Cronache Pongistiche Sardegna del 15 luglio 2015

CADETTI D’ARGENTO AGLI EUROPEI CON I MERITI DI CARLO ROSSI E DELLA RISERVA JOHNNY OYEBODE

Il tecnico della nazionale cadetti Valentino Piacentini voleva sollevare l’asticella, come da precedenti dichiarazioni a questo ufficio stampa. E i risultati eclatanti sono prontamente arrivati da una squadra maschile composta al 50% da atleti provenienti dalla Sardegna. I due marcozziani Carlo Rossi e Johnny Oyebode hanno esultato assieme ai loro compagni Matteo Mutti e Gabriele Piciulin per il lucentissimo argento conquistato nella finale continentale a squadre disputata il pomeriggio del 14 luglio a Bratislava (Slovacchia). Il team della Francia ha confermato la leadership ma non è stato semplice tenere a bada la vivacità agonistica del duo titolare Rossi – Mutti.

La concentrazione di Carlo Rossi a Bratislava
La concentrazione di Carlo Rossi a Bratislava

L’avventura europea era cominciata con la vittoria di misura nei confronti della Svezia. Il girone è stato chiuso a punteggio pieno grazie alle successive vittorie ai danni di Lituania e Slovenia. In quest’ultimo match il duo titolare è stato messo a riposo e in campo si sono battuti molto bene Oyebode e Piciulin. Nel tabellone ad eliminazione diretta ritornano ad essere protagonisti Carlo e Matteo. Primo ostacolo da abbattere il Portogallo che viene piegato per 3 – 0. Ai quarti c’è da vedersela con la Germania e Carlo Rossi da Quartu S. Elena compie un piccolo capolavoro aggiudicandosi due singolari. Finisce tre a due e una medaglia è già stata messa nel portavalori. Ma l’exploit giunge con la Romania che viene piegata con lo stesso risultato e con Carlo che vince un singolo e il doppio. L’entusiasmo è alle stelle, nessuno se l’aspettava, forse Piacentini che per l’intera ragione ha cementato un bel gruppo. Nella finalissima con la Francia la tensione ha avuto il sopravvento, ma il divario non è apparso netto. La missione in Slovacchia non è terminata. Ora si darà spazio ai singolari, e ai doppi maschili, femminili e misti. Qualcosa di sorprendente potrebbe ancora succedere.

CARLO ROSSI: “TRA TANTE GIOIE, QUELLA DI AVER BATTUTO IL ROMENO SIPOS”

Una dieta intrapresa da qualche mese lo ha reso decisamente più tonico che mai. Lo ammette lo stesso “argentato” Carlo Rossi che grazie anche all’ottima forma fisica ha fatto sognare tantissimi tifosi sardi e italiani.

Valentino, circa due mesi fa, mi disse che avevate le carte in regola per fare bene. Anche tu, due mesi fa immaginavi un podio d’argento?
Ero cosciente dall’inizio dell’anno che avremmo potuto giocare un buonissimo europeo, il nostro obiettivo era di arrivare a medaglia, sapendo che avremo incontrato la Romania e la Francia, le teste di serie più forti. Pensavamo al 99% che era impossibile batterle. Però abbiamo sfruttato quel 1% e per questo siamo molto soddisfatti.

Un Carlo Rossi visibilmente dimagrito
Un Carlo Rossi visibilmente dimagrito

Mi dirai che sono state belle tutte le vittorie, ma quelle che hanno fatto vibrare maggiormente il tuo cuore?
Sono state tutte belle vittorie. Mi ha fatto emozionare maggiormente quella con la Germania, quando ritrovandoci sotto per 1 -2, da vera squadra abbiamo operato la rimonta. E poi quella ottenuta con la Romania: sia sotto l’aspetto personale perché sono riuscito a battere il n. 3 d’ Europa e campione continentale in carica Sipos, sia in generale perché battere una squadra come la Romania è rilevante.

Contro la Francia cosa vi è mancato?
Era la prima finale europea della nostra vita e specialmente io l’ho sentita parecchio. Purtroppo in quell’occasione non sono riuscito ad esprimermi con il solito gioco. Tensione e paura mi sono state fatali.

In quale gesto atletico pensi di essere cresciuto ?
Penso di essere migliorato parecchio sia sotto l’aspetto tecnico, sia su quello della continuità e tenuta del gioco.

Cosa ti aspetti dai doppi e dal singolare ?
Nel singolare ho un tabellone abbastanza tosto, cercherò di fare il meglio che posso, sperando di andare il più avanti possibile. Nel doppio abbiamo il podio come obiettivo.

Dediche particolari da fare?
Alla mia famiglia. E a Stefano Curcio: ha seguito in quest’ultimo periodo ed è anche grazie a lui che sento di essere migliorato parecchio. E poi a tutti coloro che mi stanno vicini e che mi permettono di giocare al meglio. Spero che questa medaglia sia la prima di tante.

PARLA JOHNNY OYEBODE: “SIAMO UNA FAMIGLIA”

Subito dopo la finalissima perduta con la Francia a prendere la parola su questo bel momento azzurro è Johnny Oyebode: “La sensazione è bella – dice – l’argento non era il nostro obiettivo ma siamo riusciti a costruire un piccolo sogno che già si era concretizzato approdando alla semifinale, con grande merito di tutto il collettivo. Ottenuto quel traguardo ci siamo imposti di giocare sereni e senza avere nulla da perdere è arrivata anche la finale. Sia da parte di Carlo, sia da parte di Matteo è mancata un po’ di lucidità contro la Francia. Nei momenti decisivi sono stati poco aggressivi e incisivi, ma vanno capiti perché per loro era la prima finale e la tensione si è fatta sentire. Secondo me non eravamo abituati a giocare in situazioni del genere, mentre i francesi lo sono da sempre. Al tecnico Valentino Piacentini va il merito di averci fatto sentire una squadra, forse addirittura una famiglia. A lui il risultato importava però a parer mio gli interessava che il livello del gioco da noi espresso fosse buono. Voleva che dimostrassimo con i fatti il perché fossimo teste di serie. E durante tutto l’anno agonistico è stata questa condotta che ci ha fatto diventare vice campioni d’Europa. In tutte le competizioni che mi restano da giocare non incontrerò un tabellone molto facile, soprattutto nel singolo. Spero di arrivare nei primi 32 e giocarmela al massimo in tutte le partite.

a sx Johnny Oyebode esulta per un punto dei suoi compagni
a sx Johnny Oyebode esulta per un punto dei suoi compagni

A Bratislava mi sono ambientato bene, sia con i miei compagni, sia con gli atleti delle altre nazionalità, che ho trovato molto simpatici. In pratica sto vivendo l’ambiente che immaginavo, con i giocatori che pensano solo a vincere, come si è visto peraltro in queste prime giornate agonistiche”.

TROFEO CONI 2015: LA MURAVERESE CONSERVA IL TITOLO
(a cura di Gianluca Mattana)

Per il secondo anno consecutivo sarà la Muraverese a rappresentare la Sardegna pongistica alle fasi nazionali del Trofeo Coni, previste dal 24 al 26 settembre 2015 a Lignano Sabbiadoro. Il terzetto composto da Alice Mattana, Aurora Piras e Marco Cocco sarà accompagnato in Friuli Venezia Giulia dal tecnico Riccardo Dessì.
Nella fase regionale svoltasi sabato scorso nelle strutture di viale Rinascita a Muravera, si
sono presentate soltanto tre squadre, peraltro tutte locali: Muravera A, Muravera B e i campioni uscenti della Muraverese che lo scorso anno hanno rappresentato la Sardegna pongistica alle finali nazionali che si tennero a Caserta.
Una temperatura che si aggira intorno ai quaranta gradi accoglie gli atleti sarrabesi che nonostante il periodo vacanziero continuano ad allenarsi costantemente.
Si comincia con la disputa in famiglia Muravera TT. I favori del pronostico sono stati rispettati col Muravera A che ha prevalso facilmente grazie ai punti di Sara Congiu (su Serena Anedda) e di Marco Nieddu (su Federico Mascia). Nessuna sorpresa neppure nel doppio con il duo Congiu – Nieddu abile nel superare il binomio avversario composto da Mascia e Anedda.
Nel secondo dei tre match previsti esordisce la Muraverese, opposta al Muravera B. Prime a scendere in campo Alice Mattana e Serena Anedda e in contemporanea, nel tavolo attiguo, Marco Cocco affronta Federico Mascia. Nessuna storia nel match tutto al femminile con Alice che ha superato in tre set la compaesana, mentre Cocco parte bene guadagnando il primo set ma alla lunga viene imbrigliato dai puntini di Mascia e si deve arrendere al quinto. Anche questo risultato ci sta; ci aspettavamo però qualche sorpresina da parte di Marco. Sul risultato di parità si va al doppio: Cocco gioca con la compagna Aurora Piras. Sull’altro fronte la collaudata coppia Mascia – Anedda ha dato molto filo da torcere ai miei giocatori, costringendoli a giocarsela fino al quinto set. Abbiamo perso una grande occasione quando sul 2 – 1 eravamo in vantaggio per 10 – 7. Ottenuto l’undicesimo punto, Marco Cocco, molto sportivamente, ha alzato la mano per segnalare l’inversione di servizio. Dalla panchina ho deciso di far ripetere il punto e, come spesso succede in questo sport, i nostri avversari hanno inanellato cinque punti consecutivi che ci hanno costretto a disputare il quinto set. Un po’ scosso da quello che è successo poco prima, Marco mostra qualche difficoltà, ma alla lunga i due compagni di squadra ritrovano la sintonia e ottengono set e vittoria complessiva.

da sx Congiu, Mattana e Piras, protagoniste al Trofeo Coni 2015 (Foto Tomaso Fenu)
da sx Congiu, Mattana e Piras, protagoniste al Trofeo Coni 2015 (Foto Tomaso Fenu)

Quindi si va al match che vale la qualificazione alla fase nazionale del Trofeo Coni. Il Muravera A è formazione equilibrata e completa perché Sara Congiu ha fatto passi da gigante e Marco Nieddu è sicuramente superiore a Marco Cocco. Nel singolare femminile Aurora Piras si porta sul 2 – 0 ma deve subire il recupero di Sara che ha impostato il suo gioco con il block e si è fatta forza con le sue caratteristiche urla. Nel set decisivo Aurora prende le misure all’avversaria e porta il punto a suo favore (11 – 7).
Nella disputa tra maschietti Cocco combatte solo nel set di apertura che perde ai vantaggi. Il resto è una passeggiata per Nieddu che vince facilmente i restanti due parziali. Nel doppio decisivo è Alice Mattana che affianca Marco Cocco, in quanto compagna che forse riesce a fargli tirare fuori maggiormente gli artigli. Partono bene i due del Muravera TT che si aggiudicano la prima frazione grazie anche al servizio di Nieddu su Mattana. Nel secondo parziale accade il contrario con Alice che dà più di un grattacapo a Marco proprio sulla battuta. Nel terzo set Sara e Marco sono riusciti a mantenersi costantemente in avanti conservando il servizio, e soprattutto Sara è stata molto attenta a non farsi sorprendere dalle battute di Alice. La nuova rotazione favorisce la Muraverese con Mattana ancora primeggiante nei confronti di Nieddu. E allo stesso tempo anche Cocco si è reso più utile alla causa, restando attento e presente nelle fasi convulse del match. Nel parziale decisivo ci siamo ritrovati sotto per 5 a 3 ma quando ad Alice è spettato servire su Nieddu la musica è cambiata: sul 10 – 10 Congiu coglie uno spigolo, ma il duo del Muravera non ne sa approfittare e subisce tre punti consecutivi degli avversari che conquistano anche l’edizione 2015 del Trofeo Coni Sardegna. Vincerla è stata davvero complicata, e se avessero prevalso i paladini del Muravera TT nessuno avrebbe avuto nulla da dire, perché tutti e quattro hanno dato vita ad un incontro bello, vibrante, equilibrato. Agli sconfitti rimane la consapevolezza di poter tentare la conquista anche nei prossimi anni, mentre per Alice e Aurora è stata l’ultima volta. La competizione sarebbe potuta essere più bella se avessero partecipato almeno tre squadre in più. Però è comprensibile che in piena estate sia difficile e poi trovare degli under 14 sia maschili, sia femminili, è un po’ complicato”.

IL TENNIS TAVOLO PAULILATINO SI MOSTRA ALLA COMUNITÁ

Prima la presentazione ufficiale presso la palestra delle scuole elementari. Poi una ricca cena presso la sede dislocata nei locali della Croce Rossa. A Paulilatino il Tennis Tavolo riprende vigore grazie ad una quindicina di persone che a partire dagli ottanta avevano impugnato una racchetta e che poi, soprattutto per problemi connessi al lavoro, avevano dovuto emarginare in solaio. Ma le passioni sono dure a morire e ora il movimento riprende con più vigore nell’intento di convogliare giovani e diversamente adulti presso gli spazi che in passato ospitavano la scuola materna.

Un momento dell'inaugurazione a Paulilatino
Un momento dell’inaugurazione a Paulilatino

Il neo nato Tennis Tavolo Paulilatino è composto da quindici soci fondatori: Pasqualino Putzolu (Presidente), Francesco Gallus (vice Presidente), Francesco Zanda (Segretario), Piergiorgio Casta, Piero Cossu (Consiglieri), Giovanni Careddu (Atleta), Giuseppe Putzolu (Tecnico), Aldo Sicurella, Antonio Oppo, Davide Carta, Domenico Gallus, Franca Mura, Giorgio Floris, Giuseppe Gallus (Soci fondatori).
Alla festa per l’inaugurazione sono intervenuti tanti cittadini, e atleti e dirigenti in rappresentanza dei club di tennistavolo limitrofi come Guilcier Ghilarza, TT Neoneli e Tennistavolo Norbello. E lo sparring nigeriano Gbenga Kayode, di stanza proprio a Norbello, ha messo su un’esibizione per mostrare ai meno esperti quanto sia bellissimo questo sport pregno di gesti atletici ma anche mentali. A fare gli onori di casa il sindaco di Paulilatino Domenico Gallus che ha manifestato grande interesse per la disciplina. Ospite d’eccezione della serata il più grande giocatore italiano di tutti i tempi Massimiliano Mondello.

da sx il sindaco di Paulilatino Domenico Gallus, Simone Carrucciu e Massimiliano Mondello
da sx il sindaco di Paulilatino Domenico Gallus, Simone Carrucciu e Massimiliano Mondello

Presente anche il presidente della Fitet Sardegna Simone Carrucciu che ha ringraziato la società per l’ospitalità e anche il primo cittadino con cui si augura al più presto di sviluppare nuove forme diffusione del tennistavolo nel Guilcer e nel Barigadu. “Sono felice perché a Paulilatino sono partiti davvero col piede giusto – rimarca Carrucciu – e mi fa piacere che anche le altre società del circondario siano venute a dare manforte ad un gruppo che ha tanta voglia di fare. Sono sicuro che l’intero movimento ne trarrà benefici”.

DUE CHIACCHIERE CON IL PRESIDENTE ANGELO PUTZOLU

Per adesso si allenano in dodici, ma si spera che all’inizio dell’anno scolastico si possano vedere giocare tante nuove facce. Il presidente del Tennis Tavolo Paulilatino non nasconde tanta voglia di fare: “Abbiamo voluto rendere pubblico quello che stavamo facendo – aggiunge Pasqualino Putzolu, noto Angelo – in modo da poter coinvolgere più gente nella pratica della disciplina. La nostra vuole essere una pratica di divulgazione, perché abbiamo una certa età e a questo sport abbiamo dato tanto in passato. Siamo un gruppo di amici che con molta pazienza ha lavorato tanto per arrivare a questa inaugurazione. Non è facile arrabattarsi per la ricerca di locali idonei, ma alla fine ci siamo riusciti”.

Progetti per l’immediato?
Ci piacerebbe coinvolgere persone di tutte le età, sinceramente sono molto ottimista perché in questi mesi di preparazione abbiamo avuto degli interessanti segnali. Noi “anziani” vogliamo semplicemente divertirci, ma ci impegneremo affinché i più giovani abbiano gli strumenti più idonei per intraprendere un’attività agonistica seria.

il secondo da dx è il presidente del Tennis Tavolo Paulilatino Angelo Putzolu con Carrucciu, Marchi del Guilcier Ghilarza e Cortese del Neoneli
il secondo da dx è il presidente del Tennis Tavolo Paulilatino Angelo Putzolu con Carrucciu, Marchi del Guilcier Ghilarza e Cortese del Neoneli

Il Presidente Carrucciu vi è stato molto vicino ?
Se non fosse stato per l’aiuto datoci dal presidente della Fitet Sardegna, a quest’ora non saremmo qua. Grazie ai suoi preziosi consigli stiamo adottando delle strategie che all’origine sembravano impensabili.

Parteciperete al prossimo campionato di D2?
Sinceramente non sappiamo se cimentarci subito in un campionato regionale. Non abbiamo ancora un tecnico che ci indirizzi verso un certo grado di preparazione. Vediamo da qui a settembre se riusciremo a trovare maggiore consapevolezza nei nostri mezzi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: