Cronache Pongistiche Sardegna del 31 ottobre 2019

Cronache Pongistiche Sardegna del 31 ottobre 2019

CONVOCAZIONI TERZO STAGE GIOVANILE REGIONALE PRIMO NOVEMBRE 2019

La stagione è entrata ormai nel vivo e anche le giovani promesse sarde si stanno facendo valere nei campionati a squadre e nei tornei individuali. Ed è quindi tempo di verifiche per il tecnico regionale Francesca Saiu che in vista dei vari appuntamenti agonistici previsti dal calendario nazionale è intenzionata a parteciparvi con le forze migliori e più in forma.

Il terzo stage stagionale è previsto al Palatennistavolo di Cagliari nel giorno di Ognissanti. I convocati che, pausa pranzo a parte, resteranno in movimento dalle 10:15 alle 18:30 sono stati divisi in gruppi specifici.

Stage Rosa

Alice Mattana, Michela Mura, Aurora Piras, Sara Congiu (Muravera TT).

Trofeo Transalpino

Eva Mattana (Muraverese) Luca Broccia (TT. Guspini), Francesca Seu (Muravera TT), Zemgus Lai (Marcozzi), Laura Pinna (Tennistavolo Sassari).

Coppa delle Regioni

Alessandra Stori (Muravera TT), Emanuele Cuboni, Elia Licciardi (Pol. Sporting Lanusei), Rossana Ferciug (TT. Quattro Mori) Federico Ibba (ASD L. O. Rosmarino), Manuel Broccia (TT. Guspini).

Gli sparring saranno Nicola Pisanu, Michele Buccoli, Marco Sarigu, Marco Pintus.

Manuel Broccia (Foto Luciano Saiu)

TORNEO ROSA DOMENICA A NORBELLO

Dopo la kermesse nazionale disputata a Coccaglio, è il turno della Giornata Rosa sarda che sarà ospitata nella Palestra Comunale di via Azuni a Norbello. Domenica 3 novembre sono previsti tornei riservati alle categorie Prima, Terza, Quarta e Quinta. L’impianto sarà aperto dalle 8:45, mentre l’ultima gara è prevista alle 17:00.

AL VIA ANCHE IL CAMPIONATO A SQUADRE SERIE C VETERANI

Sabato 2 novembre 24 squadre saranno protagoniste della prima fase a concentramenti (tre giornate) del campionato di serie C veterani. Suddivise in quattro gironi, giocheranno le restanti due giornate a gennaio, prima di conoscere le quattro finaliste ammesse ai play off che oltre a contendersi il titolo regionale, ambiranno ai due posti utili per gli spareggi nazionali in proiezione serie B . Le prime società che ospiteranno i concentramenti sono Tennistavolo Sassari, Tennistavolo Norbello, TT Oristano e Torrellas Capoterra.

A1 FEMMINILE: DOPPIA SCONFITTA

Altra giornata proibitiva per le due isolane gareggianti nella massima serie femminile. Sfiorato il pareggio dal Tennistavolo Norbello, opposto al Cortemaggiore (dopo tre gare ancora a punteggio pieno). Durante la prima casalinga stagionale le giallo blu rischiano di impattare con una Giulia Cavalli che si è trovata ad un passo dalla vittoria personale contro l’imbattuta russa Sabitova.

L’indomani al Palatennistavolo di via Crespellani si consuma il testa coda della quarta giornata con il Castel Goffredo che ottiene il quarto successo di fila a scapito del Quattro Mori Cagliari che però riesce a guadagnare un punto grazie a Mihaela Encea che supera Gaia Monfardini.

SERIE A2 MASCHILE: TENNISTAVOLO NORBELLO VINCE E PRIMEGGIA SENZA IL NUMERO UNO

LA MARCOZZI BLU INSEGUE LA CAPOLISTA

Nei due gironi della A2 maschile le tre squadre isolane protagoniste incamerano quattro punti su sei disponibili. In quello centro settentrionale la Marcozzi insegue con un punto di ritardo la capolista a punteggio pieno Reggio Emilia. Facile per il team cagliaritano sbarazzarsi dell’Aon Milano Sport Tennistavolo. “Di questa vittoria resta davvero poco da raccontare – argomenta Maxim Kuznetsov – perché è stata molto rapida e indolore per gli avversari dal momento che non abbiamo regalato neppure un set. Hanno cominciato Stefano Tomasi e Cicchiti, giocatori che si conoscono molto bene: in passato il mio compagno ha lavorato presso il centro Sportivo Bonacossa. Nonostante le preoccupazioni iniziali Stefano ha messo in risalto solidità ed esperienza tali da evitare all’avversario di mettere in discussione il risultato. Anzi direi che non ci sia stata proprio partita. Per me è stata la prima volta che incontravo Manca e ho mantenuto la concentrazione per tutto il match, con i primi due set piuttosto facili. Nel terzo siamo andati avanti punto a punto fino all’otto pari, poi sono riuscito a staccarmi e ad ottenere il successo, sbrogliando una situazione che poteva anche rimettere in corsa il mio avversario. Arriva il turno del nostro nigeriano Shola Oyetayo che se la vede con Mantegazza. L’andamento è stato a senso unico, salvo in alcuni frangenti del secondo set dove l’ospite è stato in vantaggio, peraltro raggiunto subitaneamente. Nel parziale successivo è accaduto il contrario con Shola che ha riacciuffato il lombardo, reduce da un break di cinque punti. Ma il risultato è apparso da subito blindatissimo a nostro favore. Spetta a Stefano Tomasi chiudere qualsiasi discorso nella sfida con Manca. Il padrone di casa è stato convincente lasciando pochissimi spazi alle repliche di marca milanese. La prossima sfida, contro il fanalino di coda Romagnano, potrebbe sembrare facile ma l’esperienza ci impone di pensare diversamente perché chiunque ci darà filo da torcere”.

Maxim Kuznetsov

Nel raggruppamento del centro sud continua la marcia incontrastata del Tennistavolo Norbello che sulla carta avrebbe dovuto rischiare qualcosa vista l’assenza del cileno Lamadrid impegnato con la nazionale. “Sapevamo che sarebbe stato un importante banco di prova – dice il tecnico Eliseo Litterio – considerata l’assenza del nostro numero 1 Juan Lamadrid e temevo che il suo sostituto, Francesco Calisto, pagasse pegno per l’emozione dettata dalla sua prima gara ufficiale in maglia giallo blu. Invece è andata molto bene, anche perché ha messo in pratica nel miglior modo possibile i miei consigli, visto che il suo avversario, Giovannetti, l’ho visto crescere pongisticamente e ne conoscevo pregi e difetti. E successivamente anche il suo compagno Lorenzo Ragni è riuscito a batterlo dopo che nella gara d’esordio si era arreso al nigeriano Falana. Ma non possiamo ancora aspettarci dei miracoli da parte sua, considerato che è in fase di ripresa dopo l’intervento chirurgico; sta già facendo più del dovuto. Il capitano Catalin Negrila ha preso in mano la squadra e ha contribuito con altri due punti importantissimi. Siamo ancora sul pezzo, abbiamo dato una grande prova di compattezza anche senza il campione cileno”.

Eliseo Litterio con la franco argentina Camilla Arguelles

Terza sconfitta consecutiva per la Marcozzi Rossa che si arrende agli Alfieri di Romagna 1. L’unico punto dei cagliaritani lo sigla il nigeriano Kazeem, mentre rimangono all’asciutto Marco Poma, Stefano Curcio e il rientrante Mattia Contu. Protagonista nel team romagnolo Petrica Nita: “E’ stata una partita molto combattuta con diversi punti di alto livello; il finale è stato determinante per il nostro successo. Al momento la mia squadra non ha ancora dato il massimo, ma sono sicuro che prossimamente lo farà. Penso lo stesso della Marcozzi che migliorerà gradualmente. Buona fortuna a tutti per le prossime partite”.

Petrica Nita (Foto Marta Moratti)

SERIE B1/M: AVANZA IL TENNISTAVOLO SASSARI IN ATTESA DI MATCH PIU’ “SOSTANZIOSI”

Tutto troppo facile per la formazione del Tennistavolo Sassari che nel suo percorso agonistico si approccia con avversari non di categoria. La gara disputata in casa dell’Apuania Carrara finisce in fretta con nessun set concesso da parte di Tonino Pinna, Segun Olawale e Marco Sarigu. Il team turritano si ritrova al secondo posto, assieme ad altre tre compagini, all’inseguimento della leader Pieve Emanuele.

SERIE B2/M: LA PRIMA VOLTA DEL MURAVERA TT

DOPPIA SCONFITTA IN TRASFERTA PER IL SANTA TECLA NULVI

Primi punti importantissimi per centrare il prima possibile l’obbiettivo salvezza contro una diretta concorrente. Il Muravera TT smuove la classifica andando a vincere sul campo dell’Eos Roma Titan. Parola a Nicola Pisanu: “Voglio premettere che ai nostri avversari mancava per motivi di lavoro il loro numero uno Ivan Riggi. Ma il suo sostituto, Luca Marchisio, non era da sottovalutare. Io e Simone Cerza vinciamo entrambi i nostri incontri mentre Simone Boi fa suo il primo e perde il secondo. Proprio quest’ultimo parte sullo 0-0 contro Luca Marchisio e porta a casa il match per 3-0, mentre perde sempre per 3-0 contro Emanuele D’Angelo. Simone Cerza vince, ma non facilmente soprattutto nel secondo e terzo set, contro un buon Emanuele D’Angelo. Il successivo, che sancirà la nostra vittoria, lo supera ai danni di Carletti. Io gioco il primo incontro, sull’1-0 per noi, contro Riccardo Carletti e prevalgo abbastanza agevolmente per 3-0. Opposto poi a Luca Marchisio inizio in salita perdendo il primo set molto facile. Cambio totalmente tattica e riesco in qualche modo a portare a casa il match per 3-1. Tra due settimane ci attende il Santa Tecla Nulvi in casa. Sarà presumibilmente una gara lottata fino alla fine da entrambe le squadre e noi, come loro, daremo il massimo per portare altri tre punti in cascina”.

da sx Boi, Pisanu, Cerza (Foto Luciano Saiu)

Perde di misura proprio il team nulvese in casa del S. Espedito Napoli. “Sconfitta amara – rammenta Francesco Ara – dopo una gara alla nostra portata. Riuscire a vincerla ci avrebbe aiutato ad arrivare più sereni alle prossime partite, fondamentali in chiave salvezza. Edoardo Loi ha giocato in maniera perfetta aggiudicandosi tutti e tre gli incontri disputati e dimostrando di essere uno dei giocatori più forti del campionato, nonostante il poco allenamento. Giacomo Oladimeji invece non si è espresso al meglio delle sue possibilità. Tutte le sue partite sono terminate al quinto set, ma solo quella contro Scognamiglio ha avuto un esito positivo. L’occasione di vincere l’incontro l’abbiamo avuta sul 4-3 per noi: Giacomo ha affrontato Gagliano, riserva del team avversario subentrato al giovane Calarco, poiché più esperto del suo compagno e più adatto ad affrontare una partita di quell’importanza. Purtroppo Giacomo, che partiva da favorito, non è riuscito ad aggiudicarsi l’incontro subendo la rimonta del suo avversario nel quinto set, in cui aveva accumulato un buon vantaggio. Nell’ultimo incontro anche io ho sprecato la possibilità di arrivare al quinto set contro Persico, facendomi annullare diversi set points nel quarto parziale. Perdiamo una partita importante e non senza rimpianti, ma ora bisogna voltare pagina e concentrarci sui prossimi impegni”.

Il Santa Tecla Nulvi di B2

Il giorno dopo la formazione anglonese va a far visita alla capolista P.G. Frassati. L’esito è a favore dei padroni di casa, tra cui c’era Fabio Landolfi: “Partita favorevole sulla carta ma abbastanza combattuta sul campo quella disputata contro il team isolano. Ma nonostante ciò è arrivata un’ottima vittoria per 5-1. Due punti non facili totalizzati da me su Edoardo Loi (3-2) ed Oladimeji Basiru Taiwo (3-1). Due punti anche per Riccardo Varone, tra cui una tiratissima vittoria per 3-2 in rimonta da sotto 0-2 contro il Nigeriano Oladimeji e il netto 3-0 contro Francesco Ara. Unico punto questa volta per il nostro Vittorio Pappaianni su Francesco Ara che purtroppo subisce anche una tirata sconfitta per 3-2 con Edoardo Loi”.

Il terzetto del PG Frassati

SERIE C1/M: IL CANCELLO ALGHERO SOLA AL COMANDO

Si gioca una sola partita, perché le altre due sfide in programma sono state posticipate. E la vince Il Cancello Alghero che supera fuori casa 5-1 il Guspini. Il resoconto di Maurizio Muzzu: “I catalani appaiono più attenti e determinati sin dalle prime partite. Buona la prova di Francesco Broccia che lotta con Muzzu e porta Carlo Fois al quinto set ma deve comunque cedere i due punti. Michele Lai è’ l’autore dell’unico punto del Guspini su Marco Tiloca apparso non ancora in piena forma. Positiva la prova di Gioele Melis giovane dotato di buone potenzialità. Sicuramente il campionato di serie C1 servirà a Broccia e a Melis per maturare ulteriormente. Sotto 4-1 il team locale fa entrare Massimiliano Broccia che perde il punto con Tiloca, consegnando la vittoria al Cancello Alghero che per ora dopo tre giornate viaggia a punteggio pieno in un campionato che già si profila molto equilibrato”.

Maurizio Muzzu (Foto Pasquale Piroddi)

SERIE C2/M: SASSARI TALLONATO DA IGLESIAS E SAETTA VERDE

Il Tennistavolo Sassari pigia il piede sull’acceleratore e conserva il comando. Ma non è stato facile prevalere sul campo de La Saetta Rossa. “Nonostante il poco allenamento – introduce Marcello Adriano Pinna –  la nostra punta di diamante Luca Baraccani ha avuto la meglio sui giovani atleti Lorenzo Piras e Matteo Lorrai grazie al suo gioco improntato sui block e i tagli pesantissimi. Alberto Ticca, alla sua seconda apparizione in questo campionato dopo tre anni di assenza, riesce a conquistare un punto importantissimo sul forte Piras, rimontando un risultato che sembrava già definito e invece chiuso in suo favore al quinto set dopo una serie di scambi di buon livello. Precedentemente non ha approfittato dell’incidente di percorso capitato a Matteo Pala, costretto al cambio di racchetta per la rottura di quella personale. In quella circostanza Ticca non ha espresso il suo vero potenziale, l’eccessiva tensione non gli ha permesso di ragionare e giocare liberamente condizionando così la prestazione. Per quello che mi riguarda non sono soddisfatto della mia performance. Ho portato a casa due punti (3-1 su Lorrai e 3-0 su Pala) ma il gioco esibito non è stato dei migliori. Molti, anzi troppi errori dovuti ad una condizione psicofisica non ottimale. Non resta che continuare ad allenarsi in vista del prossimo match fuori casa contro Iglesias. Buon Tennistavolo a tutti”.

a dx Marcello Adriano Pinna

Insegue l’ITC Enrico Fermi Iglesias che espugna il quartier generale del Tennistavolo Norbello: “Per noi è stata una vittoria molto importante – riferisce Giovanni Siddu – in quanto ci proietta in una zona di classifica tranquilla, se parliamo di salvezza. La partita contro il Tennistavolo Norbello è iniziata subito benissimo, grazie alla vittoria di Bruno Pinna contro Andrea Zuccato a cui concede solo un set. Arriva poi il punto di Roberto Pili (su Eleonora Trudu) che vince in maniera netta e la mia vittoria, su Antonello Ledd,a dopo un primo set quasi perso. Sul 3-0 per noi il gioco ostico di Zuccato ha la meglio su un Pili un po’ rassegnato soprattutto negli ultimi due set. Il punto della vittoria lo porta a casa Bruno su Martina Mura (3-0). Concludo io su Trudu 3-1. La prossima partita sarà per noi uno scoglio molto difficile da superare, contro la fortissima Tennistavolo Sassari, sulla carta la più forte del campionato”.

Roberto Pili (Foto Tomaso Fenu)

Anche La Saetta Verde sarà inseguitrice di livello. Alessandro Mercenaro descrive il successo ai danni del Guilcier Ghilarza: “Devo dire che è stata una bella partita combattuta sino alla fine, sfida dopo sfida. Il risultato poteva pendere un po’ ovunque, gli incontri sono stati tutti abbastanza equilibrati ed è proprio questo che ha reso avvincente la giornata. Aprono le danze Gianluca De Vita e Mario Marchi. Il mio compagno fatica in tutti i set a trovare posizione e movimenti giusti per concludere la partita il prima possibile; si va al quinto set punto a punto, ma Luca riesce a espugnarla sul 14-12. Tocca a me contro Alessandro Faedda. Devo dire che non mi aspettavo che giocasse così bene, è un avversario ostico ma collegando bene i colpi son riuscito a concludere l’incontro sul 3-1. Il terzo incontro vede Alberto Manos contro Briam Mele. Non c’è molto da dire su questo incontro a parte il primo set vinto ai vantaggi da parte di Briam. I successivi vengono falsati dall’infortunio di Alberto. Mi attende la sfida contro Mario Marchi, non tanto agevole aldilà del risultato secco di 3-0 a mio favore. Alcuni buoni colpi da parte sua mi hanno messo in difficoltà ma ho giocato al meglio e l’ho portata a casa. Due le partite rimanenti e una di queste vedeva Alberto Manos in campo ma non al top della forma. Era necessario chiudere la partita nel quinto incontro che vedeva sfidarsi De Vita e Mele. Ovviamente non avevamo dubbi sul fatto che sarebbe stata una partita molto coinvolgente, soprattutto per quello ciò che c’era in palio. Anche qui Luca fa fatica a imprimere il suo ritmo, ma sotto 2-1 decide di adottare un gioco diverso che potesse comunque dar fastidio al suo avversario. Vince il set e arrivando al quinto Luca commette errori banali che lo portano a inseguire il suo avversario per poi mollarlo sull’11-6. Era tutto nelle mani di Alberto: avevamo molta paura sia per la partita che poteva andare a finire con un pareggio, sia soprattutto per la sua salute. Alberto gioca il minimo sindacale per portare a casa l’incontro con un deciso 3-1. Volevo ringraziare i coach e i miei compagni di squadra che mi stanno accompagnando e aiutando verso questa nuova esperienza in serie C2. Senza il loro supporto non riuscirei a esprimere il mio gioco nel migliore dei modi, ma è soprattutto grazie a loro se ho voglia di vincere. Ora testa alla prossima contro il Tennistavolo Norbello”.

Alessandro Mercenaro (Foto Tomaso Fenu)

Secondo successo stagionale per il Tennistavolo Decimomannu che ha la meglio sull’Azzurra Cagliari per 5-1. “Abbiamo giocato senza l’apporto di Marco Pisu – precisa Riccardo Rossi – rimasto vittima di un incidente dove fortunatamente ha riscontrato solo qualche escoriazione non preoccupante ma che lo costringerà a stare fermo per un po’ di tempo. Abbastanza angustiati siamo andati a misurarci con avversari molto ostici come Maurizio Piano, Pierluigi Montalbano e Alessandro Polese: con il primo e il terzo non avevo mai vinto e invece stavolta mi è andata molto meglio. Ho cominciato proprio io opposto ad Alessandro e sono riuscito a spuntarla 3-1. Pareggia i conti Piano imponendosi su Mattia La Gaetana che comunque si è espresso abbastanza bene. Marco Saiu realizza il nostro secondo punto su Montalbano. Il momento decisivo penso che sia stato l’incontro che ho disputato con Piano: sono riuscito a mettere in campo tutta l’esperienza acquisita, cercando di sbagliare il meno possibile e stando molto attento alla mia forma fisica sempre molto limitata considerati i miei 61 anni. E il terzo punto è arrivato. Altra gara tirata è stata quella tra Saiu e Polese ma abbiamo incassato il quarto punto. Infine anche La Gaetana è riuscito ad ottenere un successo su Montalbano. Sinceramente ad inizio gara non avrei mai ipotizzato un risultato del genere, però siamo contenti perché stiamo riuscendo a mettere in campo i frutti degli allenamenti”.

Decimomannu e Azzurra (Foto Tomaso Fenu)

SERIE C FEMMINILE UN DUO IN VETTA DOPO IL PRIMO CONCENTRAMENTO

Si apre a Norbello il campionato di Serie C femminile, con il primo concentramento che vede impegnate ben sette compagini rosa. Da subito si capisce che per la vittoria finale il discorso è chiuso in partenza con la formazione ospitante composta dal duo esperto Eleonora Trudu-Martina Mura con in appoggio la novità Gemmy Mura. Le attenzioni degli appassionati si concentreranno nella lotta per la seconda piazza che dovrebbe permettere l’accesso ai play off di Terni. Dopo due giornate si ritrovano al comando la suddetta formazione guilcerina, appaiata con il Tennistavolo Sassari B composto da Martina Bonomo e Francesca Ganau.

Le ragazze allenate da Sandro Poma hanno battuto di misura le loro “sorelle” del Tennistavolo Sassari A (Laura Alba Pinna e Maria Musio).

Di seguito alcune testimonianze raccolte tra le protagoniste.

Alba Laura Pinna (Foto Luciano Saiu)

Eleonora Trudu (Tennistavolo Norbello): “Sia per me sia per Martina Mura le partite sono state molto semplici anche perché ci siamo confrontate con ragazze che giocano da poco nelle loro rispettive scuderie (Torrellas Capoterra e Tecnorete La Saetta). Grazie a questo concentramento ho potuto conoscere la mia compagna di squadra Gemmy Mura che si è comportata ugualmente bene vincendo tutte le gare. Penso che nel prosieguo della competizione ci daranno filo da torcere il Tennistavolo Sassari B e la Muraverese”.

Eleonora Trudu e Martina Mura alle prese col doppio di C femminile

Gian Luca Mattana (allenatore Muraverese): “Ci presentiamo con Eva Mattana e Letizia Porcu, entrambe giovanissime (2009). La prima sfida è con il TT Oristano Gialle che schiera la puntinata Egle Fanni e l’esperta Viviana Salvi. Apre Eva con la Salvi: la muraverese parte bene e concentrata concedendo poco all’avversaria e chiudendo la partita in tre set (5,2,6). Nel secondo incontro Letizia sbatte sui puntini di Egle; non essendosi mai trovata a giocare in queste situazioni, ne soffre la variazione di effetti e capitola al quarto set (-6,-7,8,-3). Il doppio potrebbe essere la partita decisiva e le piccole sarrabesi lo interpretano alla perfezione: dopo una partenza un po’ in sordina, con troppi errori, si sciolgono e vincono al quarto (-6, 6,4,9). Sul 2-1 Eva incrocia i puntini di Fanni, e si dimostra più esperta di Letizia contro questa tipologia di gioco: supera l’avversaria in tre set (9,2,7) e porta a casa la vittoria. L’ultimo incontro vede Letizia opposta a Viviana Salvi la cui esperienza nei momenti cruciali dell’incontro si fa sentire e nulla può la nostra portacolori che si vede battuta in tre set equilibrati (-4,-12,-9). Secondo match più impegnativo, contro il Sassari B che schiera il duo Francesca Ganau e Martina Bonomo. Primo incontro con Porcu che nulla può contro la Bonomo che si aggiudica l’incontro facilmente per 3-0 (-1,-4,-3). Poi Eva Mattana e Francesca Ganau danno vita ad una partita piacevole con la sassarese che si aggiudica il primo set. Nel secondo Eva parte bene e pareggia la contesa per arrivare al terzo che definirei il set decisivo, con mia figlia portatasi a condurre grazie ai servizi che Francesca non digerisce. Sino all’8-6 dove Eva si disunisce ed una attenta Francesca, ben guidata all’angolo nei momenti decisivi dall’ex ct Sandro Poma, ne approfitta e chiude ai vantaggi. Lo sconforto della piccola sarrabese fa sì che nel quarto non ci sia molta concentrazione ed attenzione con Ganau che chiude l’incontro a suo favore 3-1 (8,-4,10,9). Ganau-Bonomo si impongono con qualche patema anche nel doppio (-13,9,6,6), poi ancora un monologo turritano con Eva che pur impegnandosi e portandosi in vantaggio deve cedere alla Bonomo in quattro set (8,-6,-9,-4) prima che un’attenta Francesca Ganau chiuda facilmente su Letizia con un triplice 11-4. Appuntamento per la seconda giornata il primo dicembre nella Palestra Comunale di Viale Rinascita a Muravera”.

 

Eva Mattana e Letizia Porcu

Mario Littarru (TT Oristano Gialle): “Scontro pongistico tra due generazioni. Egle Fanni e Viviana Salvi si battono molto bene contro le bambine della Muraverese e del Capoterra. Opposte alle sarrabesi, perdono di misura (3-2) ottenendo i due punti a scapito di Letizia Porcu, apparsa meno determinata rispetto alla sua compagna Eva Mattana che invece si è imposta in tutti e due i singolari. Molto equilibrato il doppio vinto 3-1 dalle bambine. Complimenti al tecnico Gian Luca Mattana per il livello raggiunto dalle sue allieve. Finisce 5-0 a favore delle Signore di Oristano il confronto con le brave ma ancora inesperte bambine di Capoterra”.

Egle Fanni e Viviana Salvi durante il doppio

Chiara e Marta Cottiglia (Tecnorete La Saetta): “Domenica abbiamo esordito in C contro due bravissime atlete del Tennistavolo Norbello. È stata la nostra prima gara frutto di due mesi e mezzo di allenamento. Prima di cominciare avevamo un po’ di ansia poi, però, giocando, piano piano questa è andata via e ha lasciato il posto al divertimento. Abbiamo portato a casa pochi punti e le ragazze del Norbello ci hanno fatto giocare permettendoci di mettere in pratica tutto ciò che abbiamo imparato in allenamento. Il nostro allenatore è stato una certezza: ci ha dato consigli, è riuscito a farci mantenere la calma e a darci la forza di continuare a provare anche se le atlete di casa erano nettamente più forti di noi. Siamo tornate a casa senza vittoria ma con un’esperienza che sicuramente rimarrà per sempre nei nostri ricordi”.

a dx Chiara Cottiglia contro Eleonora Trudu
a dx Marta Cottiglia affronta Martina Mura

Gabriele Aresu (tecnico Torrellas Capoterra): “Primo incontro delle nostre piccole atlete contro le ormai navigate Trudu, Mura e Mura. Chiaramente il Tennistavolo Norbello aspira alla promozione che, salvo incidenti di percorso, arriverà a fine campionato. Le nostre ragazze sono alla prima esperienza e sinceramente non mi aspettavo una reazione cosi positiva. Hanno affrontato le avversarie con coraggio, spirito di competizione e tanto divertimento. La vittoria è andata alle esperte giallo blu, ma Silvia Settembrini, Sara Floris, Letizia Pusceddu e Benedetta Cingolani hanno giocato sempre cercando di riportare in campo ciò che si fa in allenamento, con il sorriso e la sana rivalità. Nel secondo impegno le piccole si sono confrontate con le veterane provenienti da Oristano. Anche qui il livello e i lunghi trascorsi hanno avuto la meglio sulle nostre piccole atlete. Ma c’è una nota positiva: la Cingolani è riuscita a strappare un set a Egle, con grande soddisfazione sia di Benedetta, sia del papa Antonio, presente all’incontro. Non era importante il risultato, quanto incrementare l’adattamento alle manifestazioni ufficiali e lo spirito di squadra. Speriamo che al prossimo concentramento si possa registrare un visibile passo in avanti. Brave a tutte le ragazze della Torrellas e alle più navigate avversarie del Norbello e dell’Oristano, grazie anche per disponibilità nei confronti delle più giovani avversarie”.

Torrellas al femminile con tecnici al seguito

SERIE D1/A: SASSARI E LANUSEI INSISTONO

Una sconfigge il San Orione Rosmarino A; l’altra espugna il campo del Torrellas Blu. Tennistavolo Sassari e Sporting Lanusei Blu insistono in cima a punteggio pieno. Dal capo di sopra si esprime Alberto Ganau: “Successo sofferto contro gli ostici amici di Carbonia. L’incontro si era messo bene per noi grazie a Luca Pinna su Marco Lai e a me che riesco a prevalere su Vito Moccia. La striscia positiva prosegue con Pierpaolo Mura contro Pietro Pili. A questo punto accade l’imprevedibile: sconfitta di Luca Pinna con Moccia e di Mura con Lai. Diventa decisivo il mio incontro con Pili. Andiamo 2-0 per lui e nei primi due set non riesco a trovare il modo di giocarci contro. Grazie ai consigli dei compagni entro e faccio mio il terzo set facilmente. A quel punto prendo fiducia e vinco i successivi due set giocando decisamente bene. Complimenti a Pietro per la sportività dimostrata durante una bellissima partita. Noi continuiamo una partita alla volta a cercare di stare lassù il più possibile”.

Tennistavolo Sassari e San Orione Rosmarino

Per la prima volta nella sua storia lo Sporting Lanusei si presenta nella palestra del Torrellas Capoterra. L’analisi dell’ogliastrino Fabrizio Licciardi: “Ad aspettarci ci sono Celestino Pusceddu, Licio Rasulo, Luigi Congiu e Massimo Carta. Nuove e vecchie conoscenze. L’incontro va oltre le nostre aspettative. Vista la mancanza del nostro uomo di esperienza, Carlo Piroddi, siamo stati costretti ad affidare il compito e la responsabilità ai nostri giovani atleti: Elia Licciardi ed Emanuele Cuboni. Il viaggio lungo ci ha permesso di caricare psicologicamente i nostri giovani e anche grazie ai consigli del loro sparring ed allenatore nigeriano Adebayo, sono riusciti a vincere e a convincere. Prima Elia contro Rasulo, poi Emanuele contro Pusceddu e di nuovo Elia contro Pusceddu ed Emanuele contro Congiu. L’unico a soccombere è stato il nostro presidente Maurizio Cuboni, peraltro al quinto set, opposto a Congiu. Altro da segnalare: ho vinto contro Rasulo al quinto set anche grazie ad uno spigolaccio finale (sul 10-9) che giustamente ha fatto arrabbiare il mio avversario. Nonostante il punteggio di 5-1 a nostro favore, l’incontro è risultato tiratissimo ed incerto fino alla fine, grazie soprattutto alla caparbietà della Torrellas Blu. Tanti complimenti e consigli gli abbiamo ricevuti dai presenti per la tenuta dei nostri giovani che ci ripagano dell’impegno che stiamo mettendo per la loro crescita. Adesso il campionato si fa serio. Il Sassari rischia ma non molla, l’Orione è uno squadrone, il Torrellas darà tanto filo da torcere a tutti, i Quattro Mori sono forti, e poi ci sono Alghero e Neoneli. Buon proseguo a tutti”.

Fabrizio Licciardi (Foto Pasquale Piroddi)

Dietro le due sorprendenti capolista segue di una lunghezza l’Alghero A che sgomina il Quattro Mori Cagliari. Il punto di vista è riservato a Carmine Niolu: “Il team del sud Sardegna si è presentato ad Alghero in formazione rimaneggiata a causa dell’assenza di Giuseppe Lepori. Questo fatto ci ha consentito di vincere due incontri abbastanza agevolmente con Salvatore Scotto e conquistare una vittoria importante per 5-1. In particolare le sfide con Rossana Ferciug sono state combattutissimi: io riesco a vincere per 3-2, con un po’ di fortuna, dopo essere stato sotto di due set ed aver annullato un match point. Quello tra Rossana e Christian Mulas è stato entusiasmante, di altissimo livello, giocato punto su punto, conclusosi al quinto set per il nostro atleta. Silvia Deligia vince con Mulas (allergico alle puntinate) per 3-1 e successivamente soccombe con lo stesso punteggio con Efisio Pisano”.

Ferciug e Niolu

Nella palestra del Neoneli va di scena l’incontro tra i padroni di casa e la compagine dell’Alghero B. “Partita importante per muovere la classifica da parte di entrambe le contendenti – confuta il capitano di casa Agostino Campanello – ancora ferme in classifica a zero punti. Parte subito bene il Neoneli che scrive a referto tre vittorie parziali, rispettivamente Gianni Pintus su Antonio Spissu, Stefano Conconi su Massimiliano Salis ed io su Salvatore Zinchiri. Nel quarto incontro il nostro Pintus va a perdere una partita tiratissima contro Salis, Le ultime due dispute vedono nuovamente prevalere gli atleti di casa Campanello e Conconi su Spissu e Zinchiri. Il Neoneli vince l’incontro con un bel 5-1, grazie alla sapienza tecnica ed ai consigli del tecnico Ignazio Meloni e porta a casa una partita importante e punti necessari per smuovere la classifica”.

Stefano Conconi (Foto Tomaso Fenu)

SERIE D1/B: AZZURRA SOLA, SOLETTA

Terzo successo consecutivo e ancora primato in classifica per l’Azzurra Cagliari. “La terza di campionato ci vede opposti agli amici dello Sporting Lanusei – specifica Gianfranco Manca – e l’incontro si rivela più facile del previsto per noi, con Massimo Atzeni e Gianni Pomata in grande forma. Tutti gli incontri finiscono tre set a zero, solo l’ultimo set dell’ultima partita, che mi vede opposto ad un ostico Cristian Esposito, finisce agli spareggi. Probabilmente la giornata storta del club ogliastrino ci rende il compito più agevole. Un grande saluto ai componenti dello Sporting sempre particolarmente accoglienti e simpatici”.

Massimo Atzeni (Foto Tomaso Fenu)

Un terzetto insegue la leader, composto anche dal San Orione Rosmarino che va a vincere sul campo della Muraverese. “Un’avversaria tosta – aggiunge il sulcitano Luciano Macrì – formata da giocatori molto tecnici ed esperti (Gian Luca Mattana e Mario Bordigoni), e da un giovane promettente come Marco Cocco. La giornata è caratterizzata da una pioggia torrenziale che ci fa giungere nella palestra bagnati come poveri pulcini. Però evidentemente tutta l’acqua presa ci ha dato forza ed energia per disputare un’ottima gara contro avversari irriducibili che in ogni set ci hanno impegnato tantissimo. Io riesco a vincere il primo incontro con Gianluca Mattana che nei primi due set e mezzo ha giocato benissimo, imponendo la sua tecnica ed i suoi schemi efficaci. Poi un suo calo e la mia determinazione hanno permesso di impormi al quinto set. Mario Bordigoni affronta Franco Fara e vince grazie alla sua esperienza contro i puntini lunghi. Franco riesce a mettere in difficoltà Mario solo nel terzo set. Complimenti al muraverese che è riuscito a mettere in pratica una tattica estremamente vincente. Nel terzo incontro il mio compagno Chicco Bianciardi deve vedersela con Marco Cocco. Il più giovane della squadra di Muravera risulterà troppo falloso soffrendo il gioco di Bianciardi, che domina per 3-0. Bordigoni contro Macrì (115 anni in due), non certo giovanissimi, riescono, secondo me, a disputare un buon incontro, con alcuni spettacolari scambi. Mario non riesce ad imporre completamente il suo gioco ed io riesco ad avere la meglio. Sul punteggio di 3-1 per la nostra squadra si affrontano Gianluca Mattana e Chicco Bianciardi e poi a seguire Marco Cocco contro Franco Fara. I miei compagni riescono a vincere entrambi gli incontri sfruttando le loro attitudini difensivistiche. Ad onor di cronaca va detto che i nostri avversari (sia Gianluca, sia Marco) hanno giocato bene mettendo a dura prova i miei compagni. Alla fine riusciamo a vincere questa sfida 5-1. Per noi è un piccolo ma importante tassello verso l’obiettivo salvezza”.

Luciano Macrì (Foto Tomaso Fenu)

Nel plotone delle inseguitrici c’è anche il Muravera TT corsara nel feudo de La Saetta. “Dopo lo stop imprevisto subito a Carbonia – interviene il tecnico sarrabese Francesca Saiu – è arrivata una gara delicata soprattutto per Michela Mura che dopo anni di permanenza nel club quartese poteva accusare delle mancanze a livello emotivo. Nonostante le difficoltà è riuscita a vincere entrambe le sue sfide con carattere (su Mariano Cossellu e Gianmichele Zanelli). Le faccio i miei complimenti perché è apparsa vogliosa di imporre il suo gioco confermando in campo i margini espressi negli allenamenti. E questo aspetto ci dà particolari sicurezze nel prosieguo del campionato. Assente Sara Congiu per problemi di salute, le briglie della situazione le hanno sciolte anche Aurora Piras e Alice Mattana. La prima ha ottenuto due vittorie (su Francesco Mascia e Cossellu) facendoci dimenticare le sue momentanee follie carboniesi. Peccato per Alice che opposta a Zanelli ha cominciato bene, lasciandosi andare alla distanza complici anche i fastidiosi servizi dell’avversario. Si è riscattata nell’ultima contesa avendo la meglio su Mascia. Sono contenta perché ci siamo riprese bene dalla precedente sconfitta e possiamo continuare a dire la nostra”.

Michela Mura (Foto Luciano Saiu)

La terza alle costole dell’Azzurra è il Monserrato che vince nettamente sul Torrellas Capoterra Gialla. Gli spunti di Riccardo Di Giovanni: “Già alla terza giornata sappiamo che quello contro il Capoterra è un incontro per noi molto importante in ottica salvezza, dopo la precedente vittoria ottenuta a Lanusei. Ci presentiamo con la squadra al completo, compreso il presidente Sandro Picciau e Fabrizio Carta, in versione coach. Apre le danze Giampaolo Manca che vince per 3-0 non dando chance al combattente Antonello Migliaccio. A seguire gioco io contro Marco Carboni, mai affrontato in precedenza. Vinco piuttosto agevolmente i primi due set dopodiché il padrone di casa prende le misure vincendo il terzo set e devo faticare molto per chiudere al quarto set. Il terzo incontro è quello più equilibrato del match. Marco Sanna e Antonio Cingolani danno vita ad una partita d’altri tempi, con lunghi scambi portati avanti col palleggio, nonostante i parziali dei set facciano pensare ad un incontro veloce. Alla fine è Marco Sanna che si aggiudica l’incontro portandoci sul 3-0. Per noi la situazione si fa in discesa tanto che le successive tre sfide le chiudiamo tutte per 3-0 a nostro favore. Io batto Migliaccio, Manca batte Cingolani e all’ultimo incontro il subentrante Alessandro Borea supera Carboni”.

Riccardo Di Giovanni (Foto Tomaso Fenu)

SERIE D2/A: PARTONO BENE SASSARI B E NULVI A

Il Santa Tecla Nulvi ripropone la stessa formazione dello scorso anno, con l’innesto del neofita Gavino Posadinu che si aggiunge agli esperti Marcello Bianco e Massimo Posadinu. Nella gara d’esordio, vinta contro il Libertas Ping Pong Monterosello 4-2, il presidente Francesco Maria Zentile ha preferito assistere ma non giocare: “Anche se composto da poche squadre, il girone si prospetta molto equilibrato con il Tennistavolo Sassari B che mi sembra una buona squadra, come peraltro l’Olbia. Il nostro compito sarà di ostacolarle per inserirci nella corsa al primato. Le nostre prime vittime sono stati gli amatori del Monterosello A (Paolo Rosatelli, Paolo Perantoni, Alessandro Bertarelli) che riuscimmo a sconfiggere agevolmente anche lo scorso anno. Discorso a parte merita Gavino: proprio perché alle prime armi preferisco che faccia esperienza. Massimo e Marcello non si stanno allenando ma riescono comunque ad imporsi nei loro singolari”.

Il Libertas Ping Pong Monterosello B

La prima giornata in corso Cossiga si apre con un derby tra Sassari B e Sassari Rosso. Il sunto di Francesco Denegri: “Nel primo incontro scendono in campo la giovanissima Maria Laura Mura e l’espertissimo Gianfelice Delogu che in tre set sbriga la pratica senza concedere nulla. Il secondo confronto è stato il più combattuto del match: io mi trovo a dover giocare contro Martina Bonomo che ha giocato benissimo riuscendo a strapparmi un set, ma mantenendo la calma porto a casa i successivi parziali. La terza partita vede scontrarsi l’espertissimo Salvatore Biosa contro la giovane promessa Laura Pinna che però perde in tre set, ma lascia buoni propositi per il futuro giocando un buonissimo tennis tavolo. Il quarto, il quinto e il sesto incontro terminano tutti rapidamente tre a zero. Le ragazze hanno espresso un buonissimo gioco e sono in netto miglioramento”.

Maria Laura Mura (Foto Luciano Saiu)

SERIE D2/ B: FANNO LA DIFFERENZA SASSARI BIANCO E SASSARI A

Derby casalingo in D2 tra il Tennistavolo Sassari Bianco composto dagli under 18 maschili (in tutto sono otto i giocatori coinvolti durante tutta la stagione) della società e la squadra Special allenata da Pierpaolo Idini in collaborazione con la Gena. L’intervento del presidente Marcello Cilloco: “Non nascondo l’emozione sia per l’esordio di tre ragazzi che hanno iniziato a giocare a tennistavolo da meno di un mese, sia per l’ormai consolidata squadra dei ragazzi speciali che con la loro simpatia rendono tutte le partite una gioia. Il risultato vede vincenti gli under 18 con due punti di Gabriele Solinas e Thomas Schroeder e uno di Marco Pirisi, punto della bandiera per gli special del capitano Giancarlo Idini”.

Tennistavolo Sassari in versione Bianco e Special

Il Monterosello A prevale sui paralimpici del Tennistavolo Sassari A come da contributo di Gianni Palmas: “Nella prima giornata di campionato la nostra squadra composta anche da Samuel Paganotto e Roberto Musio ci vede opposti alla squadra dei Paralimpici della Libertas: Demontis Michele, Sanna Lorenzo e Casu Manuela. Detti atleti, oltre ai campionati regionali di D2 partecipano anche ai vari Tornei e Campionati Regionali e Nazionali e si allenano assiduamente tre volte la settimana”.

Monterosello A e Tennistavolo Sassari A

SERIE D2/C: DUE ORISTANESI E UNA GUSPINESE CON LA MARCIA IN PIU’

Giornata d’esordio caratterizzata dai derby in famiglia. Finalmente si ricomincia – esclama Adolfo Simbula – con il classico esordio di campionato in cui i giocatori non sono ancora al massimo delle loro possibilità (e nel mio caso anche completamente privo di una pur minima tensione agonistica) in cui i più esperti BiancoRossi (tra cui anche Mario Littarru e Carlo Maulu), riescono a prevalere sugli Arancioni (Paolo Domenici, Emilio Maiello, Luigi Santus, Roberto Chessa) per 5-1. Da segnalare il più che positivo esordio di Roberto che riesce a vincere un set nella sua prima partita ufficiale”.

Carlo Maulu

La linea passa a Gian Paolo Collu a Guspini: “Per me è stato un giorno speciale; ad appena un anno dal rientro all’attività pongistica, seguita da una pausa di circa mezzo secolo, colpa un po’ della salute, un po’ della vita con i suoi imprevisti, ho finalmente vissuto il mio primo derby sportivo, alla tenera età di quasi 66 anni. Il TT Guspini decise di iscrivere due squadre a questo campionato: una composta dai giovanissimi Nicolò Carta, Manuel Broccia, Christian Liscia, Luca Broccia, Lorenzo Onnis (età 10- 13 anni), una dai meno giovani Gian Paolo, Fabrizio Melis, Giorgio Onnis, Silvio Dessì, Mondo Onnis, ovvero un team di esperti (41 – 65 anni). Data l’età e la poca memoria rimasta non sto a descrivere le varie fasi delle partite; posso dire che con grande piacere ho goduto della serietà, impegno, grinta e competitività dei giovanissimi, atleti che mettono a frutto i buoni consigli dei loro istruttori Riccardo Lisci e Fabiano Peddis. I meno giovani dal canto loro hanno dovuto fare i conti con l’emozione di sfidare in campionato quei bimbi che chiassosamente partecipano agli allenamenti e che potrebbero essere loro figli. Nel mio caso, essendo pure nonno, si potrebbe parlare di nipoti (altro che Federer!). Finisce 5-1 per i vecchi con l’aiuto di molte retine e spigoli, mentre è stata una vittoria per i giovani atleti grazie al loro comportamento generale splendido”.

Fabrizio Melis (Foto Tomaso Fenu)

Tonfo casalingo per il Paulilatino che viene superato dal TT Oristano Azzurri. “Il punteggio di 6-0 non ci lascia scampo – confessa il paulese Giuseppe Mellai – troppo forti per noi e noi troppo ingenui nel non riuscire a controbattere. Inizio io contro Emanuele Marras: riesco solo nel primo set a giocarlo alla pari mentre negli altri due non c’è stata storia. Opposto ad Urrai, invece, riesco, pur perdendo in tre set, a giocare un po’ meglio. Per i miei compagni è la stessa cosa: Pasqualino Putzolu contro Carlo Carta, nella sua prima gara, riesce a giocare alla pari solo nel terzo set pur perdendo 3-0. Contro Marras lotta solo nel primo set, negli altri due non c’è stata storia. Mentre Francesco Oppo, visibilmente emozionato per l’esordio, finisce per soccombere sia con Urrai, sia con Carta, troppo forti per lui”.

TT Oristano Azzurri e Paulilatino

SERIE D2/D: UN TANDEM FA LA DIFFERENZA

Decimomannu Rossa e Atletica Serramanna sembra che stiano prendendo il largo. La prima espugna il Palatennistavolo di via Crespellani, opposta alla Marcozzi Young. Il resoconto di Paolo Soraggi: “I padroni di casa vanno in campo con Lai Zemgus, Lai Varis, Saba Leonardo, e Meloni Enrico Maria. Noi con Ghiani Pietro, Garau Salvatore e Paolo Soraggi, orfani di Efisio Sirigu. Il primo incontro vede di fronte il giovanissimo (e promettente) Zemgus e il veterano Pietro: Zemgus si porta velocemente sul 2-0 con uno spumeggiante gioco offensivo, Pietro, rimonta sino al 2-2 ma cede nella quinta frazione. Si continua con un Leonardo per nulla intimorito dal suo Prof. di matematica ma con ancora poca esperienza sui servizi molto tagliati (gli riserverò qualche lezione … di fisica … sull’effetto Magnus e sui coefficienti di attrito, ma anche qualche pragmatica dimostrazione sul tavolo) che perde per 3-0: 1-1. È la volta di Varis contro Salvatore: il piccolo marcozziano è ben impostato ma ancora nulla può contro l’esperto puntinato. Torno in campo contro Zemgus e, per non correre rischi, non gli permetto di usare i suoi colpi preferiti e … il gioco è fatto. Il nostro quarto punto è opera di Pietro contro Enrico (subentrato a Varis), Enrico non riesce ad entrare in partita e perde per 3-0. L’ultima partita vede di fronte Leonardo e Salvatore, per Leonardo anche le puntinate sono un mistero da chiarire per poter affrontare al meglio qualsiasi avversario. L’incontro finisce per 5-1; un saluto agli avversari che al ritorno saranno sicuramente più forti e agguerriti”.

Il Decimomannu Rossa con il presidente Tomaso Fenu

Da Serramanna interviene Beniamino Pillitu: “Io, Gianni Capaccioli e Pier Giorgio Murru incontriamo i giovanissimi Torrellas Blu, che di cognome fanno tutti Pusceddu, a sottolineare una certa continuità pongistica in quel di Capoterra. Oriano, Jacopo e Edoardo hanno dimostrato che il talento è ereditario, e grazie allo staff di allenatori e all’impegno corale della società, sono in grande crescita. Da menzionare il talento della loro riserva Matteo Sanna che gioca da appena due mesi. La cronaca degli incontri per ora non ha storia, ma il prossimo anno temo di essere costretto a farla. Complimenti alla società in forte crescita”.

Gianni Capaccioli (Foto Tomaso Fenu)

Netta la vittoria del Decimomannu Blu su La Saetta Gialla. “Alla vigilia della gara non sapevamo nulla sui giovanissimi avversari – sottolinea Francesco Mela – tranne i loro nominativi. Nella pratica è stata una partita a senso unico: dei tre pongisti saettini, He Lin Xuan e Riccardo Rao hanno cercato di metterci in difficoltà: il primo, nella gara con me, mi ha fatto sudare nel primo set col suo diritto veloce; allora ho cambiato tattica di gioco e grazie ai servizi vincenti e al rovescio ho imposto il mio gioco e conquistato la vittoria. Per quanto riguarda Rao, solo nel terzo set della gara con Aldo Franceschi, ha tenuto testa al nostro giocatore: col suo top spin di dritto è riuscito a recuperare da 4-8 a 8-8, ma poi ha compromesso quanto di buono fatto poco prima con colpi forzati”. Successi anche di Alessandro Amoroso e Tomaso Fenu.

La Saetta Gialla e Decimomannu Blu (Foto Tomaso Fenu)

SERIE D2/E: MARCOZZI OLD IN FUGA

Terzo successo consecutivo per la leader Old marcozziana alle spese de La Saetta Blu. “Gara quasi mai in discussione – rammenta Stefano Sedda – con team avversario composto da mix di ragazzi molto giovani e qualcuno più esperto. Il risultato dell’incontro non è mai stato in discussione ma i saettini hanno dato il meglio per renderci la vita difficile. Con i compagni di squadra Raffaele Curcio e Dzintars Lai abbiamo conquistato due punti a testa che ci mantengono al vertice. In questo campionato visti gli avversari di Quartu Decimannu e Muravera sarà dura sino alla fine”.

Stefano Sedda (Foto Tomaso Fenu)

Il Decimomannu Gialla segue la prima in classifica ad una sola lunghezza. “Abbiamo vinto una buona partita contro i giovanissimi atleti della Muraverese – espone Fabio Ferrabue –  che al di là del risultato, son ben impostati e hanno fatto vedere un buon gioco. Marco Podda ha vinto in tre set contro Cocco Simone, mentre con Mattana Eva ha ceduto il terzo set molto equilibrato e ha poi chiuso al quarto. Italo Fois ha disputato la seconda partita contro Eva ed ha chiuso la partita in quattro set dopo aver giocato una partita in cui si sono visti alcuni buoni scambi. La mia con Samuele Camboni è stata sfida equilibrata: è riuscito a chiudere diversi punti a suo favore soprattutto col dritto. Successivamente ho giocato contro Piras Alberto una partita combattuta nel primo set e un po’ meno nei restanti due. Italo Fois ha avuto la meglio in tre set nell’ultima partita contro Camboni mettendolo in difficoltà con la sua gomma puntinata. Cercheremo di allenarci con continuità perché nella partita di ritorno i giovanissimi atleti della Muraverese saranno ancora più allenati e competitivi”.

Il Decimomannu Gialla (Foto Tomaso Fenu)

Il sempre allegrone Mattia Pala dà il suo personale giudizio sui due punti ottenuti dalla sua La Saetta Bianca, opposta al Muravera TT. “Dopo un riscaldamento di più di un’ora si inizia con Alessio Picciau contro Franceschina Seu. Partita molto tirata portata a casa dal mio compagno di squadra con un risultato di 3-2. Secondo match che viene giocato da me contro Nicola Macis dove mi impongo 3-1. Complimenti a Nicola per la grande partita che ha disputato. La terza sfida la giocano Simone Sebis contro Alessandra Stori; partita vinta da Alessandra con un facilissimo 3-0. Poi giochiamo io e Francesca; incontro incredibilmente portato a casa da me con un risultato di 3-0. L’ultima partita la giocano Francesco Murtas (detto comunemente Maurizio Crozza) e Rita Franzó. Francesco vince per 3-1. Complimenti a tutte e due le squadre che hanno dimostrato una grande prova sul campo. Un ringraziamento particolare va al fashion blogger (Alessandro Mercenaro) eal lo scienziato (Lorenzo Piras) per essere venuti a supportare la squadra”.

Il Muravera TT di serie D2 (Foto Luciano Saiu)

Al muraverese Luca Paganelli il compito di commentare il pareggio della sua Rossa contro il Cagliari TT. “Abbiamo disputato una partita non facile, con alti e bassi. Match in cui abbiamo sentito, in momenti distinti, sia il vento della vittoria, sia quello della sconfitta. Comincio io contro Aldo Puleo: lui ostico, io al momento non ancora in perfetta forma; alla fine riesco a prevalere per 3-1, 11-5 al quarto set. Poi Francesco Marotta affronta Paolo Marinelli. Purtroppo la superiorità di quest’ultimo si fa sentire ed il nostro compagno è costretto a soccombere. Successivamente Antonio Agostinelli sfida Alberto Puddu, perdendo 3-1. Il secondo giro, fortunatamente, è a noi più favorevole: Me la vedo con Marinelli: al termine di diversi set molto combattuti vinco per 3-1. Poi tocca ad Agostinelli contro Giancarlo Fasano: Antonio gioca bene, ma il puntinato del Cagliari ha la meglio al quinto set. A questo punto il tabellone indicava 3-2 per gli avversari, il nostro destino era nelle mani di un solo uomo: il nostro capitano Francesco Marotta il quale, in una partita all’ultimo respiro con Alberto Puddu, ci ha regalato il pareggio tanto desiderato, concludendo la partita per 11-8 al quinto set. Senza alcun dubbio il nostro uomo partita”.

Luca Paganelli (Foto Tomaso Fenu)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: