condizioni di salute e dell’avversario sempre pronto e combattivo; alla fine un po’ di fortuna, grinta, esperienza e un po’ di Mariano Cossellu, che ci ha accompagnato per darci la giusta carica, hanno portato il risultato a mio favore. L’altra partita che poteva cambiare le sorti dell’incontro è stata quella tra Picciau e Deiana che vede proprio quest’ultimo in vantaggio al primo set su un apparentemente impaurito avversario. Le cose però non stanno così, infatti Alessio prende il sopravvento e vince i successivi tre set. Le altre partite vedono Patrizia Ruani contro Picciau ed il sottoscritto, impegnati in una gara senza storia. Grande merito a Patrizia per aver cercato di portare a segno i suoi colpi senza paura; sono certo che più avanti sentiremo parlare di lei. Stessa sorte per il piccolo agguerrito Mattia che deve affrontare due colossi come Deiana e Marotta ancora troppo distanti per il pongista saettino. L’incontro termina 4-2”.

Francesco Murtas con Alessia Picciau e il figlio Mattia (Foto Tomaso Fenu)

Partita senza storia quella che si gioca a Lanusei tra il Muravera e il Tennistavolo Quartu Sporting. Il collettivo sarrabese è costretto a rivoluzionare il team per mancanza delle giocatrici più forti, impegnate in C femminile. Pertanto il 6-0 finale è l’inevitabile conseguenza. Punti di Giammarco Mereu, Carlo Cuboni e Ubaldo Franceschi.

Giammarco Mereu (Foto Pasquale Piroddi)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: