Cronache Pongistiche Sardegna del 4 febbraio 2015

SERIE A: IL PUNTO

Non poteva sbagliare un obiettivo così facile. Lo Zeus Quartu conserva il primato nella A1 femminile, mantenendo due punti di vantaggio nei confronti dell’inseguitrice Cortemaggiore. La formazione del presidente Gianfranco Cancedda passa a Norbello dove la squadra di casa è scesa in campo con Eleonora Trudu al posto della più esperta Marina Conciauro. Per le campionesse d’Italia solo uno stop iniziale con la cinese Su Yaxin, sconfitta dalla greca Papadaki. Poi sono seguiti quattro punti consecutivi delle ospiti con Tian Jing,(2), al suo undicesimo successo di fila, Wei Jian e la stessa Su Yaxin.

A sx Tian Jing dello Zeus batterà Angeliki Papadaki (Foto Gianluca Piu)
A sx Tian Jing dello Zeus batterà Angeliki Papadaki (Foto Gianluca Piu)

Nella stessa serie perde il Quattro Mori a Castel Goffredo con punto della bandiera della nigeriana Ogundele.

Si gioca anche il prossimo fine settimana; venerdì la capolista ospita (Scuola via Is Arenas, ore 18,30) la Bagnolese, mentre il Tennistavolo Norbello sarà impegnato ad Appiano. Domenica il Quattro Mori giocherà in Emilia, opposto al Cortemaggiore.

La zeusina Wei Jian ha appena battuto l'allenatore giocatore del Norbello Marialucia Di Meo (Foto Gianluca Piu)
La zeusina Wei Jian ha appena battuto l’allenatore giocatore del Norbello Marialucia Di Meo (Foto Gianluca Piu)

Le soddisfazioni per il presidente guilcerino Simone Carrucciu arrivano dal fronte maschile. Dopo un digiuno che durava da quattro giornate consecutive la squadra di A1 ottiene il primo successo casalingo del campionato contro il Cral Roma. I punti della vittoria sono arrivati dai rinati Maxim Kuznetsov e Lu Leyi. Ora i punti di distacco dalla cenerentola Marcozzi sono diventati quattro in quanto la formazione cagliaritana è stata superata in casa dai campioni in carica dell’Apuania Carrara. La partita era cominciata discretamente per gli uomini allenati da Massimiliano Mondello che dopo le prime quattro gare si trovavano ancora in situazione di parità grazie alle vittorie di Onaolapo sull’ex Baciocchi e sull’orientale Yao.

Venerdì il Tennistavolo Norbello giocherà in Piemonte contro il Cus Torino; il giorno dopo la Marcozzi sarà ricevuta dal Cral Roma.

A sx il tecnico del Tennistavolo Norbello Provas Mondal discute con Kuznetsov e Mocci (Foto Gianluca Piu)
A sx il tecnico del Tennistavolo Norbello Provas Mondal discute con Kuznetsov e Mocci (Foto Gianluca Piu)

Prosegue invece la marcia trionfale della Marcozzi di A2 che ottiene il suo sesto risultato utile consecutivo. Grazie al successo casalingo sul Tennistavolo Cori – Latina, la compagine composta da Carlo Rossi, Stefano Curcio e il nigeriano Shola Oyetayo è sempre in testa alla graduatoria con due lunghezze di vantaggio sul TT Club La Spezia. Sabato prossimo spedizione siciliana abbastanza facile contro il Club Messina, ancora a zero punti.

Domenica prossima ritornano anche la A2 e B femminile con i concentramenti rispettivamente a Bolzano e a Roma. In A2 scenderanno in campo Tennistavolo Norbello e Zeus Quartu, in B Muravera, Muraverese e Azzurra Cagliari.

B1: FINALMENTE LIBERTAS SASSARI

IL RITORNO SUI CAMPI NAZIONALI DI LUCIANO SAIU

Dopo sei insuccessi di fila arriva una vittoria per la Libertas Sassari, impegnata nel girone C. Sul campo di Oriolo Romano i turritani battono la Trionfale con il duo Alberto Ticca – Marco Sarigu autori di due punti ciascuno, e con l’unico sigillo di Tonino Pinna.

“La prima giornata di ritorno è andata bene – argomenta Marco Sarigu – perché ci ha visti vittoriosi ancora una volta contro il fanalino di coda del nostro girone, che comunque con l’ aggiunta del giovane Brinchi si è fatta più competitiva.

Io e Alberto abbiamo giocato molto bene. Sono partito da “scarso” per incontrare subito il loro forte, Brinchi in modo da partite subito avvantaggiati nella gara. L’ altra mia vittoria è arrivata su Farnetti. Ticca fa due su Coppolelli e Farnetti ma perde con Brinchi.

Tonino è in un momento in cui magari non riesce a chiudere le partite, ma riguardo l’ ultima gara, la partenza in giornata e il tragitto in macchina, possono aver influenzato negativamente la sua prestazione. Speriamo in un girone di ritorno migliore, magari togliendoci qualche soddisfazione in più rispetto all’ andata”.

Marco Sarigu della LIbertas Sassari (Foto Tomaso Fenu)
Marco Sarigu della LIbertas Sassari (Foto Tomaso Fenu)

Troppo forte la vice capolista Libertas Casalnuovo Matera per il Muravera, l’ultima classe del girone C. La formazione sarrabese ha schierato il diversamente giovane presidente Luciano Saiu (quasi 71 primavere alle spalle), Stefano Macis e Nicola Pisanu che ha commentato l’incontro: “Il primo punto del Matera lo porta a casa testiera vincendo 3-0 contro di me. Nel secondo match scende in campo il nostro presidente che non può nulla contro Mastroberti, perdendo 3-0. Un Macis molto nervoso perde 3-0 col forte romeno Csaba Kun. Poi gioco contro Mastroberti ma non riesco a ripetere l’ ottima prestazione dell’ andata: infatti perdo 3-0. Nell’ ultimo match Macis perde a testa alta: 3-0 con Testiera giocando un’ ottima partita con diverse occasioni che sfruttate al meglio gli avrebbero consentito di vincere il terzo set, purtroppo sfuggito ai vantaggi”.

Nicola Pisanu del Muravera (Foto Tomaso Fenu)
Nicola Pisanu del Muravera (Foto Tomaso Fenu) 

B2/F: GIORNATA POSITIVA PER LE DUE SARDE

Continua l’inseguimento della Marcozzi alla prima della classe TT Oikos. Lo svantaggio di due punti è rimasto tale grazie al successo straripante casalingo dei rossi cagliaritani sulla Futura 94, terza forza del campionato. Massimo Ferrero l’ha vista così: “Convincente vittoria per 5 a 1. Perde il primo incontro Mario Bistrussu con Gurghean, dopodichè segue la sfilza di vittorie di Johnny Oyebode su Monteurro e Gurghean; la mia sul difensore romano e su Iozzi, su cui fa punto anche un ottimo Bistrussu. Complessivamente siamo contenti e proveremo a riconquistare la vetta”.

Massimo Ferrero della Marcozzi (Foto Tomaso Fenu)
Massimo Ferrero della Marcozzi (Foto Tomaso Fenu)

La Muraverese ottiene la terza vittoria della stagione imponendosi in casa sul fanalino di coda Leopardi Perugia. Il tecnico Sandro Poma ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Incontro importante in chiave salvezza, soprattutto in un girone dove non sarà sufficiente prevalere negli scontri diretti, perché durante la stagione le nostre avversarie sono andate a cogliere successi insperati. A mio modo di vedere dovremmo collezionare cinque vittorie globali per avere certezze sulla nostra permanenza in B2. Sabato scorso Marcello Porcu è rimasto concentrato per tutta la gara, facendo sempre le cose più giuste ed ottenendo tre punti su altrettante partite. Da sottolineare l’importanza del punto ottenuto da Buccoli sullo zero a zero, contro un terza categoria di tutto rispetto chiamato Alessandro Bonelli. Nonostante sia terminata tiratissima al quinto, Michele è stato molto attento ed ha offerto una ottima prestazione a livello tecnico e tattico. Lo vedo decisamente in crescita e questo mi fa ben sperare per il prossimo scontro salvezza di sabato prossimo a Roma. All’andata perdemmo 5 a4 in casa, sprecando delle enormi occasioni per vincere; allora si vide un Riccardo Dessì in gran spolvero, autore di tre punti. Se dovessimo riuscire a vincere, si spalancherebbero le porte della permanenza nella serie. Qualora non dovessimo farcela le percentuali di restare in B2 sarebbero al 50%. Ma la squadra si sta allenando bene, quindi si spera che vada tutto liscio in una stagione dove diverse vicissitudini ci hanno costretto ad agire nella precarietà”.

a sx il tecnico della Muraverese Sandro Poma alle prese con Michele Buccoli (Foto Tomaso Fenu)
a sx il tecnico della Muraverese Sandro Poma alle prese con Michele Buccoli (Foto Tomaso Fenu)

C1/P: AVANZANO GUSPINI E LA SAETTA

La caccia alla capolista Isola Peter Pan Roma continua. Il Tennistavolo Guspini raggiunge quota 14 in otto gare disputate. Domenica mattina ha avuto ragione dell ITC Enrico Fermi di Iglesias. Michele Lai è stato protagonista con due vittorie: “Contro l’Iglesias decidiamo di partire con Massimiliano Scanu in formazione titolare al posto di Francesco Lai. Iniziano le danze proprio Scanu contro Giancarlo Pili: purtroppo il nostro compagno non riesce a prendere le misure contro il gioco puntinato e all round difensivo-offensivo dell’avversario. Soccombe per 3 a 1. Pareggia i conti senza troppi patemi Riccardo Lisci su Giovanni Siddu, vincendo facile 3 a 0. Quindi è il mio turno contro Bruno Pinna e riesco per la prima volta a prevalere per 3 a 0 dopo anni di partite passate sempre tiratissime. Rientra Lisci in campo e chiude in scioltezza su Pili sempre per 3 a 0, così come immediata e senza storia è la vittoria di Pinna su Scanu per 3 a 0. La sesta partita tra il sottoscritto e Siddu è la più avvincente e incerta e se la aggiudica l’ iglesiente al quinto set per merito di un servizio sempre molto fastidioso e di block precisi alternati ad aperture rotanti. Infine Lisci batte un nervoso Pinna per 3 a 0 e io chiudo le ostilità vincendo con Pili sempre 3 a 0, dopo una sospensione di qualche minuto per blackout dell’impianto elettrico della palestra”.

Michele Lai del Guspini (Foto Tomaso Fenu)
Michele Lai del Guspini (Foto Tomaso Fenu)

A sua volta La Saetta Quartu prosegue l’inseguimento alla formazione del Medio Campidano, battendo il Castello Comitec Roma. “Iniziamo bene il 2015 – esclama il saettino Christian Ferro – prima del girone di ritorno e primi due punti dell’anno. Il solito Mattia Contu vince abbastanza agevolmente i suoi tre incontri. Buona prova di Claudio Rossi che rispetto all’andata (due giocate altrettante perse), vince 3-1 contro Marzulli. Io ho finalmente ripreso gli allenamenti e grazie a quello e a tanta fortuna sono riuscito a vincere 3-2 su Marcolini. I due punti per gli amici del Castello Comitec Roma li porta Fabio Angiolella: 3-1 su di me e 11-8 al quinto set con Claudio”.

Christian Ferro de La Saetta (Foto Tomaso Fenu)
Christian Ferro de La Saetta (Foto Tomaso Fenu)

Ritorna a bocca asciutta dalla trasferta laziale la compagine de Il Cancello Alghero. Il vice presidente Fabio Costantino è stato uno dei protagonisti: “Purtroppo la partita contro “L’isola che non c’era” di Roma ha rispettato il pronostico. Sapevamo che non sarebbe stato facile perchè ci saremmo presentati in formazione rimaneggiata. Il risultato sfavorevole di 5-3 (2 punti Carlo Fois e 1 Maurizio Muzzu) fa capire che è mancato qualcosa contro una squadra che è in testa alla classifica da otto giornate. Complimenti comunque agli avversari che hanno meritato, l’unico rammarico è di non aver vinto alcuni incontri terminati al quinto set, ma ci può stare.”

Il derby tra Muraverese e Zeus Quartu si è deciso alla nona partita con il team sarrabese più lucido nel finale. Il rapporto scritto è del giovane sarrabese Andrea Piras: “Grande prestazione da parte della Muraverese che vince in casa 5-4 contro lo Zeus di Quartu. Due i punti ottenuti da i giovani della Muraverese Luigi Pusceddu e Andrea Piras con un punto di Andrea Manis. Per lo Zeus tre punti di Gian Carlo Carta e uno di Cesare Mozzi. Una partita molto combattuta sotto ogni punto di vista e che ha tenuto con il fiato sospeso perchè sul 4-3 per lo Zeus e Luigi sotto 2-0 nessuno poteva pensare a una rimonta. Poi un coraggioso Pusceddu vince 3-2 al quinto e Piras conclude l’opera. Due punti in classifica molto importanti in chiave salvezza”. Il tecnico della formazione sarrabese Sandro Poma riserva degli elogi allo stesso Piras: “Mi complimento con lui perché mentalmente si sta adeguando sempre al livello della C1, a lui sconosciuta fino a qualche mese fa. Noto con piacere che ha sempre meno pause e questo gli ha consentito di cogliere vittorie importanti con atleti di spessore. Denoto una crescita importante dove la testa è al servizio della sua straordinaria mano”.

Andrea Piras della Muraverese (Foto Tomaso Fenu)
Andrea Piras della Muraverese (Foto Tomaso Fenu)

C2: QUARTU BIANCA E GUILCIER GHILARZA DOMINATRICI PIÙ CHE MAI

La pausa prolungata del campionato non ha frenato l’impeto delle due battistrada che continuano a macinare successi. Semplice per il Quartu Celeste superare i fratelli del Quartu Bianca. “Il derby si è svolto secondo pronostico a nostro favore – ribadisce Mario Bordigoni – nonostante l’assenza di Guido Lampis peraltro bilanciata da quella di Pierluigi Montalbano. Il nigeriano “Giacomo” Oladimeji ha vinto piuttosto agevolmente i suoi incontri mentre io ho dovuto faticare più di quanto non dicano i punteggi finali per aver ragione di Stefano Riva e Luigi Congiu. In condizioni fisiche e tecniche deficitarie Gianmichele Zanelli che ha battuto Massimo Carta con difficoltà per poi arrendersi a Stefano a risultato acquisito”.

Mario Bordigoni del TT Quartu (Foto Tomaso Fenu)
Mario Bordigoni del TT Quartu (Foto Tomaso Fenu)

Nel derby dell’Oristanese il Guilcer Ghilarza vince col massimo punteggio nei confronti dell’Oristano Giallo. Tra i protagonisti della capolista l’ex Davide Pusceddu: “La prima partita è stata disputata tra me e Piergiorgio Mura; è stata bella anche se molto difficile, sopratutto perchè siamo cresciuti assieme e non c’era quella sana competizione agonistica. Alla fine ho prevalso vincendo bene al quinto set. Quella tra Briam Mele e Federico Piselli è stata una partita vibrante e tesa protrattasi fino al quinto set. Chiudono il primo ciclo d’incontri Mario Marchi e Nicola Cuccureddu, protagonisti di una partita difficile; ma fortunatamente è andata bene per il mio compagno che si è imposto per 3-0. Briam ha poi vinto contro Francesco Garau, dopo una sfida ricca di top e di scambi belli. Grazie alla forte determinazione di Briam siamo riusciti a strappare anche questo punto. Dopo è arrivato il mio turno contro Cuccureddu: confronto difficile, penso che i legami affettivi abbiano giocato brutti scherzi a tutti e due sopratutto nel primo set. Ma sciolto il ghiaccio abbiamo fatto belli scambi, concludendo con una bella retina da parte mia sul punto della vittoria. L’ultima partita è stata giocata da Marchi e Piselli: molteplici sono state le schiacciate, gli appoggi sotto rete e le grandi corse per recuperare palline impossibili per via del gioco spettacolare del nostro avversario”.

Davide Pusceddu del Guilcier Ghilarza (Foto Tomaso Fenu)
Davide Pusceddu del Guilcier Ghilarza (Foto Tomaso Fenu)

La Libertas Sassari non si presenta sul campo della Marcozzi: si attendono le decisioni della Commissione Regionale Gare a Squadre.

La gara tra Monserrato e Sporting Lanusei è stata posticipata al 15 febbraio.

D1 A: PODEROSO SCATTO DE LA SAETTA

Progressione che risulterà decisiva quella de La Saetta Quartu che oltre a vincere la sua gara, raddoppia i punti di vantaggio per via dell’inaspettata sconfitta dell’Azzurra A.

Il team quartese è andato a vincere a Carbonia in casa del San Orione Rosmarino: “Partiamo bene andando subito sul 4-0 – illustra Alberto Manos – con due punti miei e uno a testa di Giampaolo Manca e Luca De Vita. A risultato acquisito, i due punti del Carbonia sono stati conquistati da Marco Lai su Manca per 3-0 e da Vito Moccia sul subentrante Giordano Sini. Ora abbiamo quattro punti di vantaggio sull’Azzurra “A”, ma dobbiamo rimanere concentrati sino all’ultima giornata”.

Alberto Manos de La Saetta Quartu (Foto Tomaso Fenu)
Alberto Manos de La Saetta Quartu (Foto Tomaso Fenu)

A fare una diagnosi sul secondo stop stagionale dell’Azzurra “A” ci pensa lo sportivissimo Maurizio Piano: “Siamo usciti sconfitti da Monserrato per 4-2, un incontro che purtroppo non abbiamo potuto giocare al meglio delle nostre possibilità, considerato che il nostro Massimo Atzeni, per motivi di lavoro, ha dovuto dare forfait.

Nonostante tutto abbiamo iniziato bene il match, portando a casa i primi due punti, grazie alla mia vittoria per 3-0 su Walter Casti e a quella di Vincenzo Salustro su Gianfranco Soi per 3-2 (13-11 nel quinto set). Giuseppe Lepori ha messo in cascina il primo punto per il Monserrato, battendo per 3-0 Anna Podda, che comunque si è ben comportata, perdendo a 9 e 8 due dei tre set. Sono poi arrivate le partite che hanno dato la svolta al match. Il nostro Salustro, pur vincendo il primo set, ha perso per 3-1 contro Casti e nella partita successiva io ho perso per 3-2 con Lepori al termine di una gara combattuta e a tratti spettacolare. Nell’ultimo match, poi, che poteva dare il pareggio a noi ma che ha invece sancito la vittoria per i nostri avversari, Soi ha avuto la meglio per 3-0 su Podda.

Maurizio Piano dell'Azzurra Cagliari (Foto Tomaso Fenu)
Maurizio Piano dell’Azzurra Cagliari (Foto Tomaso Fenu)

Questa sconfitta ha probabilmente posto fine ai nostri sogni di gloria, con la vetta della classifica occupata dalla Saetta che è ora a quattro punti di distanza. Adesso non ci resta che provare a vincerle tutte, scontro diretto con la Saetta compreso, e sperare che loro facciano un passo falso, magari proprio contro il Monserrato nella prossima giornata. Vedremo come andranno le cose”.

Il Suelli consolida la quarta piazza con il successo ai danni del Decimomannu .”La gara si era messa subito bene – dice il presidente decimese Tomaso Fenu – con la vittoria del rientrante Carlo Orrù che ha avuto la meglio su Marco Verminetti e Efisio Sirigu e il punto conquistato da Maurizio Saiu. Al quarto incontro si era sul 3 a1 in quanto Sirigu ha avuto facilmente ragione di un Carlo Poddighe in evidente difficoltà dopo un obbligato cambio di gomme e racchetta. Avevamo due match point a disposizione ma non siamo riusciti a realizzare il quarto punto, vuoi per la caparbietà e l’orgoglio ferito di un Marco Verminetti mai domo che è risultato vittorioso in una partita con Maurizio Saiu a dir poco spettacolare vincendo al quarto set per 21 a 19. Infine Carlo Poddighe, perdendo 3 a 1, non è riuscito, contro Salvatore Garau, a realizzare il punto necessario alla vittoria. Un punto meritatissimo che lascia ben sperare per il proseguo del campionato”.

Carlo Poddighe del Decimomannu (Foto Tomaso Fenu)
Carlo Poddighe del Decimomannu (Foto Tomaso Fenu)

A Muravera è andato in scena lo scontro salvezza fra i padroni di casa della Muraverese ed i cagliaritani dell’Azzurra “B. Il presidente – giocatore Gianluca Mattana ne riferisce i dettagli: ”Più che una palestra sembra un pronto soccorso di un ospedale con i colpi di tosse che echeggiano nell’aria sovrastando il rumore delle palline sui tavoli. L’Azzurra schiera il febbricitante Gianni Pomata, Mauro Serra, e per onor di presenza Alessandro Polese che non scenderà in campo anche lui alle prese con l’influenza. La Muraverese con il sottoscritto, Luca Paganelli, tutta la settimana a letto anche lui e, unica nota positiva, Alberto Mattana, dopo tanto tempo di nuovo alle prese con una gara ufficiale..

Alberto Mattana della Muraverese è tornato in campo dopo lunga assenza (Foto Tomaso Fenu)
Alberto Mattana della Muraverese è tornato in campo dopo lunga assenza (Foto Tomaso Fenu)

Partono i due convalescenti Pomata e Paganelli che a colpi di tosse portano l’incontro al quinto, con Paganelli che ringrazia gli ultimi due errori di Pomata e porta a casa il primo punto. Secondo incontro con Mauro Serra che trova Alberto al rientro dopo sette mesi e con il solo allenamento di venerdì. Con un gioco attento e senza strafare, Alberto tiene a bada Mauro e lo supera agevolmente 3 a 0. Sul 2 a 0 Polese non scende in campo e permette alla Muraverese di portarsi sul 3 a 0. Il quarto incontro lo gioca Paganelli che, opposto a Serra, va sotto 2 a 0, soffre per recuperare, ma deve arrendersi al quinto. Sul 3 a 1 entro contro l’amico Gianni Pomata, il cui tipo di gioco agevola la mia prestazione; vinco al quarto, con l’ultimo set interminabile finito 20 a 18. Sul 4 a 1 chiaramente Polese alza ancora bandiera bianca rinunciando a scendere in campo contro Alberto Mattana. Finisce 5 a 1, ma l’influenza l’ha fatta da padrona”.

all'estrema dx il presidente Gianluca Mattana con un po' della sua Muraverese (Foto Tomaso Fenu)
all’estrema dx il presidente Gianluca Mattana con un po’ della sua Muraverese (Foto Tomaso Fenu)

D1 B: DIETRO IL NULVI AZZURRO, UN DIVARIO ORMAI INCOLMABILE

Il Santa Tecla Nulvi Azzurro si conferma squadra ammazza campionato, mentre la più immediata inseguitrice Oristano Blu viene costretta al pari nel derby di famiglia. Il successo della formazione anglonese sull’Alghero lo racconta Roberto Caddeo: “La prima partita della seconda metà di campionato è andata bene. Abbiamo ottenuto l’ottava vittoria consecutiva. Sempre eccellenti sono state le partite del mio allenatore Cristian Mateiu (su Salvatore Mulas e Salvatore Motzo). Molto bene anche le due vittorie di Francesco Ara (battuti Motzo ed Emilio Albero); mentre io mi sono dovuto accontentare di una vittoria su Albero. Ora l’importante è tenere la testa della classifica, vincere il campionato e prepararci eventualmente per una C2 di gran lunga più difficile della D1”.

Roberto Caddeo del Nulvi Azzurro (Foto Tomaso Fenu)
Roberto Caddeo del Nulvi Azzurro (Foto Tomaso Fenu)

Sulla stracittadina il commento è affidato a Carlo Maulu: “Un bel derby tra le due squadre di Oristano che si conclude col risultato di 3-3. La prima partita mi vede opposto al carissimo Tore Coghe, partita a tratti spettacolare con dei lunghi scambi: 3-1 il risultato in favore mio e del Tt Oristano Rosso. Arriva il turno di Adolfo Simbula contro Mario Littarru: è il secondo ad avere la meglio col risultato di 3-0, portando l’Oristano Blu in parità. Emanuele Marras vince abbastanza agevolmente contro Luigi Mele (3-0) e ci fa sperare in una nostra possibile vittoria. Al secondo turno di partite io gioco contro Littarru dove, pur comportandomi bene, crollo fisicamente nel terzo e quarto set (1-3) e Mario riporta sul pareggio i suoi compagni di squadra. La quinta partita è la più combattuta, Emanuele Marras mette in crisi Coghe ma non basta. Tore vince al quinto set dimostrandosi più lucido mentalmente e a noi non ci resta che sperare in un pareggio. Ce lo regala Adolfo Simbula che vince per 3-1 contro Luigi Mele. Un punto che ci fa ancora sperare in una difficile salvezza in vista dei prossimi impegni in campionato”.

Carlo Maulu dell'Oristano (Foto Tomaso Fenu)
Carlo Maulu dell’Oristano (Foto Tomaso Fenu)

Dopo un lungo riposo del campionato la Libertas Ping Pong Monterosello riprende con il girone di ritorno battendo nettamente la squadra del Neoneli per 5 a 1. Al turritano Gianni Palmas l’onore della cronaca: “Inizio io contro Ignazio Piras: incontro vinto dal sottoscritto per 3 a 0. Dopo é la volta di Luca Pilo contro Agostino Campanello: vince il nostro atleta per 3 a 1. Nella terza partita Samuel Paganotto si impone su Alessandro Faedda per 3 a 1: è stato un bellissimo incontro fra i due giocatori più forti nelle rispettive squadre. Il punto del Neoneli è stato vinto da Campanello contro di me per 3 a 0. Le altre due partite sono state risolte da Paganotto su Piras e Luca Pilo contro Faedda. A parte il risultato la squadra del Neoneli è di buon livello: mette in difficoltà gli avversari per il suo gioco d’attacco”.

Gianni Palmas del Monterosello
Gianni Palmas del Monterosello

Preziosi i punti conquistati dallo Sporting Lanusei nel match casalingo contro il Nulvi Rosso. “La posta in palio era molto alta – conferma l’ogliastrino Fabrizio Licciardi – questo per noi era lo scontro più importante dell’anno, valevole per la salvezza, considerando anche l’assenza di Maurizio Cuboni. Al suo posto ha esordito Cristian Esposito che è stato all’altezza della situazione, vincendo tutti e due gli incontri. Parte male Andrea Floris contro il puntinato Stefano Conconi. Vince Cristian su Massimo Posadinu e io contro Marcello Bianco. Andiamo sul 2-2 con Andrea che perde contro Bianco. Cristian si impone su Conconi e io chiudo la partita bissando su Posadinu. A questo punto del campionato ci sentiamo un po’ più tranquilli anche per il nuovo innesto Cristian che, nonostante si sia allenato solo due giorni, pare non abbia dimenticato le regole fondamentali. Da notare il grande spirito sportivo del Nulvi, in tutti i sensi”.

Nulvi Rosso sconfitto a Lanusei
Nulvi Rosso sconfitto a Lanusei

D2 A: L’OLBIA VINCE IL RECUPERO

Domenica si è svolto il recupero di un incontro della quinta giornata d’andata tra Olbia e Monterosello Blu. “Tutto come previsto – annuncia il gallurese vittorioso Pier Paolo Melis – con i nostri avversari prevalentemente giovanissimi, a parte il debuttante Leonardo Deledda, che hanno fatto il loro, e, anche di più con il successo di un brillante Edoardo Pinna che batte il nostro presidente Gaspare Piccinnu, in debito di esperienza di gara. Per il resto, come da pronostico e la piacevolezza di vedere giocare i giovanissimi hanno fatto il resto”. Oltre a Melis hanno fatto punti anche Antonio Rossi e Stefano Corda.

Il campionato, come del resto i gironi b e d, riprenderà il 21/22 febbraio.

Il logo del Tennistavolo Olbia
Il logo del Tennistavolo Olbia

D2 C: VOLA IL MONSERRATO, MA LA FINTES NON LO MOLLA 

Il Monserrato aggiunge altri due punti ad una classifica che lo vede sorridere assai. “Iniziamo benissimo il girone di ritorno – argomenta Andrea Zuccato – con una bella vittoria contro il Decimomannu Blu. Vinco io senza particolari problemi contro Tomaso Fenu e Francesco Mela per 3 a 0. Lorenzo Piras porta a casa una bella vittoria per 3 a 1 contro Italo Fois e con lo stesso risultato batte Fenu. Marco Sanna vince 3 a 0 contro Mela ma perde contro Fois per 3 a 2. Dopo aver dominato i primi due set (11-4 11- 5), soccombe nel terzo ai vantaggi e subisce il ritorno dell’avversario nei successivi due set che perde comunque di poco. Con un po’ di concentrazione e cattiveria in più nei momenti chiave avrebbe portato sicuramente a casa la partita. Complimenti comunque a Fois che è riuscito a vincere una partita praticamente persa. Ora dobbiamo rimanere concentrati per non lasciare punti preziosi per strada e tenere la testa della classifica fino alla fine”.

Andrea Zuccato del Monserrato (Foto Tomaso Fenu)
Andrea Zuccato del Monserrato (Foto Tomaso Fenu)

La Fintes non intende aumentare i due punti di distanza che la separano dalla vetta. Infatti il team cagliaritano non ha problemi nello sconfiggere il San Orione Rosmarino col massimo risultato (doppiette di Riccardo Di Giovanni, Gianni Capaccioli e Dino Aresu).

“Netta superiorità della Fintes – aggiunge il pongista carboniese Pietro Pili – sull’ esperienza e sul gioco mostrato; dalla nostra parte una giornata che servirà per migliorarci visto che è il secondo anno di attività”.

a sx Andrea Franceschi della Marcozzi (Foto Tomaso Fenu)
a sx Andrea Franceschi della Marcozzi (Foto Tomaso Fenu)

Senza infamia e senza lode l’andamento globale in campionato della Marcozzi che fra le mura amiche supera il Decimomannu Gialla. “È stata una vittoria creata dalla prima partita – sottolinea Andrea Franceschi – dove ho giocato contro Leonardo Poddighe. Non ho avuto grandi problemi, perché, dopo tutto, il lavoro fatto durante gli allenamenti, i buoni risultati sono finalmente arrivati. Ora non ci resta che fare un girone di ritorno senza cadere in gravi sconfitte per ritornare ai piani alti della classifica. Tra i miei compagni, Edoardo Soro è tornato a giocare in campionato (finalmente), facendo delle buone giocate. Spero che torni ad allenarsi come prima ma lo studio è la cosa più importante e certamente si starà dando da fare. Per quanto riguarda Giaime Porcu, ha ancora molto da imparare ma domenica ha giocato meglio rispetto alle altre volte. Ovviamente ancora non riesce a concretizzare, ma pian piano, con il tempo, risolverà anche questo problema e sarà in grado di giocare bene, come già fa in allenamento. Nonostante l’intensa preparazione atletica degli ultimi giorni posso dire di stare al 100% e spero di mantenere questo stato di forma anche in futuro. Vorrei migliorare la mia tecnica di gioco e poter avanzare di categoria per cercare di essere sempre più competitivo”.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: